lunedì 29 dicembre 2008

Bonifacio VIII


Sette ragazzi approfittano di un compito che li obbliga ad una ricerca storica per creare un vero e proprio sito su papa Bonifacio VIII. Il loro sforzo ha come risultato un sito completo, di facile consultazione, composto da varie sezioni, tra cui le due piu' interessanti sono: la vera e propria indagine storiografica, potenziata da immagini e documenti dell’epoca, e un’opera teatrale in due atti più intermezzo, interamente inventata da loro.

domenica 28 dicembre 2008

Tre farse su Paolo e Francesca


A partire dalla Francesca da Rimini di Silvio Pellico (1815) [testo], nell'Ottocento furono scritte tre esilaranti farse napoletane:

Francesca da Rimini. Tragedia a Vapore di Antonio Petito [video]

Francesca da Rimini. Tragedia in cinque atti e venticinque versi di Salvatore de Angelis

Francesca da Rimini Parodia in un Prologo ed un atto di Eduardo Scarpetta

Paolo e Francesca: gallerie di immagini


La vicenda di Paolo e Francesca ha ispirato numerosi artisti.

Una galleria di immagini è offerta dal sito delle Giornate internazionali di studio dedicate a Francesca da Rimini, la cui seconda edizione si è tenuta a Rimini dal 4 al 6 luglio 2008.

Un'altra galleria è collegata allo spettacolo teatrale "Paolo e Francesca" di Sante Maurizi.

Francesca da Rimini e la musica


La vicenda di Paolo e Francesca ha ispirato molti musicisti. Ricordiamo:
- Francesca da Rimini (1831) di Saverio Mercadante
- Françoise de Rimini (1882), opera in un prologo, quattro atti e un epilogo di Ambroise Thomas, su libretto di Jules Barbier e Michel Carré
- Francesca da Rimini (1906), opera in un prologo, tre atti e un epilogo di Sergej Rachmaninov, su libretto di Modest I. Ciajkovskij (fratello del compositore)
- Paolo e Francesca (1907), dramma lirico in un atto di Luigi Mancinelli su libretto di Arturo Colautti
- Francesca da Rimini (1914), tragedia in quattro atti di Riccardo Zandonai, su libretto di Tito Ricordi, dalla tragedia omonima di Gabriele D'Annunzio.
Ascolta il finale [video]; leggi il libretto
- Francesca da Rimini (1877), fantasia sinfonica op. 32 di P. I. Ciajkovskij
Ascolta un brano [video] e guarda il balletto ideato dal coreografo Fredy Franzutti [video]

"Paolo e Francesca" di Sante Maurizi


Paolo e Francesca e' uno spettacolo ideato da Sante Maurizi e messo in scena dal Teatro stabile d'innovazione per l'infanzia e i giovani "La Botte e il Cilindro" di Sassari (2000).
La pagina web dello spettacolo offre un itinerario nelle arti visive e suggerisce molti percorsi di approfondimento nella letteratura e nella musica.
Parti della piece teatrale sono visibili grazie a YouTube:
- il delitto: la ricostruzione di Giovanni Boccaccio [video]
- la parafrasi di Giovanni Boccaccio (1373) [video]
- Francesca da Rimini di Silvio Pellico (1815) [video]
- Francesca da Rimini di Riccardo Zandonai (1914), libretto desunto dalla tragedia di Gabriele D'Annunzio [video]
- Lancillotto e Ginevra [video]
- I dolori del giovane Werther di Johann Wolgang Goethe (1774) [video]
- Madame Bovary di Gustave Flaubert (1856) [video]

sabato 27 dicembre 2008

Boccaccio e Pasolini: attivita' didattiche


Nel 1970-71 Pier Paolo Pasolini giro' un film sul Decameron. Il ricchissimo sito sul regista, curato da Angela Molteni, presenta una scheda che illustra in dettaglio l'evoluzione del progetto e la realizzazione finale.

- Leggi le novelle e confrontale con il corrispondente episodio del film. Se presente online, ti forniamo il link al video. Elabora una tabella a due colonne in cui evidenziare le differenze tra versione letteraria e cinematografica.
[Nell'elenco seguente le pagine si riferiscono alla sceneggiatura edita a cura di Giorgio Gattei, Bologna, Cappelli, 1975]
* p. 19 Ciappelletto [1]
* p. 19 Episodio Andreuccio (II,5)
* p. 24 Il vecchio napoletano racconta la vicenda della badessa (IX,2)
* p. 24 Ciappelletto deruba un ascoltatore [2]
* p. 24 Episodio Masetto (III,1)
* p. 28 Episodio Peronella (VII,2)
* p. 30 Episodio Ciappelletto (I,1)
* p. 34 Episodio Giotto (VI,5)
* p. 36 Episodio Caterina di Valbona (V,4): novella e video
* p. 38 Allievo di Giotto [1]
* p. 38 Episodio Lisabetta da Messina (IV,5)
* p. 42 Episodio Gemmata (IX,10)
* p. 44 Allievo di Giotto [2]
* p. 45 Episodio Tingoccio e Meuccio (VII,10)
* p. 46 Sogno dell'allievo di Giotto e finale del film: video
* p. 51 Episodio tagliato Alibech (III,10)

La sceneggiatura originale, edita da Garzanti nel 1995 e nel 2005 [/2^ edizione/], e da Mondadori nel 2001, prevedeva altri episodi e un diverso ordine:
* p. 97 Ciappelletto
* p. 99 Episodio Andreuccio
* p. 114 Episodio Masetto
* p. 128 Episodio Ciappelletto
* p. 142 Episodio Girolamo e Salvestra [assente nel film]
* p. 152 Episodio Alibech [girato, ma caduto nel montaggio]
* p. 167 Episodio Lisabetta
* p. 178 Episodio Caterina di Valbona
* p. 188 Episodio Chichibio [assente nel film]
* p. 202 Episodio Peronella
* p. 209 Episodio Tingoccio e Meuccio
* p. 222 Episodio Gemmata

Agli appassionati di cinema suggerisco la lettura di un bel libro di Simone Villari, Il Decameron allo specchio. Il film di Pasolini come saggio sull'opera di Boccaccio, Donzelli, 2004.

Ecco quanto ne scrisse Emanuele Occhipinti sulla rivista "Heliotropia" 3.1-2 (2005-06): "Il breve saggio di Villani ha il merito di essere una trattazione sistematica e esauriente che rivela al lettore il complicato gioco di echi visivi e letterari che rendono il film di Pasolini straordinario. Merito del libro (...) è quello di scoprire questa complicata trama e di dipanarne le fila avvicinando il lettore al capolavoro di Boccaccio. Nella lettura di Villani il film, con i suoi richiami letterari e interpretazioni, diventa un vero e proprio saggio narrativo con una propria valenza ermeneutica. Un libro fondamentale non solo per lo studioso, ma anche per chi insegna un corso sul confronto tra letteratura e cinema."

venerdì 26 dicembre 2008

Boccaccio in rete


- Il sito piu' famoso e' in inglese: Decameron Web, realizzato parecchi anni fa dalla Brown University di Providence. Permette comunque di leggere i testi delle novelle in italiano.

