lunedì 30 settembre 2013

Mostra "Boccaccio autore e copista"


Dal 10 ottobre 2013 si terrà presso la Biblioteca Medicea Laurenziana di Firenze una mostra intitolata Boccaccio autore e copista.


La scheda del catalogo, consultabile sul sito dell'editore Mandragora, fornisce qualche anticipazione su questo importante evento.

domenica 29 settembre 2013

Mostra "Boccaccio in Romagna"



Il 5 ottobre 2013, presso la Bliblioteca Classense di Ravenna, verrà inaugurata la mostra Boccaccio in Romagna: manoscritti, incunaboli e cinquecentine nelle biblioteche romagnole. La mostra è organizzata in collaborazione con la Biblioteca Malatestiana di Cesena.


"In occasione del settimo centenario della nascita di Giovanni Boccaccio - si legge nella pagina di presentazione al link citato sopra - le Biblioteche Classense di Ravenna e Malatestiana di Cesena hanno promosso un importante momento di studio sulla figura del grande certaldese con l'organizzazione di una esposizione volta a rivisitare il patrimonio bibliografico di tutte le biblioteche di Romagna, quella Romagna che Boccaccio visitò più volte, con una particolare predilezione per Ravenna, che serbava le memorie dantesche.

L'intento dei curatori - Paola Errani, Claudia Giuliani e Paolo Zanfini, coadiuvati da studiosi che hanno approfondito in sede di catalogo diversi aspetti storico critici - è quello di delineare una mappa utile per esplorare e approfondire il complesso capitolo della fortuna di Boccaccio nella terra che lo vide ospite presso le piccole corti dei Polenta a Ravenna e degli Ordelaffi a Forlì (il primo soggiorno fra 1345 e 1347, l'ultimo nell'inverno 1361-1362), fortuna che si tradusse in circolazione libraria della sua produzione letteraria e relativa traduzione figurativa - basti ricordare la celeberrima realizzazione pittorica della Novella di Nastagio degli Onesti, tutta ravennate, attribuita alla mano ed alla scuola di Sandro Botticelli.

I pezzi esposti, dieci manoscritti, sei incunaboli e sessantanove edizioni del XVI secolo, corredati dell'analisi sistematica degli esemplari, "raccontano" della storia editoriale e insieme della lettura dei libri posseduti da sedici biblioteche, presenti nelle tre province romagnole, e dalla Biblioteca di Stato di San Marino."

venerdì 27 settembre 2013

Radio3: Umana cosa: 700 anni dalla nascita di Giovanni Boccaccio


Il quadro di John William Waterhouse (National Museums Liverpool),
usato da Radio3 nella pagina del programma

"A settecento anni dalla nascita di Giovanni Boccaccio, Radio3 propone una nuova lettura del Decameron, uno dei più grandi libri in prosa di tutta la narrativa occidentale, che non caso Milan Kundera considerava «precursore e ispiratore» del romanzo moderno. Nelle 16 puntate che andranno in onda il sabato alle 18.00 a partire dal prossimo 21 settembre, studiosi appartenenti a generazioni diverse, insieme a scrittori, giornalisti, attori e musicisti accompagneranno gli ascoltatori alla scoperta del capolavoro boccacciano. Ad ognuna delle dieci giornate, in cui sono articolate le cento novelle del libro, sarà dedicata una trasmissione della durata di 45 minuti. Ogni puntata si aprirà con una breve presentazione della singola giornata, cui seguirà la lettura commentata di passi del testo, accompagnata da discussioni con gli ospiti in studio su alcuni dei temi suggeriti dai racconti boccacciani; verrà inoltre proposta ogni settimana un’ intervista a uno scrittore contemporaneo, che racconterà il suo Decameron; chiuderanno le ballate e le improvvisazioni musicali di David Riondino.

