lunedì 27 maggio 2013

domenica 26 maggio 2013

Videolezione su Andreuccio da Perugia: demo del LibroLIM ''Rosa fresca aulentissima''


Rosa fresca aulentissima è una storia e antologia della letteratura italiana, curata da Corrado Bologna e Paola Rocchi, e pubblicata dall'Editore Loescher.

I volumi cartacei sono accompagnati da un "LibroLIM" che contiene 33 videolezioni, integrate da testi, immagini, video e link per approfondimenti online.

Tra le 33 lezioni ve ne è una dedicata a Boccaccio e, in particolare, alla novella di Andreuccio da Perugia. È disponibile online in forma di "demo" del LibroLIM.



sabato 25 maggio 2013

Esame di Stato: un blog per prepararsi alla prima prova scritta




La casa editrice Zanichelli pubblica online un blog, curato da Carlo Mariani, per acquisire e migliorare le competenze necessarie in vista della prima prova scritta.


Esame di Stato: Le Palestre di Cloudschooling




La casa editrice Loescher pubblica sul suo sito 5.000 esercizi interattivi su molte delle materie dell'Esame di stato per la scuola secondaria. Si tratta di quesiti a risposta chiusa pensati per favorire il ripasso delle conoscenze e delle nozioni basilari delle discipline interessate.




Italiano: 300 esercizi interattivi in 29 verifiche di letteratura italiana, calibrate sul programma dell’ultimo anno di scuola superiore.

Storia: 500 esercizi interattivi per il ripasso della storia del Novecento, calibrati sul programma dell’ultimo anno di scuola superiore.

venerdì 24 maggio 2013

Boccaccio e l'arte della narrazione 5/14 - ''Andreuccio da Perugia''


Leggi l'introduzione alla quinta puntata della serie che la Radiotelevisione Svizzera sta dedicando a Boccaccio in occasione del settecentenario dalla nascita. È andata in onda il 26 marzo 2013. Ad animarla sono stati il prof. Marco Maggi e lo scrittore Andrea Bajani.

Guarda la puntata: 1. ascolta all'inizio l'ouverture dall'operetta Boccaccio di Franz von Suppé, nella trascrizione per pianoforte eseguita da Roberto Arosio; 2. ascolta -letta dall'autore- la riscrittura della novella di Andreuccio da Perugia; 3. guarda uno spezzone del film Un uomo da marciapiede (Midnight Cowboy) di John Schlesinger, di cui si suggerisce un parallelo con la novella di Boccaccio; 4. ascolta la conversazione tra Maggi e Bajani; 5. ascolta la lettura della novella originale da parte dell'attore Augusto di Bono.

Attività didattiche:

- Elabora una tabella in cui evidenziare un parallelo tra la novella di Andreuccio e il film di Schlesinger.
- Nella conversazione si allude alla riscrittura di Pasolini. Documentati in proposito.
- Il prof. Maggi, facendo riferimento al realismo di Boccaccio, cita un saggio di Croce, che individuò nella novella alcuni antroponimi e toponimi che avevano riscontri negli archivi del Maschio angioino. Recati in biblioteca e approfondisci. Il saggio è: Benedetto Croce, La novella di Andreuccio da Perugia (1911), in "Storie e leggende napoletane", Bari, Laterza, 1967 (6 ed.), p 45-84. Il volume è ora pubblicato da Adelphi.
- Accanto agli elementi realistici, sono presenti nella novella delle stilizzazioni come l'incontro con la ciciliana e la triplice caduta nel chiassetto, nel pozzo e nella tomba. Di cosa si tratta?
- Durante la conversazione vengono avanzati alcuni parallelismi tra Boccaccio e Dante. Sapresti elencarli e spiegarli?
- Bajani propone di collegare la novella di Andreuccio a quella di Guido Cavalcanti. Perché?
- Secondo Bajani, la novella di Andreuccio avrebbe a che fare con la scrittura, con le motivazioni che spingono alcuni individui a scrivere. Sapresti spiegare il suo ragionamento?

- Considera la riscrittura di Bajani e rispondi:
* Qual è la chiave di lettura della riscrittura di Bajani?
* Che differenze ci sono tra le due versioni?
* Prova a riflettere su cosa sia e su cosa implichi una "riscrittura" ad opera di un autore contemporaneo. Quanto dell'autore che rilegge e riscrive il testo, emerge nella nuova versione? Cosa e quanto viene "alterato"? Quanto il "rifacimento" si riflette sul testo di partenza e lo illumina di una nuova luce?


giovedì 23 maggio 2013

Un'edizione illustrata del ''Decamerone'' stampata 100 anni fa



Negli anni 1913-1916 fu pubblicata dalla casa genovese Formiggini un'edizione in dieci volumi del Decameron, curata da Ettore Cozzani. 
Ogni volume era accompagnato da xilografie di vari artisti: Emilio Mantelli (g. I), Giovanni Governato (g. II), Carlo Guarnieri (g. IV e V), Armando Cermignani (g. VI), Antonio Moroni (g. VII), Pietro Dodero (g. VIII), Benvenuto M. Disertori (g. IX) e Mario Mossa De Murtas (g. X).