- La stessa opportunita' e' offerta dalla biblioteca digitale IntraText e da altri siti.

- Digital Scriptorium, un database di immagini di manoscritti medioevali e rinascimentali, permette di visualizzare alcune bellissime pagine miniate, tra cui quelle tratte dal Manoscritto MS Richardson 31, conservato a Cambridge (MA), Harvard University, Houghton Library [si tratta di un'edizione francese del Decameron].

- Audiolezioni del prof. Gaudio in formato mp3 [sono disponibili anche su iTunes].

- Il Progetto Giovanni Boccaccio, a cura di Giuseppe Bonghi, presenta alcuni saggi critici.

- Il sito internet dell'Ente Nazionale Giovanni Boccaccio e' attualmente [dic. 2008] in fase di aggiornamento, ma prevediamo che sara' ricco di informazioni utili per gli studenti.

mercoledì 24 dicembre 2008

"Voi ch'ascoltate": attivita' didattiche


- Visualizza le pagine di alcuni manoscritti del XV secolo, che contengono il sonetto proemiale del Canzoniere petrarchesco: 1, 2

- Confrontale con una versione a stampa del XVI secolo (appartenuta a Galileo)

e con una versione del XX secolo (tratta dal volume della collana Scrittori d'Italia della Laterza)

- Ascolta il sonetto in una "versione animata" in cui lo stesso Poeta sembra recitare il testo, oppure una lettura piu' tradizionale

- Ascolta la parafrasi del sonetto

Petrarca e la musica

Moltissimi artisti si sono ispirati ai testi di Petrarca per comporre madrigali e altri componimenti musicali, come si puo' facilmente desumere da un ricco database e dall'archivio digitale "Petrarca in musica".

Nonostante siano molti i CD dedicati alle musiche rinascimentali tratte da testi petrarcheschi [esempio 1 e 2], purtroppo, online non sono presenti molte tracce audio [e' possibile ascoltare delle esecuzioni elettroniche di partiture a scarsa diffusione].

Leggi l'articolo Petrarca, un cantautore ante litteram che si occupa di due esempi monteverdiani: "Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena"/sonetto CCCX [VI libro dei madrigali] - {audio} e "Vago augelletto che cantando vai"/sonetto CCCLIII [VIII libro dei madrigali].

Ferenc [Franz] Liszt pubblico' nel 1846 tre canzoni per tenore su altrettante poesie petrarchesche: LXI "Benedetto sia 'l giorno, e 'l mese, et l'anno" {audio 1, 2}, CXXXIV "Pace non trovo, et non o da far guerra {audio} , CLVI "I' Vidi in terra angelici costumi" {audio}.

Lo stesso compositore ungherese musico' tre versioni per pianoforte solo; ascolta il sonetto 47 nell'esecuzione di Alfred Brendel e Boris Berezovsky; il sonetto 104 in quella di Vladimir Horowitz e Jorge Bolet; il sonetto 123 in quella di Giampaolo Stuani.

I tre lieder che Franz Schubert musico' a partire dai sonetti XXXIV, XXXV e CLXIV {nella traduzione tedesca di Johann Diederich Gries a August Wilhelm von Schlegel} si possono ascoltare nella versione con Graham Johnson al piano e voce del baritono Matthias Görne: D 628, D 629 e D 630.

Un volume per esperti.

martedì 23 dicembre 2008

Petrarca in rete


Vari siti riportano notizie sulla VITA di Francesco Petrarca; tra questi una sezione della pagina del Comune di Arqua' Petrarca.

Altri link: dal sito "letteraura.it"

Il sito del VII centenario della nascita di Francesco Petrarca (2004) contiene molte informazioni utili soprattutto agli studiosi.

Alcune OPERE di Petrarca sono reperibili online [tra queste il Canzoniere]

Ai Triumphi (Trionfi) l'Universita' di Pisa dedica una sezione con l'illustrazione critica del poema e a una schedatura contenutistica dell'opera, che svolge la funzione di una guida alla lettura. L'illustrazione dei Triumphi è svolta nelle pagine "Questioni testuali" e "Esegesi" (alle quali si aggiungono, con funzioni di servizio alla consultazione delle molte schede della sezione, le pagine "Biblioteca" e "Bibliografia" ). La "Guida alla Lettura", articolata nei vari capitoli che costituiscono i Triumphi, è concepita come uno strumento di ricerca e di studio, dato che le schede che la corredano (riguardanti i temi e i personaggi del poema) sono strutturate come piccole voci di un'enciclopedia petrarchesca.

Digital Scriptorium, un database di IMMAGINI di manoscritti medioevali e rinascimentali, permette di visualizzare molti testi miniati, tra cui un bellissimo codice dei Trionfi.

La Biblioteca Nazionale Centrale di Roma presenta immagini di manoscritti e stampe

Il Narratore audiolibri permette di ASCOLTARE alcuni sonetti.

Siti in inglese:
- The Petrarchan Grotto
- Francesco Petrarch. Father of Humanism a cura di Peter Sadlon
- Petrarch at 700, elaborato in occasione di una mostra organizzata a UPenn

sabato 20 dicembre 2008

Leggere Dante Oggi: esercitazioni didattiche

Ti proponiamo alcune attività a partire dai materiali presenti sul sito "Leggere Dante Oggi":
- guarda i video realizzati dagli studenti;
- realizza anche tu un video;
- guarda i disegni che accompagnano i video degli alunni di scuola elementare;
- realizza anche tu dei disegni.

Un altro spunto didattico può venire dal sito "Galeotto fu Giotto", costruito durante l'anno 2007/08 dai ragazzi della 2^B e 2^A dell'ICS "A. Rizzoli" di Pregnana Milanese. In particolare,
- guarda gli storyboard contenuti nella sezione "Dante regista";
- realizza anche tu lo storyboard di un canto dantesco.

YouTube presenta molti filmati di studenti anglofoni che hanno realizzato dei progetti scolastici sulla DC [es. 1, 2, 3, ecc.]. Essi testimoniano la grande popolarità del poema tra i ragazzi e la loro creatività.
- realizza anche tu un video.

Progetto Leggere Dante Oggi


Leggere Dante Oggi è un progetto promosso dal Ministero della Pubblica Istruzione e dall'Agenzia nazionale per lo sviluppo dell'autonomia scolastica - ex Indire, e coordinato da un Comitato scientifico nazionale (DM 11 dic. 2006 n. 1234).
Il sito presenta molti materiali didattici tra cui i seguenti:
- video realizzati da studenti di vari ordini di scuole;
- una bellissima sezione dedicata alla lingua di Dante, curata dall'Accademia della Crusca. Offre la possibilità di visualizzare le 39 pale con motti danteschi, conservati nella sede dell'accademia;
- una ricca sezione intitolata "Dante e la Commedia", con saggi di importanti studiosi.

venerdì 19 dicembre 2008

Dante e il cinema


La Divina Commedia ha ispirato molti registi fin dalle origini del cinema.