Il percorso di lettura in progress del testo (le novelle sono lette da grandi voci del teatro italiano) sarà intervallato da puntate a tema dedicate ad aspetti particolari del libro: la storia della scoperta dell'autografo e i libri della biblioteca del Boccaccio; la rappresentazione delle città d’Italia nel Decameron e l’importanza del testo boccacciano nella storia della nostra lingua; la fortuna di questo capolavoro nella letteratura successiva, nella storia dell’arte e nel cinema; la tradizione orale e le pubbliche letture delle novelle che da Medioevo ad oggi hanno continuato a riscuotere successo. Il programma – condotto da Maurizio Fiorilla (docente di Filologia della Letteratura Italiana presso l’Università di Roma Tre), studioso di Boccaccio e curatore di due recenti edizioni del Decameron – punterà a illustrare la profondità culturale di questo classico della nostra letteratura, proponendo nuove chiavi interpretative capaci di farlo dialogare con il mondo contemporaneo e soprattutto farlo apprezzare da nuove generazioni di lettori.

In concomitanza con l’inizio del programma saranno disponibili in Podcast nel sito di Radio3 le 160 puntate del ciclo, realizzato nel 1996, “Leggere il Decamerone. Incontri alla radio con la parola, la fantasia e la vita di Giovanni Boccaccio” di Alberto Asor Rosa e Adolfo Moriconi con musiche originali di Marco Stroppa." (Fonte)



Le puntate della trasmissione "Umana cosa" si possono scaricare in formato mp3.

giovedì 26 settembre 2013

martedì 24 settembre 2013

Radio3: Giornata proGrammatica



Il prossimo 26 settembre Radio 3, in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, e col patrocinio dell’Accademia della Crusca e dell’ASLI (Associazione per la Storia della Lingua Italiana), promuove l'iniziativa Giornata proGrammatica.

"La data scelta - si legge nella nota MIUROODGOS4905 del 19 settembre u.s. (pdf) - coincide con la prima notizia della pubblicazione delle Prose della volgar lingua dell’umanista Pietro Bembo (1525), opera come è noto determinante per la nostra lingua. Inoltre il 26 settembre coincide anche con la Giornata Europea delle Lingue (European Day of Languages).

Obiettivo della “Giornata proGrammatica” è quello di evidenziare quanto sia importante la padronanza dell’italiano, per un reale possesso ed esercizio dei diritti di cittadinanza, attraverso l’incontro che avverrà in dieci diverse scuole, durante le trasmissioni di Radio3, tra linguisti, scrittori, giornalisti – “testimoni di buona lingua” – e i docenti, gli studenti, i conduttori e gli ascoltatori della Rete radiofonica, per l’intera giornata, a partire dalle 6 del mattino fino alle 23.
Al dialogo sullo stato della nostra lingua sono invitate a partecipare in quel giorno tutte le scuole italiane, dalla primarie alle secondarie di secondo grado, dove si potranno attivare momenti di discussione all’interno delle classi sui temi suggeriti dalla “Giornata”: gli errori più frequenti in italiano, i dubbi, le difficoltà a imparare e padroneggiare la lingua, il valore delle norme grammaticali e dell’uso, come muta la lingua, chi “decide” oggi la norma linguistica, come studiare l’italiano, solo per fare alcuni esempi.


Docenti e studenti potranno quindi intervenire nelle trasmissioni della Radio, durante la giornata, inviando le loro osservazioni, le loro segnalazioni più varie sui temi dibattuti, attraverso i seguenti canali: per sms, al numero telefonico dedicato 3355634296; per email, all’indirizzo lalinguabatte@rai.it (titolo del noto programma di Radio3 ndr); su twitter, usando l’hastag #giornataproGrammatica e/o menzionando @Radio3tweet. I messaggi che perverranno alla Radio saranno letti in diretta e dovranno recare solo il nome dello studente o del docente, e la città di provenienza.

Un osservatorio particolare sarà infatti rivolto, anche in chiave giocosa, ai social media e all’uso che in quel tipo di comunicazione viene fatto dell’italiano. Rai Radio3 - insieme ai partner e ai soggetti coinvolti – proporrà in particolare, attraverso l’hashtag #giornataproGrammatica, a studenti, docenti, ascoltatori, lettori e a tutti gli internauti di segnalare spiritosamente gli “orrori”, gli strafalcioni più ricorrenti e fastidiosi.