[Una foto della seconda edizione]
Vi proponiamo alcune immagini reperibili online:



Un post del blog ''Amerblog'' è accompagnato dalle illustrazioni di Mario Mossa De Murtas.



Confronta anche la pagina di Sardegna Digital Library.

Di Benvenuto Disertori, il Fogg Museum [Harvard Art Museums] possiede una incisione usata per questa edizione.

[Fonte]
L'intera serie di 11 xilografie è stata venduta dalla casa d'aste Von Morenberg di Trento:








mercoledì 22 maggio 2013

D'Annunzio innovatore. La bellezza e la tecnica


Nel corso del XXVI Salone Internazionale del Libro di Torino si è parlato anche di D'Annunzio, di cui quest'anno ricorre il 150^ anniversario della nascita.

Nel video che segue, tratto dal canale YouTube FondazioneLibro, vengono presentati tre interessanti progetti in cui la tecnologia è stata usata al servizio degli studi filologici e letterari, ed ha aperto nuove prospettive:

- una collaborazione tra filologi e tecnici dell'Arma dei Carabinieri: grazie all'uso del video comparatore spettrale è stato possibile decifrare le correzioni e le sovrascritture autografe della tragedia La Gioconda, in vista dell'edizione critica [Per approfondire si legga questo articolo di Cultura Italia] ;

- un avatar, Luisa, creato dalla Fondazione Ugo Bordoni, capace di guidare alla visita del Vittoriale degli Italiani;

- la possibilità, offerta dalla Biblioteca digitale IntraText, da questo blog più volte citata, di consultare velocemente le concordanze di una parola "non vuota", cioè il risultato della ricerca di quella parola in tutta  la produzione dell'autore [Per approfondire, si vedano le istruzioni all'uso della stessa Biblioteca e, dopo il video, un esempio della ricerca della parola "piove"].





[Un esempio di ricerca lessicale tramite IntraText: le concordanze della parola "piove" nelle Laudi di D'Annunzio]

martedì 21 maggio 2013

L'ingegner Gadda torna in Via Asiago


A quaranta anni dalla scomparsa di Carlo Emilio Gadda, Radio3 ricorda il grande scrittore con un omaggio che vuole proporre un nuovo modo di leggerlo alla radio.

domenica 19 maggio 2013

Calandrino: illustrazioni per le scuole elementari


Sempre dalla Banca Dati Indire, traiamo due immagini relative al personaggio di Calandrino.

"Nel vasto patrimonio librario dell'Indire -si legge nelle didascalie che accompagnano le immagini-, i testi scolastici (manuali, sussidiari, libri di lettura) occupano un posto di rilievo. In questa banca dati essi sono presentati nella loro duplice dimensione di documento iconografico e storico."

[Fonte]
Pagina illustrata 10 x 16 cm. Immagine tratta dal libro di lettura: Luigi Ambrosini, Il quarto libro di lettura: per la quarta classe elementare, Torino, Paravia, 1925, 243 pp. Illustrazioni del pittore Massimo Quaglino.

[Fonte]
Illustrazione 10 x 14 cm. Immagine tratta dal libro: Lipparini Lilla, Il fiore di letture: per la quarta classe elementare, Bologna, Zanichelli, 1949, 158 pp. Illustrazioni di Leonella. L'immagine illustra un episodio del celebre libro Sussi e Biribissi di Collodi nipote, pseudonimo di Paolo Lorenzini.

Chichibio e la gru: illustrazioni per le scuole elementari


DIA, la Banca Dati Immagini di Indire, presenta alcune immagini tratte da libri per le scuole elementari. le quali hanno il doppio interesse di documentare una fase della storia della scuola italiana nella quale si affrontavano simili argomenti [chi, anche giustamente, penserebbe a una cosa simile oggi?] e di allargare lo spettro della documentazione relativa ai legami tra letteratura e arte, in genere centrata sui grandi artisti e illustratori.

[Fonte]
Illustrazione 9 x 11 cm. Immagine tratta dal libro: Puccini Mario, Masselli Vittorio, Soldimaggio: letture per la quarta classe elementare, Torino, Società Editrice Internazionale, 1948, 167 pp.

[Fonte]
Illustrazione 15 x 21 cm. Immagine tratta dal libro: Bacci Gino, Lugani Valerio, Mamma: letture per la quarta classe elementare, Milano, Aristea, 1949, 191 pp. Disegni di Libico Maraja.

[Fonte]
Illustrazione 10 x 11 cm. Immagine tratta dal libro: Piccone Stella Antonio, Il grande giuoco. Libro di quarta, Roma, Edizioni Leonardo, 1947, 119 pp. Disegni di Battigelli L., Ferri L., Nicco C.

sabato 18 maggio 2013

Ritratti di Boccaccio


Guarda la galleria fotografica dei ritratti dell'autore del Decameron, che Boccaccio 2013 ha inserito su Pinterest.