1) Nel 1911 uscirono ben due film ispirati all'Inferno, uno della Milano Films e un altro, più breve, della Helios Film.
Il primo è stato recentemente restaurato e abbinato alla colonna sonora dei Tangerine Dream, un gruppo tedesco di musica elettronica [nel 2002 è uscito un CD e nel 2004 un DVD].

* Guarda il trailer del film e alcuni fotogrammi.

* Un numero monografico della rivista "Cinegrafie" è stato pubblicato nel 2007 dalla Cineteca di Bologna.

2) Il regista americano Sean Meredith ha realizzato nel 2007 il film a fumetti Dante's Inferno.
La versione inglese, con sottotitoli in italiano, è stata presentata nel settembre 2008 al Festival della letteratura di Mantova.

* Guarda il trailer

Materiali in inglese:
* Trama scritta da Meredith stesso
* sito del film
* video intervista
* intervista

3) L'attore Johnny Deep ha acquistato i diritti del libro In the Hand of Dante, scritto da Nick Tosches. [La notizia è stata data da vari giornali inglesi, tra cui il Telegraph].

{Un libro di Annibale Iannucci, intitolato Dante, Cinema and Televison e pubblicato dalla University of Toronto Press nel 2004, parla dell'influenza di Dante sul cinema e sulla televisione}

giovedì 18 dicembre 2008

Dante e la musica

L'argomento "Dante e la musica" si può affrontare da varie angolazioni: da un lato è possibile rintracciare e ascoltare musiche di compositori di tutte le epoche, i quali hanno preso spunto dalle opere dell'Alighieri, e -in particolare- dalla Commedia; dall'altro è possibile rintracciare musiche coeve al poeta, richiamate nel testo del poema.

Ad aiutarci in questi percorsi sono:

* "Dante's Reception in Music", una lista compilata da Otfried Lieberknecht, che riporta il nome dei musicisti, le composizioni che fanno riferimento a Dante, link esplicativi.

* link 1 [The World of Dante, University of Virginia]. Questo interessantissimo sito permette di ascoltare canti citati nel Purgatorio e nel Paradiso.

* link 2: 'memorie musicali' [Dante Online, Societa' Dantesca Italiana]. Consente l'ascolto di musiche composte nel Medioevo.

mercoledì 17 dicembre 2008

Dante in rete


Dante è uno dei poeti italiani più studiati in tutto il mondo. Per questo motivo sono consultabili in rete molti siti, alcuni dei quali parzialmente in lingua straniera [il testo della Divina Commedia, ovviamente, è sempre presente anche in italiano]. Una padronanza dell'inglese rende la consultazione più efficace, ma quest'ultima potrebbe risultare utile anche qualora lo studente non conoscesse l'inglese, data la ricchezza di materiali visivi e sonori comunque informativi.
Ecco un elenco dei siti più interessanti [dal 6^ in poi sono nella lingua del sì]:

1) The World of Dante, un mega-progetto elaborato dall’ Università della Virginia, è probabilmente il più bel sito al mondo sul poema dantesco. Presenta una stupefacente galleria di immagini, mappe, musiche, una linea del tempo, il testo in italiano e inglese, ed altro ancora.

2) Il Princeton Dante Project [PDP] è un progetto dell’università americana di Princeton. Combina un approccio tradizionale allo studio della Divina Commedia con nuove tecniche per consultare dati, immagini e suoni. Il testo del poema dantesco e’ sempre al centro dell’attenzione dello studente. Il sito riporta i seguenti materiali: i canti; [la traduzione inglese]; la recitazione in italiano; note storiche e interpretative; link diretto al Dartmouth Dante Project [vedi oltre]; link a siti danteschi presenti in rete.

3) Il Dante Dartmouth Project [DDP] è un progetto di una università americana, il Dartmouth College.
Contiene il testo del poema e più di 70 commenti. La lista dei commentatori può dare allo studente un’idea dell’importanza del poema, che è stato letto e chiosato dal Trecento a oggi.
Digitando nella finestra un verso o un termine è possibile avere accesso alle pagine dei commenti.
Un esercizio didattico facilitato da questo sito è quello di confrontare tra loro le osservazioni dei vari commentatori a proposito di un tema, un personaggio, e così via.

4) Il sito dedicato a Dante della Columbia University (NYC) presenta tra le cose più interessanti per uno studente un ampio archivio di immagini che possono aiutare a visualizzare la struttura dei tre regni, gli episodi e i personaggi. Si possono trovare: le illustrazioni di Doré, Botticelli e Dalì, più mappe tratte da vari commenti alla DC.

5) Danteworlds, creato dall’Università di Austin in Texas, è un viaggio multimediale che combina immagini artistiche [molto efficaci], commenti al testo e registrazioni audio. Il sito è strutturato attorno a una rappresentazione visuale dei tre regni, la quale mostra chi e cosa appare in un determinato luogo. Clicca sulle regioni di ciascun regno (cerchi dell’Inferno, terrazze del Purgatorio, sfere celesti del Paradiso) per aprire nuove pagine che presentano i personaggi e le creature che Dante incontra durante il suo viaggio. Clicca sulle figure individuali per vedere le immagini in formato più ampio. Per ogni regione puoi trovare: note esplicative, una galleria di immagini, la registrazione dei versi più importanti e domande per lo studio, tutti elementi che si prefiggono di arricchire l’esperienza della lettura.
[Vedi anche la scheda del volume di Guy P. Raffa, pubblicato da The University of Chicago Press]

6) Dante Online, a cura della Società Dantesca Italiana, presenta moltissimi materiali di grande efficacia didattica. Innanzitutto, informazioni sulla vita, corredate da una ricca iconografia, in formato testuale e multimediale. Contiene inoltre tutte le opere del sommo poeta. Permette di visualizzare i codici originali delle opere dantesche, materiali di difficilissima consultazione anche per gli studiosi. Alcuni codici sono riprodotti per intero e si possono ingradire le pagine, leggere così il testo nelle grafie dei copisti e osservare le miniature che lo corredano.
Tra le cose più originali e forse accattivanti per uno studente che si avvicina per la prima volta al capolavoro dantesco, il gioco La Commedia perduta, una serie di canti dell’epoca, richiamati nel poema [memorie musicali] e una “intervista impossibile” a cura di Giuseppe De Rita.
Vi è anche un video di presentazione del sito.

7) Il sito della Società Dante Alighieri presenta alcuni file audio e video.

8) Un dossier del sito Italica Rai contiene vari materiali, tra cui una serie di ritratti del Poeta.

