giovedì 29 luglio 2010

Evelyn Paul e Dante


Evelyn Paul fu un'artista e illustratrice, vissuta tra il 1883 e il 1963.

Tra i libri da lei illustrati ricordiamo:

- Storie da Dante [Stories from Dante] di Susan Cunnington, pubblicato in Inghilterra [London: George G. Harrap & Company, 1911], Stati Uniti [New York: Frederick A. Stokes Company, ma stampato in GB da Turnbull & Spears di Edinburgo] e Olanda [Zutphen : W.J. Thieme & Cie, 1924];

- La Vita Nuova [The New Life], tradotta da Dante Gabriel Rossetti, di cui esistono sei edizioni, pubblicate tra il 1910 e il 1915 in Inghilterra.

Copie digitalizzate di queste opere possono essere sfogliate pagina per pagina: la prima grazie a Internet Archive [l'edizione londinese, in cui i disegni sono riprodotti in bianco e nero, differisce lievemente da quella newyorchese che e' a colori]; la seconda grazie al sito "Illuminated Books", un progetto di Alfredo Malchiodi, Anita Malchiodi e Carlos Alonso Cabezas.

mercoledì 28 luglio 2010

La Divina Commedia di Sandow Birk


"La Divina Commedia di Dante" è un progetto grazie al quale l'artista californiano Sandow Birk ha adattato il testo del poema alla realtà contemporanea, immaginando che l'azione si svolga nell'America dei nostri giorni. Il progetto è confluito nella pubblicazione di tre libri a cura della casa Trillium Press di San Francisco, ognuno dei quali è dedicato ad una cantica e contiene più di sessanta litografie originali [Copertine e altre 6 illustrazioni su Flickr, foto di Barton Poulson]

Le opere legate al progetto sono state esposte in varie musei, tra cui il San Diego Museum of Art. Una mostra dedicata all'Inferno, curata da John Olbrantz, verrà allestita dal 16 ottobre al 23 dicembre 2010 presso l'Hallie Ford Museum of Art della Willamette University di Salem (Oregon).

[Birk ha collaborato alla realizzazione del film Dante's Inferno, di cui abbiamo parlato tempo fa].

---

Attività didattiche:

- Guarda le immagini del progetto. A quali episodi fanno riferimento?
- Scrivi una breve recensione sul progetto di Birk.
- Immagina un viaggio in compagnia di Dante nell'Italia contemporanea. Quali luoghi visiteresti e quali personaggi incontreresti?

martedì 27 luglio 2010

Iconografia di Dante


Un ricco elenco di opere ispirate a Dante e alla Divina Commedia è consultabile al dossier di Italica.

Dante nell'arte (le collezioni dei Musei francesi)

L'inventario informatizzato del Dipartimento di Arti Grafiche del Louvre permette di visualizzare 30 opere sul tema della "Divina Commedia" tra cui alcuni schizzi di Eugène Delacroix e disegni di Federico Zuccari.

Anche altre banche dati consentono una rapida individuazione di quadri, sculture, medaglioni e pubblicità: il catalogo collettivo delle collezioni dei musei francesi, "Joconde", alla ricerca "Dante", segnala ben 492 occorrenze.

lunedì 26 luglio 2010

La Divina Commedia illustrata da Miquel Barceló


Nel 2004 il pittore spagnolo Miquel Barceló ha esposto al Louvre una serie di acquerelli che illustravano la Divina Commedia.
La mostra, nell'ambito di una lunga tradizione di dialogo tra gli artisti viventi e i capolavori dei loro illustri predecessori, faceva eco all'esposizione "Dante e Virgilio all'inferno di Eugène Delacroix", organizzata dal Dipartimento di Pittura. Le opere dell'artista spagnolo, una sessantina in tutto, sono state esposte in successione in una sala del Dipartimento di Arti Grafiche: in aprile i disegni ispirati all'Inferno, in maggio quelli del Purgatorio e in giugno quelli del Paradiso. I disegni, eseguiti tra il 2000 e il 2002, erano destinati inizialmente ad accompagnare i tre tomi di un'edizione spagnola pubblicata dal Circulo de Lectores nel 2003, e apparsa successivamente in Francia per i tipi di France Loisirs.