[Fonte: DIA Banca Dati Indire]



venerdì 17 maggio 2013

Cinema alla radio: capolavori cinematografici tratti da opere letterarie

Ogni domenica la trasmissione "Hollywwod Party" di Radio3 propone la rilettura di un classico del cinema.



Tra i film finora analizzati, ve ne sono molti tratti da romanzi italiani. Per tutte queste puntate è possibile scaricare il podcast.

Ecco l'elenco delle puntate con i film e le fonti letterarie che li hanno ispirati:

L'Agnese va a morire di Giuliano Montaldo (1976), tratto dall'omonimo romanzo di Renata Viganò (1949);

La lunga notte del '43 di Florestano Vancini (1960), liberamente tratto da un racconto di Giorgio Bassani contenuto nella raccolta Cinque storie ferraresi  (1956);

Il Gattopardo di Luchino Visconti (1963), tratto dall'omonimo romanzo di Giuseppe Tomasi di Lampedusa (1958);

La tregua di Francesco Rosi (1997), tratto dall'omonimo romanzo di Primo Levi (1963).

giovedì 16 maggio 2013

È giusto che la scuola sostituisca il libro cartaceo con quello digitale?


Un'intervista di Enrico Caporale a Paolo Barbero ["La Stampa", 16.05.2013] anticipa alcuni temi che verranno dibattuti nel corso di un incontro che si terrà durante il Salone Internazionale del Libro di Torino a proposito della sostituzione del libro cartaceo con quello digitale in ambito scolastico.

Catalogo e portale Web della mostra ''1861-2011. L'Italia dei Libri''


Il Maggio dei Libri, la campagna nazionale promossa dal Centro per il libro e la lettura del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, in collaborazione con l'Associazione Italiana Editori, rinnova anche quest’anno il rapporto con il Salone Internazionale del Libro di Torino attraverso la presentazione del catalogo della mostra 1861-2011. L'Italia dei libri.


La presentazione avrà luogo il 18 maggio alle ore 18 all'Arena del Bookstock Village del Salone.

La mostra 1861-2011. L’Italia dei Libri, a suo tempo segnalata anche dal nostro blog, è stata il principale contributo del Salone Internazionale del Libro al calendario di eventi che il nostro Paese ha dedicato due anni fa al 150° anniversario dell’Unità d’Italia.

Ricordiamo che il percorso espositivo de L’Italia dei Libri era articolato in cinque filoni: i 150 Grandi Libri, i 15 Superlibri, i 15 Personaggi, gli Editori, i Fenomeni Editoriali. Il numero quindici voleva richiamare i decenni del secolo e mezzo dalla raggiunta unità al centocinquantesimo.

Ecco l'elenco dei 15 SuperLibri:

1867. Ippolito Nievo, Le confessioni di un ottuagenario
1880. Carlo Collodi, Le avventure di Pinocchio
1886. Edmondo De Amicis, Cuore
1891. Giovanni Pascoli, Myricæ
1919. Giuseppe Ungaretti, Allegria di naufragi
1923. Italo Svevo, La coscienza di Zeno
1925. Eugenio Montale, Ossi di seppia
1929. Alberto Moravia, Gli indifferenti
1947. Primo Levi, Se questo è un uomo
1948. Giovannino Guareschi, Don Camillo
1957. Italo Calvino, Il barone rampante
1957. Carlo Emilio Gadda, Quer pasticciaccio brutto de via Merulana
1958. Giuseppe Tomasi di Lampedusa, Il Gattopardo
1980. Umberto Eco, Il nome della rosa
2006. Roberto Saviano, Gomorra

E quello dei 15 Personaggi:

Francesco De Sanctis,
Giosuè Carducci,
Gabriele D’Annunzio,
Emilio Salgari,
Benedetto Croce,
Luigi Pirandello,
Filippo Tommaso Marinetti,
Giovanni Gentile,
Antonio Gramsci,
Leo Longanesi,
Cesare Pavese,
Indro Montanelli,
Leonardo Sciascia,
Pier Paolo Pasolini,
Oriana Fallaci.

Nell'incontro del 18 maggio 2013 sarà presentato anche il portale Web che valorizzerà e integrerà i contenuti della mostra, con un taglio prevalentemente didattico, realizzato con il coinvolgimento dell'Istituto Poligrafico dello Stato, dell’Istituto centrale per i beni sonori e audiovisivi e delle Biblioteche nazionali centrali di Roma e Firenze.

[Fonte: Comunicato 10.5.2013]

mercoledì 15 maggio 2013

Alla scoperta della mostra ''Il Principe di Niccolò Machiavelli e il suo tempo''


Alessandro Campi, curatore della mostra Il Principe di Niccolò Machiavelli e il suo tempo. 1513-2013, che il Complesso del Vittoriano ospita dal 25 aprile al 16 giugno 2013, ci guida alla scoperta dei più significativi manoscritti, documenti, manufatti e opere d’arte in esposizione.