9) YouTube offre la lettura di moltissimi canti ad opera di Vittorio Gassman, Vittorio Sermonti, Roberto Benigni [gli esempi qui segnalati sono tutti tratti dal canto V dell'Inferno] e Carmelo Bene [canto XXVI]. Benigni ha condotto una famosa trasmissione televisiva in cui spiegava la Commedia; si trova anch'essa online [anche in questo caso proponiamo il commento del canto di Paolo e Francesca].

martedì 16 dicembre 2008

Parchi letterari

I Parchi Letterari sono percorsi e itinerari attraverso i luoghi di vita e di ispirazione dei grandi scrittori italiani di tutti i tempi. L'idea ebbe origine grazie a Stanislao Nievo che curo' un progetto editoriale in piu' volumi, editi da Abete ed in seguito da Marsilio e Ricciardi & Associati. Oggi sono circa una trentina, sparsi in tutte le regioni. Alcuni hanno siti accattivanti e ricchi di informazioni; altri portali risultano meno interessanti. Alcuni parchi [es. Cassola, Vittorini, Pasolini, Montale] non sembrano avere un proprio sito, ma sono presenti prevalentemente sul sito "Parchi letterari" della Fondazione Nievo.

PIEMONTE:
- Parco paesaggistico e letterario Langhe Monferrato Roero [Vittorio Alfieri, Beppe Fenoglio, Cesare Pavese, Giovanni Arpino, Davide Lajolo]
LOMBARDIA:
- Parco letterario Antonio Fogazzaro {articolo "Varese News" 2007}
- Parco letterario Piero Chiara
VENETO:
- Parco Letterario Ippolito Nievo [video]
TOSCANA:
- Parco letterario Dante Alighieri
- Parco letterario Giosue Carducci
MARCHE:
- Parco letterario Giacomo Leopardi
- Parco letterario Paolo Volponi
CAMPANIA:
- Parco letterario "Lo cunto de li cunti" [Giovan Battista Basile]
- Parco letterario Francesco De Santis
- Parco letterario "L'isola di Arturo" [Elsa Morante]
ABRUZZO:
- Parco letterario D'Annunzio
MOLISE:
- Parco letterario Francesco Jovine
- Parco letterario Giuseppe Jovine
PUGLIA:
- Parco letterario "Ettore Fieramosca" [Massimo d'Azeglio]
BASILICATA:
- Parco letterario Isabella di Morra
- Parco letterario Carlo Levi
CALABRIA:
- Parco letterario Corrado Alvaro
SICILIA:
- Parco letterario Giovanni Verga
- Parco letterario Luigi Pirandello
- Parco letterario Salvatore Quasimodo
- Parco culturale del Gattopardo [Giuseppe Tomasi di Lampedusa]
- Parco letterario Leonardo Sciascia
- Parco letterario "Horcynus Orca" [Stefano d'Arrigo]
SARDEGNA:
- Parco letterario Grazia Deledda / sede di Galtelli'
- Parco letterario Giuseppe Dessi'

lunedì 15 dicembre 2008

Lo scrittore abita qui: Le case dei poeti


Le case di alcuni scrittori e poeti italiani sono diventate interessanti musei, dove, tra cimeli e ricordi, e' possibile capire qualcosa di chi vi ha abitato.

Ecco un elenco [incompleto] dei siti accessibili:
- la casa di Dante [Firenze]
- la casa di Petrarca [Arqua' Petrarca (Padova)]
- la casa di Boccaccio [Certaldo (Firenze)]
- la casa di Machiavelli [San Casciano (Firenze)]
- Palazzo Guicciardini [Firenze] vi nacque e mori' Francesco G.
- la casa di Ariosto [Ferrara]
- la cella di Torquato Tasso [Ospedale di Sant'Anna, Ferrara]
- le case in cui abito' Galileo Galilei [la Villa Il Gioiello ad Arcetri (Firenze), l'ultima dimora dello scienziato e scrittore, dovrebbe diventare la sede del Museo dell'Universo]
- la casa natale di Parini [Bosisio Parini (Lecco)]
- la casa di Goldoni [Venezia]
- Palazzo Alfieri [Asti], casa natale di Vittorio A.
- la casa di Manzoni [Milano]
- la casa di Leopardi [Recanati (Macerata)]
- la casa di Carducci [Bologna]
- la casa natale di Pascoli [San Mauro Pascoli (Forli'-Cesena)] e la casa di Castelvecchio Pascoli [frazione del comune di Barga, (Lucca)]
- la casa di Verga [Catania]
- la casa natale di Grazia Deledda [Nuoro]
- la casa natale di D'Annunzio [Pescara] e il Vittoriale degli Italiani [Gardone Riviera (Brescia)]
- la casa natale di Pirandello [Agrigento] e l' abitazione romana dello scrittore, sede dell'Istituto di Studi pirandelliani

[L'Associazione "Case della Memoria" raggruppa le case di artisti toscani]

domenica 14 dicembre 2008

Ad Alta Voce: "Il giornalino di Gian Burrasca"


Dal 15 Dicembre 2008 Pietro Baldini legge Il giornalino di Gian Burrasca di Vamba [Luigi Bertelli], per la serie "Ad Alta Voce" [podcast]

* il testo online

[Nel 1964 Lina Wertmuller giro' una famosa serie televisiva con Rita Pavone nel ruolo di Giannino Stoppani. Scene e costumi di Piero Tosi. Musiche di Nino Rota {un video dei molti presenti su You Tube} ]

giovedì 11 dicembre 2008

Vecchie e nuove interviste impossibili: attivita' didattiche

Se tu avessi la possibilita' di intervistare un personaggio storico o letterario, chi sceglieresti e perche'?

Prova a scrivere la tua intervista impossibile.

Vecchie e nuove interviste impossibili


Le Interviste Impossibili sono un esperimento unico nella storia della radio: dialoghi fantasiosi e coinvolgenti con grandi personaggi del passato, ricchi anche di riferimenti storici, ideati e realizzati da intellettuali prestigiosi e letti da attori famosi. Furono trasmesse sul primo e sul secondo canale radiofonico negli anni 1973, 1974 e 1975 con grande successo.

50 interviste impossibili sono state riproposte nel 1998 in un programma di RadioRai e Teche.

Teche Rai propone il testo di alcune interviste impossibili [elenco completo]:
Umberto Eco intervista Muzio Scevola
Maria Bellonci intervista Lucrezia Borgia
Nelo Risi intervista Giosue Carducci
Leonardo Sciascia intervista Maria Sofia, ultima regina di Napoli [video: parte 1 e parte 2]

Nel 2008 la Casa editrice Einaudi ha pubblicato un volume di nuove interviste dal titolo Corpo a corpo.