Grazie al blog "Tangencias", curato da Emilio Aurelio Gil Alvarez, è possibile ammirare alcuni acquerelli.
Si possono reperire altre illustrazioni sul Dossier per la stampa, scaricabile dal sito del Louvre.

domenica 25 luglio 2010

Dante e i maestri del fumetto


La casa editrice Nuages pubblica una collana di Classici Illustrati, tra cui La Divina Commedia, affidandone la cura ad artisti molto noti:
L'Inferno di Lorenzo Mattotti
Il Purgatorio di Milton Glaser
Il Paradiso di Moebius (pseudonimo di Jean Giraud)

Progetto Duecento

Francesco Bonomi cosi' presenta il Progetto: "Il Duecento è un archivio che raccoglie testi della poesia italiana antica, del periodo che va dalle origini fino a Dante. Nel corso degli ultimi anni, ho raccolto un grande corpus testuale, probabilmente il più grande archivio del genere, e comunque l'unico disponibile in rete.

Utilizzando il menu sulla sinistra, potete effettuare ricerche nei testi, scorrere le opere di tutti gli autori classificati per scuole poetiche, ed avere informazioni sulla versione offline dell'archivio, che potete scaricare ed eseguire sul vostro PC.

Ad appassionati e curiosi consiglio una visita alla sezione "La critica" dove, attorno a una antologia della critica letteraria, sto creando un piccolo ipertesto sulla poesia del Duecento, utile per chi non conosce troppo bene l'argomento e vorrebbe una piccola "visita guidata".

Per la cronaca, segnalo che l'archivio comprende oggi quasi 200 autori tra maggiori, minori e minimi, per un totale approssimativo di 2.400 opere, 85.000 versi, 350.000 parole 3.000.000 di caratteri."

Il sito, "creato nel 1993, è stato pubblicato su web alla fine del 1994, diventando una delle prime (o forse la prima) base dati testuale in italiano di una certa importanza disponibile su Internet."

sabato 24 luglio 2010

Form@re, n. 69: i blog didattici


Il n. 69 (giugno 2010) di Form@re, Open Journal per la formazione in rete, e' dedicato ai blog didattici.

All'Editoriale di Filippo Bruni, dell'Università del Molise, seguono vari articoli di insegnanti che riflettono sulla propria esperienza, e a cui va sicuramente il nostro plauso per l'entusiasmo e la tenacia con cui hanno portato avanti i rispettivi progetti.

Per quanto riguarda l'Italiano e la letteratura, l'articolo piu' interessante e' Quando la classe sta in un blog… di scrittura creativa, che illustra i progetti della classe 2^Ast del Liceo Scientifico "G.B. Quadri" di Vicenza, guidata dal professor Simone Ariot, e i seguenti blog:
- il blog Parole fantasiose
- il blog I piccoli maestri, dedicato a Luigi Meneghello
- il blog Scoprendo il giovane Holden, dedicato a Jerome David Salinger e al romanzo di formazione
- il blog Frusciantissimo, ispirato al romanzo Jack Frusciante è uscito dal gruppo di Enrico Brizzi

Guarda l'intervista al prof. Ariot.

venerdì 23 luglio 2010

Dante per i manager


Dante per i manager. La Divina Commedia in azienda è un volume di Enrico Cerni, sales training manager della Generali Group Innovation Academy di Venezia, rivolto, come recita il titolo, ai dirigenti d'azienda, ma che può risultare interessante anche per gli studenti di un Istituto Tecnico Commerciale, o di un Istituto Tecnico del settore economico, come viene chiamato nei nuovi ordinamenti previsti nella riforma Gelmini. Il libro è stato pubblicato dalle Edizioni Il Sole-24 Ore nel 2010.

Visita la sezione del sito "Dante For Life".

Leggi l'inizio del capitolo dedicato all'Inferno.

Osserva attentamente la tabella dei vizi capitali, riscritti utilizzando il linguaggio aziendale, e leggi le spiegazioni delle 7 tendenze peccaminose che caratterizzano le anime del Purgatorio.

Osserva attentamente la tabella delle virtù aziendali indicate a modello e leggi l'incipit del capitolo dedicato al Paradiso.

Discuti con i compagni e con i docenti di lettere e economia.

Rispondi alle domande utili per il management.

giovedì 22 luglio 2010

Dante For Life


DanteForLife si presenta come un "sito per gli appassionati di Dante, per i curiosi, per i dantisti ma soprattutto per i dantomani. Per quelli che in ogni fase della loro esistenza hanno colto dai versi del poeta uno spunto per una migliore condotta esistenziale. E che per questo non vogliono in basso batter l'ali."