Durante l’incontro al Liceo classico “Asproni” di Nuoro, una delle dieci scuole scelte per gli incontri con i “testimoni” dell’italiano, lo scrittore Marcello Fois, i docenti e gli studenti della Scuola ricorderanno anche la scrittura di Grazia Deledda, in occasione dei cento anni dalla pubblicazione di “Canne al vento”, il romanzo della Scrittrice premiata con il Nobel per la letteratura.

La Giornata culminerà in una serata-spettacolo trasmessa dalle 21 alle 22.45 in streaming video in diretta sul sito www.radio3.rai.it.

Le registrazioni in formato podcast delle trasmissioni e le riprese video di alcuni degli incontri nelle scuole saranno rese disponibili nel sito delle Olimpiadi di Italiano, www.olimpiadi-italiano.it , anche in concomitanza con la prossima pubblicazione del bando della nuova edizione delle Olimpiadi stesse per l’a.s. 2013-14." (link aggiunti dal redattore)

Un elenco delle 10 scuole è disponibile in un documento msword scaricabile dalla seguente pagina.

---

Post precedenti:

sulle Olimpiadi di Italiano

sul programma radiofonico "La lingua batte"

lunedì 23 settembre 2013

Cristofano dell'Altissimo e Dante


A Cristofano dell'Altissimo si deve la maggior parte dei ritratti della serie "Gioviana", conservati presso la Galleria degli Uffizi di Firenze. La ricchissima raccolta prende il nome dal medico, storico, diplomatico ed ecclesiastico Paolo Giovio, il quale aveva riunito nella sua villa nei pressi di Como una famosa collezione di immagini di uomini illustri, che l'Altissimo copiò per volere di Cosimo I de' Medici. La raccolta di Giovio, nella quale vi erano opere di Tiziano, Mantegna, Bronzino e altri famosi pittori, fu dispersa dagli eredi e la villa venne distrutta dai Gallio (Si vedano: la voce su dell'Altissimo del Dizionario Biografico Treccani, scritta da Silvia Meloni Trkulja, e la voce sul Museo di Giovio dell'Enciclopedia Wikipedia. Per documentarsi su Paolo Giovio, si può leggere la sintesi di Paolo Ceccoli del volume di T. C. Price Zimmermann, Paolo Giovio. Lo storico e la crisi del sedicesimo secolo in Italia, Princeton: Princeton University Press, 1995, dal sito Accademia.edu. Gli Elogi degli uomini illustri, a cura di Franco Minorzio, sono stati pubblicati da Einaudi).

Ecco il ritratto di Dante Alighieri:

Fonte: Agenzia Rosi Fontana

domenica 22 settembre 2013

Domenico di Michelino, suoi seguaci e Dante


Il famosissimo affresco di Domenico di Michelino, dipinto nel 1465 sulla parete della navata sinistra del Duomo di Firenze,



è stato ripreso da molti artisti. Eccone alcuni:

- Adolfo De Carolis:

Fonte: Casa d'aste Gonnelli

- Galileo Chini, manifesto per il secentenario della morte dell'Alighieri (1921):




- G.R., incisione per il numero del marzo 1928 della rivista mensile "Il Comune di Bologna" (pubblicata dal '24 al '39):


- Bruno Vivoli, incisione Dante insegna la Commedia a Firenze, usata come logo al Congresso internazionale "La città e il libro", tenutosi a Firenze nel 2001 e seguenti (Fonte):

Fonte: Florin Website

- Maria Aurora Manetti:

Fonte: Flickr

Ecco una targa policroma, posta all'esterno del Palazzo dell'Arte della Lana di Firenze (sede della Società Dantesca Italiana):

Fonte: Barnum 60
Ecco un francobollo che riprende l'affresco di Santa Maria del Fiore:

Fonte: Storia della pittura attraverso i francobolli

Meno fedele al modello, ma di grande interesse, risulta un'opera di Francesco Conte, Dante e i tre regni, risalente al 2005 circa:

* matita su carta:

Fonte: blog Dante-Inferno

* smalto acrilico su carta:

Fonte: blog citato


sabato 21 settembre 2013

Alcuni ritratti di Dante, tratti dai codici quattrocenteschi


Il Codice Palatino 320 della Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze contiene un bel disegno del primo Quattrocento:


Il Codice Riccardiano 1040, dei primi del Quattrocento, presenta un ritratto attribuito a Giovanni dal Ponte:

Fonte: Casa di Dante in Roma: Iconografia dantesca

A Giovanni dal Ponte è attribuita anche una tavoletta posseduta dal Fogg Art Museum di Cambridge (MA):

Fonte: Wikimedia Commons
Vedi anche la scheda della Fondazione Zeri.