Alessandro Baricco e Victoria Cabello incontrano Rossini
Andrea Camilleri incontra Venerdì di Robinson Crusoe
Vinicio Capossela e Ramin Bahrami incontrano Bach
Gianrico Carofiglio incontra Tex Willer
Emma Dante incontra Polifemo
Carlo Lucarelli incontra Edgar Allan Poe
Piergiorgio Odifreddi incontra Galileo Galilei
Tommaso Pincio incontra Kurt Cobain
Antonio Scurati incontra Garibaldi
Walter Siti incontra Ercole
Gianmaria Testa incontra Fred Buscaglione

Le nuove Interviste impossibili non sono state pensate per la radio, ma per il palcoscenico, per essere recitate dal vivo in luoghi teatrali canonici o insoliti: molte sono già andate in scena con grande successo all'Auditorium Parco della Musica di Roma [video: 0:43 introduzione, 1:46 Antonio Scurati incontra Garibaldi, 4:00 Piergiorgio Oddifreddi incontra Galileo, ^:35 Walter Siti incontra Ercole]

Nelo Risi intervista Giosue Carducci: attivita' didattiche


Tra il 1973 e il 1975 vennero trasmesse sul primo e secondo canale radiofonico della Rai delle interviste impossibili: dei dialoghi fantasiosi e coinvolgenti con grandi personaggi del passato, ideati e realizzati da intellettuali prestigiosi e letti da attori famosi. Tra questi figurano Eco, Camilleri, Manganelli, Sanguineti, Sciascia e molti altri.
I testi vennero pubblicati da Bompiani nel 1975 e da Donzelli nel 2006.

Ascolta la registrazione dell'intervista di Nelo Risi a Giosue Carducci e rispondi alle seguenti domande?
1) Che lavoro fece Carducci?
2) Qual era in realta' la sua vocazione?
3) Cosa pensa dei suoi colleghi?
4) Come viene definito il "carduccianesimo"?
5) Come viene definita la poesia?
6) Quale definizione diede Croce di Carducci?

Leggi ora l'intera intervista

Umberto Eco intervista Beatrice: attivita' didattiche


Negli anni Settanta la Rai propose agli ascoltatori della radio una serie di "Interviste impossibili": dialoghi fantasiosi e coinvolgenti con grandi personaggi del passato, ricchi anche di riferimenti storici, ideati e realizzati da intellettuali prestigiosi e letti da attori famosi. A questo esperimento parteciparono tra gli altri Calvino, Camilleri, Ceronetti, Eco, Manganelli, Nelo Risi, Sanguineti e Sciascia.
Le interviste furono pubblicate da Bompiani nel 1975 e da Donzelli nel 2006.

Ascolta la registrazione dell'intervista impossibile di Umberto Eco a Beatrice e rispondi alle seguenti domande:
1. Che differenze ci sono tra la Beatrice della Vita nuova e quella di Eco?
2. Quale accento ha Beatrice?
3. Quali personaggi femminili vengono citati nell'intervista? Fai un elenco e spiega come mai vengono nominate?
4. Che tipo di inchiesta sta facendo Eco? Cosa ne pensa Beatrice?
5. Cosa pensa Beatrice di Simone de' Bardi?
6. Cosa pensa Beatrice di Dante?
7. E degli uomini in generale?
8. Nell'intervista ci sono molti riferimenti alla Vita nuova. Individuali e spiegali.
9. Il testo di Eco fa leva sull'ironia. Spiega in cosa consista.

mercoledì 10 dicembre 2008

10 dicembre 2008: sessantesimo anniversario della Dichiarazione dell'uomo


Il 10 dicembre 1948 l'Assemblea generale delle Nazioni Unite proclamava la Dichiarazione universale dei diritti umani. Per la prima volta nella storia dell'umanità, era stato prodotto un documento che riguardava tutte le persone del mondo, senza distinzioni. Per la prima volta veniva scritto che esistono diritti di cui ogni essere umano deve poter godere per la sola ragione di essere al mondo. Eppure la Dichiarazione è ancora disattesa, perché ancora troppo sconosciuta.

Link:

- Il testo della Dichiarazione in italiano, in francese e in inglese

- ascolta il testo della dichiarazione [download gratuito dal sito de Il Narratore audiolibri]

- Archivio Pace Diritti umani - Centro interdipartimentale di ricerca e servizi sui diritti della persona e dei popoli dell'Universita' di Padova [Cliccando sulle immagini della tavola della pace e' possibile leggere gli articoli e i commenti del professor Antonio Papisca]

- ABCDiritti umani, a cura di Antonio Papisca

- Conosci i tuoi diritti 2008

- Human Right Watch [in inglese]

- UN [ONU], Office of the Hight Commissioner for Human Rights [in inglese] -

- Council of Europe, Commissioner for Human Rights [in inglese e francese]

- Comitato diritti umani [fornisce link ad associazioni ed enti italiani impegnati a vario titolo nella difesa dei diritti umani]

- Marcello Flores, Storia dei diritti umani, Il Mulino, 2008

martedì 9 dicembre 2008

Carmelo Bene legge 'Tanto gentile e tanto onesta pare'

Luca Sossella Editore ha pubblicato un CD + fascicolo intitolato Lectura Dantis con testi danteschi nell'interpretazione di Carmelo Bene e musiche di Salvatore Sciarrino.

Il sito della casa editrice propone la lettura del sonetto Tanto gentile e tanto onesta pare in formato mp3.

lunedì 8 dicembre 2008

La prima prova scritta all'esame di stato

Consulta il dossier dedicato all'esame di stato conclusivo del ciclo di studi superiori nel sito del Ministero della Pubblica Istruzione.
Leggi le tracce assegnate dal 1999 a oggi, riportate da tantissimi siti; ad esempio, "Educazione & Scuola".
Consulta la sezione dedicata all'esame di stato del portale didattico "A tutta scuola", dove potrai trovare tracce, temi svolti, mappe concettuali, tesine, ecc.
Il sito "Zio Lupo" riporta suggerimenti per la maturita' 2009.
Il sito "Scuolidea" presenta proposte di soluzione e molti altri materiali.

Segnala al docente dei siti che ritieni chiari ed efficaci per prepararsi all'esame di stato.

domenica 7 dicembre 2008

"John Adams" by Tom Hooper (2008)


John Adams is a 2008 American television miniseries directed by Tom Hooper. The screenplay by Kirk Ellis is based on the book John Adams by David McCullough.

The biopic of John Adams and the story of the first fifty years of the United States was broadcast in seven parts by HBO.

Visit the site: read episodes synopses and view episodes recaps. Read the student guide.

"Joyeux Noël" par Christian Carion (2005)


Parmi les films sur la première guerre mondiale on trouve Joyeux Noël, réalisé par Christian Carion et paru en 2005.

Visitez le site du film et, en particulier, les chapitres suivants: Synopsis, Les personnages, Les fraternisations (L'Histoire: un texte de Marc Ferro, et Un Monument).

Consultez la page de la presentation du livre, paru en 2006.