Il sito è curato da Enrico Cerni, al quale si devono sia un originale saggio per manager, Dante per i manager. La Divina Commedia in azienda (Edizioni Il Sole-24 Ore, 2010), sia un libro per bambini, La Divina Avventura. Il fantastico viaggio di Dante (scritto con Francesca Gambino; illustrazioni di Maria Distefano; Edizioni Coccole e Caccole), sia, infine, un libro per i ragazzi delle scuole secondarie di I grado, Alla scoperta della Divina Commedia (sempre con Francesca Gambino; pubblicato da Onda Edizioni, 2010).

Oltre a sezioni dedicate a questi lavori, il portale propone parecchio materiale didatticamente utile: nella sezione "Dante per la vita" vi sono una biografia, l'intera bibliografia dantesca scaricabile in formato pdf (grazie a LiberLiber), un link alla Biblioteca Dantesca Internazionale, un'antologia di citazioni dantesche, un elenco delle traduzioni in inglese, francese e spagnolo.

Dalle sezioni "AllenaMenti" e "AllenaCuori" è possibile scaricare dei materiali didattici.

mercoledì 21 luglio 2010

Dante's Inferno Animated


Dante's Inferno Animated è un film di Dino Di Durante, prodotto dalla Master Films Productions.

E' stato creato avendo in mente dei bambini e per dare loro l'opportunità di conoscere Dante. Il film descrive il viaggio di Dante nel primo dei tre regni dell'oltretomba, l'Inferno. Si basa su 50 illustrazioni a colori, tratte da un libro illustrato e da un giornalino, creati da Awik Balaian e Dino Di Durante. Nella presentazione gli autori tengono a sottolineare che il film non è un cartone animato ("cartoon"), nel quale i personaggi dialogano tra loro e pronunciano delle battute, ma una "animazione" ("animation"), ossia una tecnica grazie alla quale dei disegni sono filmati per creare un'illusione di movimento. Nella versione italiana il testo dantesco è recitato da un attore. Vi sono anche una versione in inglese e una in spagnolo.

Dante's Inferno Animated fa parte di una serie prodotta da Boris Acosta, che offre il 10% dei guadagni per promuovere la Divina Commedia nel mondo.

Dante's Inferno Animated è frutto del lavoro di molte persone: tutto iniziò quando l'illustratore Awik Balain sviluppò una serie di fumetti. In seguito, a lui si unirono degli esperti di "computer animation", tra cui Senthil Kumar. Infine, sotto la direzione artistica di Boris Acosta, vennero aggiunti la recitazione di Riccardo Pratesi e le musiche di Aldo De Tata. Le voci Beatrice e Virgilio sono di Silvia Colloca e Vittorio Matteucci. Nella versione inglese sono di Eric Roberts (Dante), Vincent Spano (Virgilio) e Amy Lucas (Beatrice). Altri personaggi vengono interpretati da Helene Cardona (Francesca, Furi), Andre Gordon (Centauri) e Dino Di Durante (parecchi personaggi).

Guarda il trailer (in italiano, con sottotitoli in inglese).

Gli altri film della serie prodotti da Boris Acosta:

1. Dante's Inferno - Abandon All Hope è un film di Dino Di Durante, narrato da Jeff Conaway, presentato negli Stati Uniti al Rhode Island Film Festival di Providence l'8 e 9 agosto 2009, e in Europa al Fantastic Films Festival di Lund (Svezia) il 22 settembre 2009. E' una versione ridotta (35 minuti) del film Dante's Inferno Documented, che ha una durata di 2 ore. Si differenzia da quest'ultimo non solo perché presenta differenti artisti e studiosi (o gli stessi ma in altre scene), ma perché è in bianco e nero mentre il precedente era sia bicromatico che a colori.

Guarda il trailer (in inglese).

2. Dante's Inferno Documented è un'introduzione al viaggio di Dante attraverso il primo regno dell'oltretomba. Alcuni studiosi e artisti italiani ed americani vengono intervistati via via che si passa da un cerchio al successivo. Il film utilizza le famose illustrazioni di Gustave Doré, le 50 illustrazioni originali del fumetto Dante's Inferno e spezzoni del film Dante's Inferno Animated.

Guarda le illustrazioni di Doré utilizzate nel film [Questa galleria fotografica può costituire un'ottima introduzione alla visione dell'Inferno dantesco].

Il trailer sarà presto disponibile dato che il film dovrebbe essere presentato nel 2010. Controlla il canale YouTube.