Non sembrano essere disponibili online i disegni del Codice Eugeniano della Palatina di Vienna e del Codice Strozziano 174 della Laurenziana di Firenze (Vedi Bibli.).

Alcuni dei Codici Trivulziani, come il 1048 e il 1083, contengono immagini che -si legge nella scheda di cui al primo dei due link-  "attendono di essere studiate dagli storici della miniatura":

Fonte: Codice Trivulziano 1048, c. 3
Fonte: Codice Trivulziano 1048, c. 165v

Bibliografia:

Anna Maria Francini Ciaranfi, voce Iconografia, in Enciclopedia Dantesca

venerdì 20 settembre 2013

Libero Andreotti e Dante


Ecco un disegno dello scultore Libero Andreotti:

Fonte: Casa d'Aste Gonnelli

giovedì 19 settembre 2013

La Rai per il centenario della prima guerra mondiale




A cento anni di distanza, la Rai si prepara a rievocare la prima guerra mondiale per farne comprendere lo sviluppo e il significato per l’Europa di oggi. Il grande progetto, prodotto da Rai Educational, è stato presentato il 17 settembre con il filmato La Grande Guerra. (Fonte)

Dal 28 giugno 2014 all’11 novembre 2018 Rai Educational racconterà il primo conflitto mondiale, giorno per giorno attraverso lettere e diari dalle trincee.

WW1 Dentro la grande guerra


"WW1 - si legge nella pagina di presentazione del progetto - è una piattaforma editoriale che offre al pubblico una grande mappa interattiva, quella del Fronte, attraverso la quale interagire con contenuti inediti. Panorami interattivi e immersivi a 360°, video a forte carattere emozionale, documenti storici “certificati” come Albo d’Oro, le Relazioni dell'Esercito sulla Grande Guerra, memorie private, ricostruzioni di forti e trincee, la vita civile saranno i contenuti accessibili in forma digitale e in lingua italiana e inglese per il largo pubblico.

WW1 apre la possibilità di scoprire il presente e il passato attraverso il web, i propri dispositivi mobili e i monitor touch distribuiti nelle stazioni, negli aeroporti, nelle città.

WW1 è uno strumento che crescerà nel tempo con lo scopo di diffondere e condividere conoscenza e cultura attraverso i linguaggi che le persone utilizzano e sentono propri. WW1 è un progetto di natura storico-culturale, non profit."


"Il 21 settembre WW1 gestirà due tavoli di presentazione a pordenonelegge.it, uno dei maggiori festival letterari. Temi: “I percorsi letterari della Grande Guerra” e la “Memoria”. Si parlerà di Mario Rigoni Stern e degli scrittori coinvolti nel conflitto, del teatro di inizio secolo tra rimozione e celebrazione, della possibilità inedita di combinare memorie pubbliche come l’Albo d’Oro e private, racconti di uomini e di territori, creando uno strumento utile per le persone e duraturo."


"Per l’occasione, WW1 organizzerà un Collection Day in collaborazione con Europeana. Tutti sono invitati a condividere le loro storie di famiglia nel periodo della Prima Guerra Mondiale e a portare i materiali in loro possesso (lettere, diari, foto, oggetti) per digitalizzarli e renderli disponibili al mondo attraverso la rete."


Esplora le storie finora inserite.




mercoledì 18 settembre 2013

Una maratona di letture sulle figure di Leopardi e di Majorana


Di tanto in tanto, ogni volta che ne abbiamo notizia, segnaliamo volentieri alcune iniziative promosse dalle scuole o in collaborazione con gli studenti.