En italien:

Elenca e discuti alcuni dati storici, anche sulla base di quanto studiato sul manuale di storia:
1. Secondo te, qual e’ la funzione delle fotografie presenti nei titoli di testa?
2. Perche’ il film inizia con le dichiarazioni di 3 bambini?
3. Cosa rappresenta William, il fratello del giovane scozzese?
4. Perche’ Jonathan, il giovane scozzese, non fraternizza come gli altri soldati?
5. Che rapporti gerarchici vigono all’interno della societa’?
6. Come si presenta la trincea?
7. Cosa scrivono i soldati nelle loro lettere? Perche’ vengono lette?
8. Come reagiscono alla fine le alte sfere [il vescovo anglicano, il generale francese, il principe tedesco]?
9. Che ruolo ha la musica nel film?
10. Che ruolo hanno le tradizioni nazionali nel film?

CLIL Content and Language Integrated Learning

Con l'acronimo CLIL [Content and Language Integrated Learning] si e' soliti definire sia l'apprendimento di contenuti disciplinari in una lingua straniera, diversa dalla lingua madre dei discenti, sia l'apprendimento di una lingua straniera attraverso lo studio di un particolare argomento.

L'Unione Europea sostiene fortemente questa metodologia di apprendimento/insegnamento. Come si legge in una pagina dedicata al medodo CLIL, "l'argomento puo' essere completamente staccato dall'apprendimento della lingua come una lezione di storia insegnata in inglese in una scuola italiana."

Gli insegnanti che usano la metodologia CLIL sono specialisti nella propria disciplina piuttosto che tradizionali insegnanti di lingua straniera. In alcune scuole gli insegnanti di lingua lavorano in equipe con quelli di altre discipline per offrire CLIL in vari contesti.

* una spiegazione molto efficace [in inglese] di cosa si intenda per CLIL sul sito Teaching English, prodotto dal British Council con il supporto della BBC [British Broadcasting Corporation] [Questo e' il primo di una serie di articoli tutti molto interessanti e utili, a cui si puo' accedere cliccando nella finestra a sinistra].

Teche Rai


Teche Rai e' una sezione dell'immenso portale della Radiotelevisione italiana, che e' possibile utilizzare per ricerche di materiali storici dal 1950 a oggi.

Archivio Storico Istituto Luce


L'Archivio storico dell'Istituto Luce e' suddiviso in due principali sezioni:

L'archivio cinematografico dell'Istituto Luce conserva quasi un secolo di memoria storica collettiva fissato in immagini in movimento, in milioni di metri di pellicola.
Si tratta di un prezioso e vastissimo patrimonio filmico composto non solo di cinegiornali e documentari di propria produzione (realizzati a partire dal 1924 anno di nascita della L.U.C.E. "L'Unione Cinematografica Educativa"), ma anche di testate d'attualità, collezioni documentaristiche e fondi esterni acquisiti via via nel tempo.
Questa ricca fonte audiovisiva, di un valore storico-culturale inestimabile, salvaguardata e valorizzata, catalogata e digitalizzata per essere accessibile a tutti, conta, attualmente, 12.000 cinegiornali, 6000 documentari e varie tipologie di film che vanno dalla cinematografia delle origini fino alla documentazione della vita politica, sociale e culturale degli ultimi decenni. L'archivio custodisce inoltre 8000 rulli di "girato non montato": si tratta del materiale cosiddetto di "repertorio".

L'archivio fotografico dell'Istituto Luce, con il suo patrimonio di oltre 3 milioni di immagini, documenta tutto il Novecento ed è una fedele cronaca dei cambiamenti del nostro Paese.

E' necessario registrarsi per avere accesso ai materiali.

Lezioni di storia Laterza - I giorni di Roma


9 storici raccontano 9 giornate cruciali per Roma e per il mondo nella serie I giorni di Roma. Si possono scaricare in formato mp3 dal sito della casa editrice Laterza.

Andrea Carandini, 21 aprile 753 a.C.: La fondazione della citta'
Luciano Canfora, 19 agosto 43 a.C.: Ottaviano e la prima 'marcia' su Roma
Andrea Giardina, 18 luglio 64 d.C.: L'incendio di Nerone
Alessandro Barbero, 25 dicembre 800: L'incoronazione di Carlo Magno
Antonio Pinelli, 6 maggio 1527: Il Sacco di Roma
Anna Foa, 17 febbraio 1600: Il rogo di Giordano Bruno
Vittorio Vidotto, 20 settembre 1870: La breccia di Porta Pia
Emilio Gentile, 9 maggio 1936: L'impero torna a Roma
Alessandro Portelli, 24 marzo 1944: Le Fosse Ardeatine

Lezioni di storia Laterza - Sulla scena di Roma

Laterza offre la possibilita' di scaricare dal proprio sito 9 lezioni di altrettanti storici, i quali illustrano eventi che hanno segnato la storia di Roma e dell'Occidente. Titolo della serie: Sulla scena di Roma.

Luciano Canfora, I senatori
Alessandro Portelli, Il bombardamento di San Lorenzo
Antonio Forcellino, Michelangelo: Roma accoglie il genio
Andrea Carandini, Le case del potere dai re agli imperatori
Andrea Giardina, I gladiatori
Giovanni Brizzi, Roma va in guerra
Anna Foa, Storia del ghetto
Alessandro Barbero, Cittadini e barbari: Roma multietnica
Antonio Pinelli, San Pietro: la fabbrica della discordia

Lezioni di storia Laterza - Le eta' di Roma


La casa editrice Laterza offre la possibilita' di scaricare 6 lezioni di altrettanti storici che evocano un'epoca di Roma attraverso un personaggio, una famiglia, una piazza, un palazzo. Il ciclo prende il nome di Le eta' di Roma.

Andrea Carandini, L'eta' dei Tarquini. Il mistero di Servio Tullio
Chiara Frugoni, L'eta' di Paolo III. Quando Marc'Aurelio si chiamava Costantino
Antonio Pinelli, L'eta' dell'oro. Agostino Chigi il Magnifico e gli splendori della Roma di Raffaello
Joseph Connors, L'eta' barocca. Piazza Navona, giochi greci, geroglifici egiziani e potere papale
Marco Fabio Apolloni, L'eta' dei Torlonia: l'arte di ostentare il lusso nella Roma papale
Vittorio Vidotto, L'eta' contemporanea. Piazza Venezia: celebrazione e sconfitta del mito della patria

Lezioni di storia Laterza - Novecento Italiano


Nel suo sito la casa editrice Laterza offre la possibilita' di scaricare 9 Lezioni di Storia sul Novecento italiano a cura di importanti studiosi e docenti universitari:

Emilio Gentile, 1900. Inizia il secolo
Mario Isnenghi, 1915. Cinque modi di andare in guerra
Giovanni Sabbatucci, 1924. Il delitto Matteotti
Claudio Pavone, 1943. L'8 settembre
Valerio Castronovo, 1960. Il miracolo economico
Marco Revelli, 1968. La grande contestazione
Vittorio Vidotto, 1978. Il delitto Moro
Salvatore Lupo, 1986. Il maxiprocesso
Ilvo Diamanti, 1992. Tangentopoli

La Storia siamo noi


La Storia siamo noi e' un programma televisivo della Rai.
Suo scopo e' "Ricordare il passato per capire il presente e progettare il futuro". Si prefigge di offrire "Il meglio della produzione storica italiana e mondiale, il racconto dei personaggi di un secolo, i gialli della Storia mai risolti, l'economia, i misteri della cronaca."
Presenta molti dossier, un archivio di 294 puntate [dic. 2008], una cronologia che copre gli anni 1900-2000, biografie, un motore di ricerca interno.