Ecco un altro video, proposto da RaiNews24, con una presentazione della mostra, sempre in compagnia del prof. Campi e di Giuliano Amato, presidente dell'Enciclopedia Italiana:



Sul sito della Treccani sono stati inseriti moltissimi materiali, di grande utilità per approfondimenti in ambito didattico.

martedì 14 maggio 2013

Serianni: Pratiche di scrittura argomentativa







Sul sito "I Lincei e l'istruzione" è stata inserita la registrazione completa dell'intervento che Luca Serianni ha tenuto il 7 ottobre 2011 presso l'Accademia dei Lincei: Imparare a scrivere: come, che cosa, perché.

lunedì 13 maggio 2013

Serianni: Leggere, scrivere, argomentare







Leggiamo l'introduzione all'ultimo libro di Luca Serianni, Leggere, scrivere, argomentare. Prove ragionate di scrittura, dal sito della casa editrice Laterza che lo ha appena pubblicato.









"L’intento di questo libro è insieme umile e ambizioso: illustrare, commentando un certo numero di brani contemporanei, come funziona un testo ben costruito; che cosa se ne può ricavare attraverso una lettura attenta a cogliere il rapporto tra contenuti, espliciti o impliciti, ed espressione linguistica; quali esercizi e operazioni di smontaggio possono servire, entrando nel laboratorio di uno scrivente esperto, perché chi esperto non è migliori la sua abilità di scrittura. Il volume è stato pensato in particolare per studenti della secondaria superiore – o meglio per i loro insegnanti, ai quali vorrebbe fornire suggerimenti operativi – ma anche per gli studenti universitari impegnati nella pratica della scrittura e per tutti gli adulti che sentono il bisogno di migliorare la propria capacità di interpretare e produrre testi scritti." [Fonte citata]

domenica 12 maggio 2013

Social Books


Social Books è un progetto di lettura digitale collettiva per una nuova didattica, digitale e interattiva, promosso dal Salone Internazionale del Libro di Torino e dalla piattaforma di social reading Bookliners.

"Grazie a Social Books - si legge nell'articolo citato - ogni utente può inserire note e commenti agli ebook presenti in streaming sulla piattaforma Bookliners (http://www.bookliners.com), condividere i propri contenuti con gli altri utenti o sui social network, interagire con le note altrui, rispondendo o contribuendo in tal modo ad arricchire il testo di partenza, senza intaccarne l’integrità.


Tra i titoli selezionati per il Salone, alcuni dei testi più diffusi nei programmi didattici italiani. In questo modo il progetto si rivolge in modo particolare alle scuole, offrendo ai docenti un’opportunità di insegnare in modo interattivo e innovativo, facendo diventare gli studenti protagonisti attivi della lezione. Social Books vuole così essere contemporaneamente un esperimento e un suggerimento di un nuovo modello possibile, sia dal punto di vista della distribuzione dei contenuti scolastici e formativi, sia da quello della creazione di un metodo didattico completamente inedito e stimolante per tutti i soggetti coinvolti. Ogni utente – autore, docente o studente – potrà accedere a un testo costantemente aggiornato all’ultima edizione, arricchito con le esperienze di altri lettori e a un prezzo competitivo."

Tra i titoli di Social Books figurano La Divina Commedia, il Decameron, i Promessi Sposi, le novelle di Verga e Il fu Mattia Pascal.


BookBlog 2013


Da anni il Salone Internazionale del Libro di Torino rivolge uno sguardo particolare al mondo della scuola e dei ragazzi.

Le iniziative a loro dedicate e a cui sono invitati a partecipare sono raccontate in "BookBlog".


"BookBlog [...] è il giornale online ideato e realizzato dai giovani, su fatti, personaggi, idee ed eventi del Salone Internazionale del Libro di Torino. Sul blog il Salone viene raccontato prima, dopo e durante il suo svolgimento da una redazione giornalistica di studenti fra i 12 e i 18 anni. Ma non solo il Salone: Bookblog è attivo tutto l’anno: qui viene raccontato il Salone nel suo farsi, i progetti realizzati con le scuole e la cronaca di altri importanti eventi letterari". [Fonte]

"BookBlog -si legge in un post che ne riassume la storia- si è rivelato sempre più utile come strumento didattico di promozione della lettura nelle scuole, diventando sempre più un laboratorio virtuale per facilitare lo scambio di idee, contenuti, progetti e saperi sulla lettura."

Ecco alcuni progetti speciali, rivolti agli studenti:

- Potere alla parola! Contro la violenza sulle donne

I ragazzi propongono parole che evocano anche indirettamente il tema della violenza contro le donne, parole che vengono utilizzate e abusate dai mass media, parole che possono costituire degli "antidoti" o delle alternative alla violenza.




- Parole al potere dai ragazzi

L'elenco delle parole inviate dai ragazzi.

- Le immagini al potere

Una raccolta di disegni, foto, immagini, frutto della creatività dei ragazzi, sempre sul tema della violenza alle donne.