3. Dante's Purgatorio Documented, la cui uscita è prevista per il 2011.

Sono state create due comunità: una in inglese e una in italiano. Se lo desideri, puoi unirti cliccando su Dante's Inferno Community o su Comunità Dante Alighieri.

martedì 20 luglio 2010

La DIVINA Commedia


Come noto, Dante definiva "Commedia" il suo poema. L'aggettivo Divina fu aggiunto al sostantivo nel 1555, in una edizione di uno dei più famosi stampatori dell'epoca, Gabriele Giolito de' Ferrari. L'edizione fu curata da Lodovico Dolce, il quale fu probabilmente responsabile del nuovo titolo con cui siamo soliti riferirci al poema.

Guarda alcune immagini tratte dall'edizione cinquecentesca:
frontespizio,
Inferno - pagina 1,
Purgatorio - pagina 1,
Paradiso - pagina 1,
colophon.

Queste e moltissime altre informazioni sulle edizioni dal Quattrocento al Seicento, accompagnate da riproduzioni digitali, sono reperibili sul sito della mostra Renaissance Dante in Print (1472-1629).

Il progetto, online dal settembre 1994, fu una delle prime mostre di questo tipo presenti in internet e continua ad attrarre visitatori da tutto il mondo.

lunedì 19 luglio 2010

Dante Today: Citings & Sightings of Dante's Works in Contemporary Culture



Dante Oggi è un sito sperimentale ispirato dagli studenti di Arielle Saiber, docente presso il Bowdoin College di Brunswick nel Maine. Si presenta come un archivio di occorrenze delle opere di Dante nella cultura contemporanea. Il sito cataloga un'ampia gamma di citazioni, dalle più sommarie alle più ampie, dalle più superficiali (che usano l'opera del poeta un po' come un pretesto) alle più approfondite (che denotano una maggiore familiarità con i lavori del grande Fiorentino). Ai lettori è lasciata l'opportunità di formulare un giudizio sulla natura di ciascuna citazione e di notare la maggiore o minore frequenza di certi temi rispetto ad altri.

Attività didattiche:

Il sito permette allo studente di capire come Dante sia uscito dagli scaffali delle biblioteche o dalle aule scolastiche per divenire parte della cultura popolare: è a Dante, per esempio, che si collegano prodotti come la salsa Dan-T's, musiche come quelle dell'album Dante XXI del complesso Sepultura, videogiochi, nomi di bar o luoghi, vignette satiriche...
Discuti con i compagni:
Quale post ti ha colpito di più e perché? Cosa ti ha sorpreso e non avresti mai immaginato?
Quale informazione ti ha spinto a rileggere i testi danteschi o ad approfondire certi temi?

---

Le mie scelte (la maggioranza dei link proposti sono quelli suggeriti dal sito "Dante Today"):

Nella sezione "Written Word Archive":
- la copertina del "New Yorker" del 21 aprile 1997;
- Da Vino Commedia (Parte I: Vinferno) di Randall Grahm; illustrazioni di Alex Gross (Scarica il file in formato pdf dal post);
- Il viaggio di Dante: un'avventura infernale, Ed. Mandragora; testi di Virginia Jewiss; illustrazioni di Aline Cantono di Ceva; da un'idea di Christiana Castenetto.

Nella sezione "Visual Art & Architecture":
- le sculture di sabbia realizzate a Jesolo nel 2009. Vedi le foto su Flickr;
- le sculture di Dino Gagliano (Farrington Lake, Central New Jersey). Guarda le foto;
- le illustrazioni da Stories from Dante di Evelyn Paul, pubblicate dalla (ora defunta) casa editrice londinese George G. Harrap and Company Ltd. nel 1911;
- il quadro Discussing the Divine Comedy with Dante di Dai Dudu, Li Tiezi e Zhang An (2006);
- il progetto dell'architetto Mario Palanti per il palazzo Barolo di Buenos Aires;
- il progetto di Sandow Birk: "The Divine Comedy";
- il ritratto di Dante, eseguito da Agnolo Bronzino nel 1532 [Staatliche Graphische Sammlung, Munich] ed esposto a New York in una mostra dedicata all'artista fiorentino.

---

Una vera miniera di informazioni sugli influssi di Dante nella cultura popolare è reperibile in una voce (per ora solo in inglese e olandese) dell'enciclopedia Wikipedia.

domenica 18 luglio 2010

Manoscritti della Divina Commedia online

Un bellissimo codice della Divina Commedia, posseduto dalla Bodleian Library dell'Universita' di Oxford, è consultabile online. Si tratta del MS. Holkham misc. 48, risalente al 14^ secolo.