Che cos'e' la poesia?


Il poeta Valerio Magrelli risponde alla domanda "Che cos'e'... la poesia?".
La registrazione audio costituisce la prima parte di un CD che contiene 21 definizioni: Autore, Barbarismo, Calligramma, Dramatis persona, Explicit, Figura retorica, Gnarus, Hapax, Impegno, Lettore, Musica, Non-sense, Onomatopea, Paronomasia, Quaestio, Ritmo, Strofa, Tematica, Urgenza, Virgola e Zeppa. Online puoi ascoltare le prime 5: "autore", "barbarismo", "calligramma", "dramatis persona" e "explicit".
Il CD + fascicolo e' stato pubblicato da Luca Sossella Editore.

sabato 6 dicembre 2008

La biblioteca digitale IntraText: attivita' didattiche


Consulta la sezione italiana della biblioteca digitale IntraText e rispondi alle seguenti domande:
1) Quale codice viene attribuito ad Alessandro Manzoni tra i seguenti: a) ITA1071 , b) ITA1109, c) ITA2859, d) nessuno dei codici alfanumerici citati ?
2) Di quale degli autori italiani che finora hai studiato ci sono dei testi online?
3) Cosa pensi della possibilita' di trovare online e leggere dei testi integrali della letteratura italiana? Discutine con i compagni.

La biblioteca digitale IntraText: presentazione

Internet offre enormi potenzialita’ per rinnovare la didattica. Tra le risorse piu’ interessanti, vi sono le biblioteche digitali, enormi banche dati che permettono agli studenti di leggere online moltissimi testi della letteratura italiana.

La Biblioteca Digitale IntraText:

* è una biblioteca a pieno testo affidabile gestita da esperti che pubblica con cura scientifica testi, periodici, Opera Omnia, archivi. Ha collaborazioni con i maggiori istituti religiosi e con istituti di ricerca.

* pubblica con elevata qualità editoriale e con una interfaccia completa di lettura e ricerca secondo criteri scientifici che garantiscono la corretta rappresentazione dei contenuti, confrontabile con le migliori edizioni a stampa.

* adotta soluzioni specifiche per facilitare l’accesso e abbattere le barriere elettroniche conformandosi ai più severi standard internazionali. Ha ottenuto prestigiosi premi e certificazioni.

* pubblica testi di argomento religioso, filosofico, letterario e scientifico in più di 40 lingue con aggiornamento costante e quotidiano dei testi e delle raccolte. Presta particolare attenzione al trattamento delle lingue minori.

La sezione ITALIANA offre 2624 testi e l’opera omnia di autori presenti nei programmi del biennio e del triennio quali i seguenti: Luigi Capuana, Carlo Cattaneo, Grazia Deledda, Antonio Fogazzaro, Carlo Goldoni, Niccolò Machiavelli, Alessandro Manzoni, Metastasio, Italo Svevo, Giovanni Verga.

Ad Alta Voce: "Amore e ginnastica"


Questo mese [Dicembre 2008] Leopoldo Mastelloni legge Amore e ginnastica di Edmondo De Amicis.

* il testo online

[Una versione cinematogratifica del romanzo fu girata nel 1973 dal regista Luigi Filippo D'Amico]

Ad Alta Voce: attivita' didattiche

1) Raggruppa i titoli dei romanzi proposti dal programma radiofonico Ad Alta Voce in base alla lingua in cui sono stati scritti.
2) Scrivi a fianco di ogni titolo il nome dell'autore e l'anno in cui vennero pubblicati.
3) Quali dei libri citati hai letto nel corso della tua vita?
4) Quali vorresti leggere e perche'?
5) Presenta uno dei libri da te letti ai tuoi compagni.
6) Se fossi tu a scegliere il prossimo romanzo, quale indicheresti ai curatori della trasmissione? perche'?

Ascolta almeno una puntata della trasmissione e poi rispondi:
7) Cosa pensi della modalita' di proporre la lettura di un romanzo "ad alta voce"?

Ad Alta Voce: presentazione


Ad Alta Voce e' un programma radiofonico della Rai, trasmesso sulle frequenze di Radio3. Propone la lettura dei più celebri romanzi della letteratura mondiale, uno al mese. Per venire incontro alle esigenze di chi non puo' ascoltare la trasmissione all'ora in cui viene mandata in onda, la Rai offre la possibilita di scaricare ogni puntata in formato mp3. Unico inconveniente e' costituito dal fatto che le puntate vengono continuamente aggiornate. Se sei interessato, ti consigliamo di procedere all'operazione ogni settimana.

Ecco l'elenco di tutti i romanzi finora proposti:
Il circolo di Pickwik, Orgoglio e pregiudizio, La coscienza di Zeno, Moby Dick, Delitto e castigo, I Buddenbrook, Lord Jim, L'isola del tesoro, Memorie di Adriano, Il processo, Madame Bovary, Padri e figli, Giuoco perle di vetro, Se questo é un uomo, Il Gattopardo, Il conte di Montecristo, Per chi suona la campana, Il Mulino sulla Floss, I Malavoglia, I mandarini, I racconti di Kolyma, Il richiamo della foresta, I duellanti, I dolori del giovane Werther, I Vicerè, David Copperfield, Lessico famigliare, Una questione privata, Lolita, La Storia, Il deserto dei Tartari, La cripta dei cappuccini, Lo strano caso del dr. Jekyll e mr. Hyde, Opinioni di un clown, Piccole donne, Il Maestro e Margherita, Il rosso e il nero, Il ritratto di Dorian Gray, L'educazione sentimentale, Giro di vite, Pinocchio, Gli indifferenti, Il fu Mattia Pascal, Le avventure di Tom Sawyer, Emma, Il piacere, Resurrezione, Con gli occhi chiusi, I tre moschettieri, Il codice di Perelà, Tre uomini in barca, I ragazzi della via Pal, Il mare non bagna Napoli, Il giardino dei Finzi Contini, Tre camere a Manhattan, Il bell'Antonio, Camera con vista, La vita agra, Bel-Ami, Le memorie di Barry Lyndon, Canne al vento, Un anno sull'Altipiano, Il barone rampante, Amore e ginnastica.