- Recensioni di ragazzi

- Adotta uno scrittore

Gli studenti delle scuole superiori del Piemonte "adottano" uno scrittore scelto in una rosa proposta dal salone del libro. L'autore incontra i ragazzi quattro volte: tre tra febbraio e maggio e una quarta durante il Salone.


Ecco l'elenco degli scrittori adottati nel 2013.

- Vocabolario allargato

Anche quest’anno ventidue ragazzi di nove scuole superiori torinesi (dagli istituti professionali ai licei classici) hanno interrogato per tre mesi, sotto la guida dello scrittore Andrea Bajani, il mondo nel quale si trovano a vivere. Hanno coniato dieci parole nuove. Dieci parole che non ci sono ancora nel vocabolario e proprio per questo raccontano tutta l’urgenza espressiva per fissare il presente e il futuro.



Le parole allargate del 2012 hanno dato vita a un progetto fotografico intitolato #tag di Ornella Orlandini.

Una delle fotografie con il linguista Tullio De Mauro

Le dieci parole del 2013 sono invece state ritratte da cinque giovani fotografi e saranno in mostra a Traduzioni Visionarie.

sabato 11 maggio 2013

Hohò. Omaggio degli artisti contemporanei a Boccaccio


HOHÒ. Gli artisti contemporanei incontrano il Decameron è il titolo di una mostra organizzata nel 2012 dal Centro per l’arte contemporanea "Luigi Pecci" e svoltasi a Certaldo.



Il titolo HOHÒ è ripreso dalla novella di  Chichibìo (VI,4), il cuoco veneziano di Currado Gianfigliazzi, il quale, per giustificare la sottrazione di una coscia della gru che doveva cucinare al suo padrone, dichiara che le gru hanno una zampa sola. Quando il giorno dopo i due si recano presso un fiume per verificare chi abbia ragione, Currado grida appunto "ho ho" alle gru e queste, abbassata immediatamente la seconda zampa, volano via. «voi non gridaste 'ho, ho!' a quella d'iersera; ché se così gridato aveste ella avrebbe così l'altra coscia e l'altro piè fuor mandata, come hanno fatte queste» si giustifica Chichibìo, ed è proprio tale battuta a far sorridere Currado e a indurlo a perdonare il ladro.

Alla mostra del 2012 sono stati invitati Francesco De Grandi, Andrea Mastrovito e Andrea Salvino.

Sul sito "gonews" si possono vedere alcune immagini delle opere esposte.

Una serie di fotografie della serie Giornata III, novella X di Mastrovito è visionabile sul sito dell'artista.

Un video è invece presente sul canale YouTube dell'artista:


Scopo della esposizione era anche quello di riscoprire il grande patrimonio di opere, raccolto in occasione delle due edizioni dell' "Omaggio degli artisti contemporanei a Giovanni Boccaccio" (1966 e 1997), e di aprire, con un anno di anticipo, le celebrazioni per il settecentesimo anniversario della nascita del grande novelliere (1313 – 2013).

Le opere presentate nelle sale del Palazzo Pretorio di Certaldo Alto erano di Floriano Bodini, Massimo Campigli, Agenore Fabbri, Pericle Fazzini, Emilio Greco, Renato Guttuso, Carlo Levi, Silvio Loffredo, Mino Maccari, Giacomo Manzù, Francesco Messina, Mirko (Basaldella), Antonietta Raphael Mafai.

[Fonte]



 Boccaccio 2013 ha inserito su Pinterest una galleria fotografica di grande interesse.

venerdì 10 maggio 2013

Bop Decameron




Il Comune di Certaldo intende raccogliere opere di artisti contemporanei italiani e stranieri dedicate a Giovanni Boccaccio, al fine di ampliare la sua collezione, che già conta più di settecento pezzi.

Pertanto, in occasione del settimo centenario della nascita di Giovanni Boccaccio, ha promosso un terzo appello agli artisti contemporanei [dopo quelli del 1966 e 1997], invitandoli a confrontarsi con la scrittura del più famoso cittadino certaldese.

Della direzione del bando si sta occupando il Centro per l’arte contemporanea "Luigi Pecci" di Prato, mentre la raccolta delle opere è stata affidata a "Celeste Network".

Tra luglio e settembre, nelle sale di Palazzo Pretorio a Certaldo Alto, sarà allestita una mostra con le 10 opere selezionate da una giuria internazionale. Le opere presentate saranno anche quelle che entreranno nella collezione di proprietà del Comune toscano.