Un altro codice miniato su pergamena, conservato presso la Biblioteca del Centro Dantesco dei Frati Minori Conventuali di Ravenna e noto con la sigla Phillipps 9589, si può sfogliare online grazie ad AMS Historica, la Biblioteca digitale dell'Università di Bologna. Il codice "deve la sua notorietà al fatto non solo di essere l’unico palinsesto dantesco, ma anche di conservare, nella scriptio superior, uno tra i testimoni piu' antichi di quel ramo della tradizione manoscritta della Commedia di Dante chiamata “tradizione a”, la cosiddetta “antica vulgata”."

Altri manoscritti sono visionabili al sito Dante Online.

domenica 11 luglio 2010

L'Italia s'e' desta



" L’ITALIA S’E’ DESTA
(catalogo No-strano)

di Stefano Massini
con Daniele Bonaiuti, Luisa Cattaneo, Ciro Masella
regia Ciro Masella

Per il 150° anniversario dell’Unità d’Italia

Attenzione: i fatti raccontati in questo spettacolo sono tutti reali e tratti dalla cronaca.
Ogni riferimento a fatti e persone è puramente voluto.
VIETATO AI MINORI DI SPIRITO CRITICO

Immigrati cinesi stipati nelle fogne di Milano. Missili impazziti che bombardano cocuzzoli montuosi. Bunker anti-invasione nelle ville del Nord Est. Mattatoi ipertecnologici nell’Emilia dei prosciutti. Un supereroe con tanto di mantello che volteggia per una Gotham City partenopea… Autenticamente tratto dalle pagine di cronaca degli italici giornali, questo catalogo nostrano investiga impietosamente la geografia del Belpaese d’oggigiorno. Una stranissima, irriverente discesa agli inferi della famigerata penisola, dove l’intero stivale viene impietosamente passato ai raggi X. A voi stilare il referto.

Un viaggio grottesco, tragicamente ahimè reale tra le assurdità, le contraddizioni, i vizi e le virtù del paese che si accinge ad auto-celebrarsi nel 150° dell’Unità. Ecco allora saltar fuori caustico e corrosivo il profilo di un’Italia spietata, in cui tutto è possibile. All’alba del terzo millennio questo è un quaderno di appunti, di ritagli, di sottolineature: il sismografo di un improbabile essere nazione.

Quindici frammenti impazziti con titoli emblematici: Italia Numbers, Italia Tourism, Italia Comics, Italia Family, Italia Cash and Carry, italia Panic, Italia Kamikaze, Italia Psycho, Italia Lager, Italia Cyrcus, Italia Disneyland, Italia Apocalypse, Italia for Children, Italia Tomorrow, Italia Derby…

Un caravanserraglio di vicende umane, una galleria di personaggi. Un carnevale di maschere in velocissima sequenza. Massini scrive per il teatro il suo Moleskine di spigolature civili. Il quadro d’insieme non sarà forse celebrativo. Ma chi se ne importa? Le fonti sono vere. Il pozzo è autentico. E non è detto che lo specchio debba per forza restituirci belli. "


[fonte]

giovedì 8 luglio 2010

La mostra "1861"


" In occasione delle celebrazioni per il 150° anniversario dell'Unità d'Italia, le Scuderie del Quirinale presentano una grande mostra per illustrare come la pittura italiana abbia rappresentato gli eventi che tra il 1859 e il 1861 portarono il nostro Paese alla conquista dell'indipendenza e dell'unità nazionale.
L'esposizione presenterà le opere dei maggiori artisti dell'epoca (tra i quali Francesco Hayez, Giuseppe Molteni, Domenico e Gerolamo Induno, Eleuterio Pagliano, Federico Faruffini, Giovanni Fattori, Silvestro Lega, Odoardo Borrani, Michele Cammarano e Giuseppe Sciuti) ed evidenzierà come la loro lettura degli accadimenti di quegli anni abbia privilegiato una commossa rappresentazione dell'adesione popolare a dispetto di una più scontata e retorica celebrazione. Saranno messi a confronto, per la prima volta, i monumentali dipinti di Giovanni Fattori e Gerolamo Induno, per mettere in luce come entrambi gli artisti, pur con linguaggi diversi, ambissero al medesimo obiettivo: rappresentare le fondamentali battaglie per la conquista dell'Unità spostando l'attenzione dagli aspetti militari a quelli ideali e popolari.