Edublog: uno strumento ancora poco diffuso nella scuola italiana

EDUBLOG: UNO STRUMENTO ANCORA POCO DIFFUSO NELLA SCUOLA ITALIANA
Un docente presenta il suo blog didattico

La societa’ contemporanea va velocemente verso la digitalizzazione del sapere. L’Unione Europea lancia Europeana, un progetto sperimentale grazie al quale favorire l’accesso all’enorme patrimonio culturale dei paesi membri; il "New York Times" annuncia che a breve rinuncera’ alla tradizionale versione cartacea; teatri ed orchestre iniziano a proporre online le registrazioni dei propri concerti; musei, archivi e biblioteche predispongono nuove modalita’ di accesso ai propri tesori. Sono solo alcuni esempi di un elenco che potrebbe proseguire all’infinito. E la scuola? verrebbe da chiedersi. A che punto e’ il mondo dell’istruzione nella sua lotta quotidiana per stare al passo dell’evoluzione del sapere con risorse tecnologiche e mezzi economici infinitamente inferiori rispetto alle grandi istituzioni culturali dei paesi piu’ avanzati?

E’ arduo tentare di dare una risposta che richiederebbe indagini capillari e una raccolta di dati che solo ministeri, dipartimenti universitari e fondazioni culturali impegnate nel settore educativo possono affrontare.

Mi limitero’ pertanto a segnalare un progetto nato da qualche settimana, per nulla stra-ordinario ma significativo e stimolante sotto vari aspetti. Si tratta di un blog didattico dedicato all’insegnamento della letteratura italiana e della storia nel triennio della scuola superiore italiana.

L’idea e’ nata dalla constatazione che i ragazzi, per loro stessa ammissione, posseggono un computer grazie al quale hanno accesso illimitato a internet, dichiarano di farne un grande uso quotidiano, ma per reperire informazioni che nulla hanno a che vedere con lo studio e soprattutto con le discipline umanistiche.

Perche’ limitare l’utilizzo della rete alle chat? perche’ non aprire i confini dell’aula e dei manuali al mondo virtuale, potenzialmente infinito e ricchissimo di dati interessantissimi, talvolta proposti in modo estremamente accattivante?

Cosi’ e’ nato “Torresani-edu” e, per ragioni analoghe, presumo siano stati creati da molti docenti italiani, almeno a partire dal 2004, dei blog didattici.

Che cos’e’ un blog didattico e quali vantaggi potrebbe offrire? E’ uno strumento abbastanza flessibile, che puo’ essere adattato in base alle differenti intenzioni degli insegnanti che lo creano. Puo’, in base agli obiettivi che ci si prefigge di raggiungere, servire a spiegare uno o piu’ argomenti disciplinari, a favorire la comunicazione tra docente e studenti, a sviluppare insieme un progetto comune. Il principale vantaggio e’ la possibilita’ di affiancare ai manuali, grazie a semplici link, materiali reperiti online, e di integrare cosi’ le lezioni con filmati, registrazioni audio, immagini.

Anziche’ procedere di volta in volta a una ricerca tramite un motore, il docente puo’ scrivere nel proprio “edublog” un “post” con link a foto, video, audio, voci enciclopediche e via di seguito.

Il blog si trasforma cosi’ in una sorta di archivio di materiali didattici, a cui insegnante e studenti possono accedere ogni qualvolta sia necessario, sia dal laboratorio informatico della scuola, sia dall’aula di un istituto dotato di un moderno sistema wireless, sia infine dalle rispettive abitazioni. Gli studenti possono scrivere commenti in piena autonomia o essere invitati a lasciarne; altri colleghi possono trovare spunti per le proprie lezioni; nel migliore dei casi si puo’ creare una comunita’ virtuale di utenti interessati a un progetto comune.

Qualche semplice esempio ci aiuta a spiegare. L’insegnante di lettere apre l’antologia e legge il paragrafo “Cinema e decadentismo”. Vi trova citati film di John Huston e Luchino Visconti, che i curatori del volume presentano ottimamente, ma che gli studenti ben difficilmente avranno visto o potranno vedere se non vivono vicino a una cineteca. In ogni caso i lungometraggi sono presentati… a parole! Basterebbe aprire il computer per trovare locandine, fotogrammi, spezzoni dei film citati, che aiutino “a mostrare e non solo a dichiarare” come spesso siamo abituati a fare nelle aule scolastiche.

La rete puo’ essere fonte di piacevoli sorprese anche per il docente: egli puo’ trovarvi, per fare altri esempi, i video di studenti che declamano Dante o rappresentano in forma drammatica una novella di Boccaccio. Filmati analoghi, oltre a testimoniare la grande creativita’ dei ragazzi, possono fornire a chi cerca nuovi strumenti per coinvolgere le classi, mille idee e spunti.

[Questo articolo e' stato scritto qualche tempo dopo la nascita di questo blog, per una rivista didattica che poi non lo ha pubblicato. E' stato inserito tra i primi post, in quanto costituisce una sorta di introduzione al progetto.]

Che cos'e' un edublog?

Se si consultano e confrontano la versione italiana e inglese dell'enciclopedia Wikipedia, e - in particolare - la voce blog e le varie tipologie di blog, un dato balza all'occhio: nella prima non si parla di blog educativi, che sono invece ben illustrati nella seconda. La voce "edublog" e' tradotta solo in spagnolo.

Possiamo tentare di dare una sintetica definizione: un blog educativo e’ un blog scritto per fini educativi o didattici. Esempi potrebbero includere blog scritti da o per insegnanti, blog aggiornati da docenti per scopi didattici, blog elaborati da professori e allievi impegnati in un progetto comune, ecc.

["Torresani-edu" si presenta come un blog educativo elaborato da un docente di scuola superiore, il quale intende fornire ai propri studenti italiani di un triennio materiali legati alle discipline "Italiano" e "Storia". Puo' essere utile anche ad altri docenti per ricavare spunti didattici, oppure a persone interessate a capire cosa accade nella scuola italiana].

Benvenuti al blog "Torresani-edu"

Questo blog e’ una sfida personale e un tentativo di rinnovare l’insegnamento della letteratura italiana e della storia, calato nel vivo del lavoro annuale con gli studenti di un triennio di scuola superiore in Italia.

I destinatari privilegiati di questo blog educativo sono i miei studenti di 3^, 4^ e 5^. Altri lettori potranno trovare nel blog spunti interessanti per la didattica dell’italiano e della storia nella scuola superiore italiana.

Ci occuperemo di:
letteratura italiana, scrittori e poeti italiani, personaggi-luoghi-temi letterari, generi letterari
didattica dell’italiano, tipologie testuali, idee
arte, musica, opera, cinema e letteratura
attualita’, problemi del mondo contemporaneo
storia, personaggi storici, cinema e storia
politica culturale e luoghi del sapere: biblioteche, archivi, musei, giornali, cineteche, teatri, eventi