[Fonte]

Sul sito del Premio Celeste è possibile visionare le opere finora pervenute. Di seguito ne presentiamo alcune che hanno per soggetto lo scrittore:

Gianfranco Uber, Boccaccio 2000.
Sfuggire alla peste all'epoca del WEB. [Fonte]

Mariella Bogliacino, Caro Giovanni B. Dedicato a Giovanni Boccaccio [Fonte]


giovedì 9 maggio 2013

10 maggio 1933: Ottanta anni fa il rogo dei libri


Dal sito di Radio3:

"Ottanta anni fa, il 10 maggio del 1933, nella Piazza dell’Opera di Berlino i nazisti misero al rogo migliaia di libri. Gli autori erano etnicamente impuri, politicamente sgraditi o artisticamente “degenerati”; e dunque ebrei, socialisti o comunisti, scienziati e scrittori d’avanguardia. L’elenco comprendeva gran parte del pensiero e della letteratura moderni, la cultura del nostro tempo nei suoi aspetti più coraggiosi e avanzati.
In ogni epoca, i libri sono stati censurati, distrutti, cancellati con ogni mezzo fisico e morale. La perduta Biblioteca di Alessandria è ancora oggi il simbolo della ferocia con cui culture e religioni “nuove” hanno trattato ogni traccia del passato, ogni segno di altre culture e di altre grandezze che nei libri (qualunque sia la loro forma fisica) si deposita. L’Indice dei libri proibiti è stato il modello di ogni dittatura teologica o politica. E del resto quella di Opernplatz (oggi Bebelpltaz, sede di un suggestivo monumento commemorativo e di molte iniziative politico-culturali) fu una delle tante edizioni di una lugubre cerimonia con cui il nazismo pensava di cancellare le tracce di una cultura che non capiva, non accettava, che sentiva comunque -e giustamente- ostile. Oltre ai roghi, una campagna altrettanto aggressiva e ancora più profonda mirava a ripulire e “bonificare” biblioteche e librerie.


Alla vigilia del Salone internazionale del Libro che si aprirà a Torino la settimana prossima (e che Radio3 seguirà con l’abituale passione e attenzione), una giornata speciale ci aiuterà a pensare ai libri e alla cultura sotto una luce diversa. Con una consapevolezza che gli eventi di ottanta anni orsono non fanno che ribadire: dove si bruciano i libri, si bruciano prima o poi gli uomini stessi. L’anniversario è l’occasione in primo luogo di raccontare una tragedia e, nel nostro piccolo, di risarcire le vittime. Venerdì 10 maggio ogni trasmissione di Radio3 “adotterà” uno dei libri bruciati o degli autori perseguitati, ne riprenderà il messaggio e ne racconterà l’importanza, lasciandoci almeno immaginare cosa avremmo perso, tutti noi umani, se quei libri fossero davvero bruciati e cancellati dal nostro orizzonte. Ma il ricordo di quell’evento non può che metterci di fronte a qualche domanda ancora aperta e del tutto attuale. Intanto, quali sono oggi lo spazio e la forza dei libri? Ha ancora, la cultura contemporanea, la capacità di generare pensiero critico inconciliabile con il potere? E quali sono le forme che il potere può ancora mettere in campo per fermare le idee? L’era digitale ci libera da ogni rischio di censura o invece enfatizza le possibilità di controllo?"

mercoledì 8 maggio 2013

Festa dell'Europa 2013





Link:

da politicheuropee.it

Roma, 10 maggio

Firenze, 7-12 maggio

Venezia, 5-9 maggio













Quali sentimenti e valori ci fanno sentire oggi “cittadini europei”?

Il Museo Maxxi chiede a tutti di esprimere un parere su twitter.

N. Maraschio: Novità sul Vocabolario degli Accademici della Crusca


Sul canale YouTube dell'Istituto Italiano di Cultura di Toronto è stato inserito il video di una conferenza che Nicoletta Maraschio, Presidente dell'Accademia della Crusca, ha tenuto sul tema Novità sul Vocabolario degli Accademici della Crusca (1612-2012).

martedì 7 maggio 2013

Video ''L'Accademia della Crusca e i 400 anni del suo Vocabolario''


Il 29 marzo 2013 sul canale YouTube dell'Accademia della Crusca è stato inserito un bel video sulla mostra sui 400 anni del Vocabolario degli Accademici, edito per la prima volta a Venezia nel 1612.




Il filmato descrive dettagliatamente il contenuto delle quattro teche presenti in mostra:

Prima teca - Prima della Crusca: i più antichi esemplari di opere lessicografiche posseduti dalla Biblioteca dell'Accademia e pubblicati prima del 1612:

- Niccolò Liburnio, Le tre fontane, 1526 [Sfoglia]
- Fabrizio Luna, Vocabulario di cinquemila vocabuli toschi, 1536 [Sfoglia]
- Francesco Alunno, Le ricchezze della lingua volgare, 1551 (2˚ edizione) [Sfoglia]
- Alberto Accarisio, Vocabolario, grammatica, et orthographia della lingua volgare, 1543 [Sfoglia]
- Francesco Alunno, Della fabbrica del mondo, 1562 (4˚ edizione) [Sfoglia]
- Giacomo Pergamini, Il memoriale della lingua italiana, 1617 (2˚ edizione, postuma) [Sfoglia]

Seconda teca: I documenti preparatori

- diario autografo di Bastiano de' Rossi, detto l'Inferigno, con la più antica attestazione dell'inizio dei lavori per il Vocabolario,  6 marzo 1591 (1590 stile fiorentino)
- Istruzioni per lo spoglio dei testi di Dante, Petrarca e Boccaccio, dei primi di marzo del 1591 (1590 stile fiorentino)
- Dichiarazioni della lettera A da "aborrire" a "accampare" di Pierfrancesco Cambi, detto lo Stritolato, gennaio 1592
- Osservazioni sulle voci di Alessandro Giraldi, detto il Riposto, 1603