In mostra sarà possibile ammirare il celebre La Battaglia della Cernaia di Gerolamo Induno che partecipò personalmente alla Guerra di Crimea e alla famosa battaglia che immortalò sulla tela in un'opera che costituirà un modello per tutta la pittura del periodo. Tra i più conosciuti artisti dell'epoca, Giovanni Fattori, invece, non partecipò direttamente alla Seconda Guerra d'Indipendenza ma seppe rendere, forse più di ogni altro, la dimensione epica del nostro Risorgimento realizzando capolavori artisticamente assimilabili alle più belle pagine del Tolstoj di Guerra e Pace. Nelle opere dei lombardi Eleuterio Pagliano e Federico Faruffini come in quelle del napoletano Michele Cammarano si potrà ammirare, poi, quel rivoluzionario e impressionante realismo che ispirò l'immaginario cinematografico di registi come Blasetti e Visconti che proprio al racconto del Risorgimento dedicarono alcuni loro capolavori.
In mostra, quindi, il racconto di alcuni degli anni e delle vicende più importanti della nostra storia, i fatti rivoluzionari del 1848, indispensabile premessa per capire le vicende dal 1859 al 1861, il mito delle Cinque giornate di Milano e quello di 'Roma ferita al cuore', la partecipazione popolare e l'epica della storia nelle opere di Hayez, Molteni, Induno. E ancora, lo spirito popolare dell'epopea dei Mille, il mito delle camicie rosse e la figura di Garibaldi interpretati da Fattori, Gerolamo Induno, Filippo Liardo e Umberto Coromaldi.
Con le delusioni di Villafranca e di Aspromonte, drammaticamente restituiteci dai capolavori di Domenico e Gerolamo Induno, la mostra si avvia a conclusione. Il tragico dipinto del Fattori, Lo staffato, è l'opera emblematica di questo periodo, il simbolo delle riflessioni e delle inquietudini che caratterizzarono quegli anni, forse, come è stato da più parti definito, il più vero e antiretorico monumento ai caduti delle guerre risorgimentali. " [fonte]

Attivita' didattiche:
- documentati sugli artisti citati nella presentazione della mostra;
- approfondisci la conoscenza dei registi citati e dei film dedicati al Risorgimento.

lunedì 5 luglio 2010

Ad Alta Voce: I racconti di Pirandello


Con il palinsesto estivo Ad Alta Voce cambia orario (nel pomeriggio, alle 16.00) e ogni settimana propone una serie di racconti.

Dal 5 luglio Vinicio Marchioni legge alcune novelle di Luigi Pirandello:

La carriola [Leggi il testo]

Ciàula scopre la luna [Leggi il testo]

La giara [Leggi il testo]

La signora Frola e il signor Ponza, suo genero [Leggi il testo]

Tu ridi [Leggi il testo]

Ricorda che tutte le puntate di Ad Alta Voce si possono scaricare (e riascoltare) grazie al servizio di podcast.

giovedì 1 luglio 2010

Scheda di correzione della prima prova scritta

Molti organi di stampa hanno reso noti in questi giorni i disastrosi risultati delle prime prove d'esame sulla base della correzione e della valutazione da parte di esperti dell'Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e formazione.
Ecco, ad esempio, un articolo di Giulio Benedetti ["Corriere della Sera"].
Un aspetto che molti commentatori hanno sottolineato e' lo scarto tra le valutazioni dei commissari e quelle di correttori/valutatori esterni.
E' notorio che supera brillantemente un esame colui che conosce in anticipo sia le modalita' dello stesso, sia i criteri di valutazione che verranno applicati.
Un suggerimento che ci sentiamo di avanzare e' dunque quello di utilizzare durante l'anno la scheda di correzione redatta in collaborazione dall'INVALSI e dall'Accademia della Crusca, discutendola sin dall'inizio del triennio con gli studenti.
Si puo' scaricare dal sito dell'Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione.

Altri materiali disponibili sul sito:
1. Fascicolo "La valutazione della prima prova dell'Esame di Stato", strumento predisposto da INVALSI - Accademia della Crusca, con il coordinamento scientifico del prof. F. Sabatini, per la correzione degli elaborati di italiano
2. Rapporto italiano 2007 con scheda di rilevazione per la valutazione per gli elaborati della prima prova scritta, redatta in collaborazione dall'INVALSI e dall'Accademia della Crusca
3. Slide di sintesi del Report di italiano 2007
4. Tracce delle prove 2007 – 2008 - 2009