Terza teca: Il Vocabolario

- secondo dei quattro volumi del manoscritto in bella copia che Bastiano de' Rossi portò con sè a Venezia per l'approntamento della stampa del 1612 (1606-1610)
- prima edizione del Vocabolario, stampata a Venezia nel 1612 presso Giovanni Alberti [Sfoglia e  consulta]

Quarta teca: Il lavoro lessicografico

- edizione interfogliata del 1623, in vista della pubblicazione della terza edizione
- primo volume dell'ultima edizione (1863), dedicato a Vittorio Emanuele II
- scheda per la voce "Pasqua" (1929)
- scheda per la voce "Spina"



Attività didattiche:

Ascolta attentamente il video e rispondi alle seguenti domande:

1. Quale importanza ebbe il Vocabolario del 1612 in rapporto alla lingua italiana e alle altre lingue europee?
2. Qual è il precedente più importante del Vocabolario del 1612?
3. Quale criterio lessicografico venne adottato per la prima edizione?
4. Quali autori vennero esclusi?
5. Quanti lemmi conteneva l'edizione del 1612?
6. Quali altre edizioni si ebbero?
7. Come procedettero gli accademici per integrare la seconda edizione e preparare la terza?
8. Quando e a quale punto restò incompiuta la quinta edizione?
9. Chi firmò il decreto di soppressione dell'attività lessicografica della Crusca?
10. Gli accademici continuarono comunque a lavorare ad altre voci?



---

Post precedente:

- Il quarto centenario del Vocabolario degli Accademici della Crusca

lunedì 6 maggio 2013

Olimpiadi di Italiano: si è conclusa la III edizione


Il 26 e 27 aprile 2013 si è conclusa la terza edizione delle Olimpiadi di Italiano.



Alcuni degli olimpionici con Nicoletta Maraschio e Francesco Sabatini [Fonte: Scuola che fa rete]

Visita il sito delle Olimpiadi: consulta il programma delle due giornate e scarica le prove del biennio e del triennio.

Per gli insegnanti, le due prove potrebbero essere usate come tracce per impostare il lavoro e le verifiche.



Ascolta la puntata che la trasmissione radiofonica "La lingua batte", in onda su Radio 3 tutti i sabati alle 14 e scaricabile in formato mp3, ha dedicato all'evento il 4.5.2013.



Ascolta anche l'intervista radiofonica a Nicoletta Maraschio, a cura del programma "Salvalingua", in onda su Radio Radio [dal canale YouTube "Salvalingua"]:



Guarda anche l'intervista alla Maraschio [Toscana Web Tv], con un appello finale alla scuola:



Ecco le locandine delle tre edizioni:







---

Post precedenti:

- Olimpiadi di italiano 2012/2013 III edizione
- "La lingua batte": un nuovo programma di Radio3 



domenica 5 maggio 2013

Una gita nella matematica in letteratura


Guardiamo la conferenza di Marco Fulvio Barozzi [Kees Popinga] e Roberto Natalini, tratta dal canale della Libreria Assaggi. L'incontro si è tenuto a Roma il 20 aprile 2013, nell'ambito del Festival della Scienza del Municipio Roma 3.



II parte:



Autori ed opere citati [vedi anche il post dal blog ''Popinga'']:

Paolo Nori, La meravigliosa utilità del filo a piombo, Marcos y Marcos, 2011 [scheda]
Ermanno Cavazzoni, Il limbo delle fantasticazioni, Quodlibet, 2009 [scheda]
Raymond Queneau, Esercizi di stile (1947; traduzione italiana di U. Eco, Einaudi, 1983) [scheda]
Raymond Queneau, Cent mille milliards de poèmes (1961)
Kees Popinga, Giovanni Keplero aveva un gatto nero, Scienza Express Edizioni, 2011 [scheda]
Cristò, That's impossible [vedi il blog dell'autore, intitolato Discanto]
Wisława Szymborska, Pi Greco [video con lettura e testo]
David Foster Wallace, Infinite Jest (1996), pubblicato in Italia da Fandango [scheda]
Remo Buttazzi, aforismi

---

Il titolo di questo post riproduce la definizione fornita dal canale YouTube.

sabato 4 maggio 2013

Giocare con la letteratura: ''X Agosto''





Marco Fulvio Barozzi, curatore del blog Popinga, tra i cui temi figura il rapporto tra scienze e letteratura, rifacendosi alle proposte ludiche di Raymond Queneau [Esercizi di stile], Ersilia Zamponi [I Draghi locopei] e tanti altri, ha inventato alcune geniali ''variazioni'' sulla famosa poesia di Pascoli, X Agosto.

Potete leggerle al post Manipolazioni di San Lorenzo, significativamente pubblicato il 9 agosto 2009.


mercoledì 1 maggio 2013

Boccaccio e l'arte della narrazione 4/14 - Boccaccio ''visualizzato''


Leggi l'introduzione e guarda la quarta puntata del ciclo che la Radiotelevisione della Svizzera Italiana dedica a Boccaccio, andata in onda il 20 marzo 2013: ascolta la lezione di Carla Mazzarelli, intervallata dalla lettura di alcuni brani del Decameron da parte di Augusto del Bono.



Attività didattiche:

Domande:

1. Cosa pensava lo storico Jacob Burckhardt a proposito di Boccaccio?
2. E Vittore Branca, uno dei massimi studiosi di Boccaccio [ha curato per l'Einaudi i tre volumi Boccaccio visualizzato. Narrare per parole e per immagini fra Medioevo e Rinascimento e per la casa Le Lettere un'edizione illustrata del Decameron]?
3. Quali novelle hanno per protagonisti degli artisti?
4. Quali codici e opere artistiche vengono analizzate e mostrate durante l'intervento?
5. Quali novelle vengono illustrate durante la lezione?
6. Quali rapporti vi sono tra Boccaccio e Pasolini?

---

Materiali iconografici per approfondimenti:

Illustrazioni dal Codice Parigino Italiano 482 [Parigi, Bibliothèque nationale de France], con disegni dello stesso Boccaccio, e dal Ms Hamilton 90 [Berlino, Staatsbibliothek] sono visibili al sito Internet Culturale.


   
         























Ecco un'illustrazione dal codice miniato da Taddeo Crivelli (1467), citato durante la lezione dalla prof.ssa Mazzarelli:


[Fonte: Wikipedia]


Grazie alla digitalizzazione del proprio patrimonio da parte di importanti Biblioteche, è possibile sfogliare online molti manoscritti, un tempo accessibili solo agli studiosi.

Sfoglia il Ms Ital. 63 della BNF, di cui riproduciamo l'illustrazione al f. 9 v. Si tratta del più antico esemplare italiano a presentare un ciclo completo di immagini. Fu copiato da Ludovico Ceffini, a cui si devono anche molte immagini. Altre sono invece di tre differenti artisti.





Tra i codici miniati disponibili online, segnaliamo nuovamente il Manoscritto Richardson 031 della Houghton Library (Harvard University, Cambridge, MA), da cui traiamo la miniatura al fol. 9 v. :


Un altro codice francese è il Ms Francais 239 della BNF, di cui proponiamo l'immagine iniziale [f. 1 r.], con la descrizione della peste e la fuga delle donne e degli uomini dalla città di Firenze:




Tra i manoscritti presenti su "Gallica", la biblioteca digitale della BNF, vi è anche il Ms 5070 réserve, proveniente dalla Bibliothèque de l'Arsenal. Si tratta di un esemplare francese con 100 bellissime miniature, eseguite da artisti fiamminghi. Proponiamo la prima miniatura, al f. 12 v., relativa alla novella di Ser Ciappelletto:



Sempre tra i manoscritti francesi, segnaliamo infine il bellissimo Ms Pal. lat. 1989 della Biblioteca Apostolica Vaticana, di cui proponiamo ancora la miniatura relativa alla novella I,1.



Tra le prime edizioni a stampa è possibile sfogliare online quella del 1516, posseduta e digitalizzata dalla Biblioteca di Stato di Berlino, con molte illustrazioni.



Ecco alcune foto della Haus zum Weissen Adler a Stein am Rhein (Canton Sciaffusa, Svizzera):

 



[Fonte delle illustrazioni: MRFH 004]

Guarda la serie di 34 fotografie del Trionfo della Morte al sito della Fondazione Zeri.

Guarda 27 immagini relative agli affreschi di Pisa al sito Lessing Photo Archive.

Guarda le 18 immagini che l'Archivio Lessing Photo mostra alla ricerca "Boccaccio": tra queste figurano un cassone dell'Accademia Carrara di Bergamo, con scene dalla storia di Griselda, e un cassone del Museo Correr di Venezia, con scene dalla storia di Alatiel. Interessante anche un quadro di William Hogarth raffigurante Gismunda.

Della novella di Nastagio degli Onesti ci siamo occupati qualche tempo fa.

Per l'iconografia della novella di Cimone ed Efigenia, rinviamo al saggio di Mosé Viero, La quinta giornata del Decameron di Boccaccio: un ipertesto del fondale della Calunnia, in "La Rivista di Engramma", 42, luglio-agosto 2005, ora disponibile in versione digitale, e, più in generale, a tutto il numero monografico 42.

Per l'iconologia della novella di Madonna Oretta, si rimanda a una pagina a cura di Sonia Fumarola, Pasquale D'Amelio e Antonio Sedda (Seminari di Romanistica dell'Università di Zurigo).

Bibliografia online:

V. Branca, Boccaccio, in "Enciclopedia dell'Arte Medioevale" - Treccani (1992)

Decameron Web: Visualizing the text, con rinvio a tre edizioni cinquecentesche, possedute dalla Houghton Library.