Ecco una delle proposte di Pordenone legge:

"Una speciale maratona di letture sulle figure di Giacomo Leopardi e Ettore Majorana, a cura degli studenti del Liceo Leopardi-Majorana, in collaborazione con la Compagnia Teatrale Punto e... a Capo, con i docenti Susanna Corelli e Massimiliano Merisi e con il coordinamento di Silvia Corelli e Carla Manzon. E la partecipazione straordinaria di Alberto Casadei."



martedì 17 settembre 2013

Partecipa! La consultazione pubblica sulle riforme costituzionali



www.partecipa.gov.it è il sito grazie a cui accedere alla consultazione pubblica sulle riforme costituzionali.

"La consultazione pubblica sulle riforme costituzionali costituisce un’importante occasione per partecipare al processo di riforma e fornire indicazioni preziose per i lavori istituzionali.

La consultazione è aperta dall’8 luglio all’8 ottobre 2013 per una durata complessiva di 3 mesi. I risultati confluiranno in un rapporto che sarà pubblicato online e consegnato alla Presidenza del Consiglio.

Il processo di consultazione è strutturato in tre livelli: un questionario breve, un questionario di approfondimento e una fase di discussione pubblica. I primi due questionari saranno accessibili online a partire dall’8 luglio, mentre l’avvio della successiva fase di discussione pubblica sarà annunciato in corso sui siti istituzionali. Questo processo strutturato ha l’obiettivo di favorire una grande partecipazione popolare e, allo stesso tempo, di coinvolgere ogni tipo di interlocutore, con differenti gradi di esperienza e conoscenza delle materie trattate. Ogni livello rimane comunque aperto a tutti."

Nella sezione "I materiali" vi sono link utili anche a livello didattico. Lo stesso dicasi del "Glossario".

lunedì 16 settembre 2013

Romolo Cappelloni e Dante


A Romolo Cappelloni si deve una formella con il ritratto di Dante:

Fonte: Cultura Italia

domenica 15 settembre 2013

Andrea Fossombrone e Dante


Ad Andrea Fossombrone si deve un Ritratto di Dante (1921), pubblicato come antiporta al volume di Brizio Casciola, Enimma Dantesco, Istituto Italiano d'Arti Grafiche, 1950:

Fonte: sito Letteratura dimenticata



sabato 14 settembre 2013

Vittorio Guaccimanni e Dante


All'incisore Vittorio Guaccimanni si deve un ritratto di Dante.


Online si trova anche un'incisione del Sepolcro di Dante (ai siti Cultura Italia e Istituto per i Beni Artistici, Culturale e Naturali della Regione Emilia-Romagna).

venerdì 13 settembre 2013

Illustrating Dante's Sodomites


Illustrating Dante's Sodomites è un saggio (in inglese) che passa in rassegna la lunga serie di illustrazioni della Divina Commedia, focalizzando l'attenzione sui canti 15-16 dell'Inferno e 26 del Purgatorio.

Gli artisti di cui viene discussa l'opera sono: Giovanni Stradano (Jan van der Straet), Federico Zuccari, John Flaxman, William Blake, Joseph Anton Koch, Gustave Doré, Francesco Scaramuzza, Alberto Martini, Franz Stassen, George Grosz, Salvador Dalì, Karl Kunz, Robert Rauschenberg, Rico Lebrun, Renato Guttuso, Leonard Baskin, Tom Phillips, Sandow Birk e Seymour Chast.

Federico Zuccari e Dante


Nel 1993 si tenne a Torre de' Passeri, presso la sede della Casa di Dante in Abruzzo, il Castello Ghizzi, una mostra su Federico Zuccari e Dante. Il catalogo, curato da Corrado Ghizzi, fu edito da Electa.


Anche la casa editrice Salerno, nel 2004, ha pubblicato un volume dal titolo Dante historiato da Federigo Zuccaroche riproduce gli 88 disegni realizzati nel 1586, ossia nel periodo in cui l'artista lavorava all'Escorial. 28 tavole sono dedicate all'Inferno; 49 al Purgatorio e 11 al Paradiso. Alla morte del pittore i disegni passarono agli Orsini, poi ai Medici e infine alla Galleria degli Uffizi (Fonte).



Fonte


Fonte

Fonte

Zuccari, subentrando a Vasari, ha lavorato agli affreschi della cupola del Duomo di Firenze, nella cui fascia inferiore vengono rappresentati i dannati. Ecco alcuni disegni preparatori:





giovedì 12 settembre 2013

Galileo Chini e Dante


Galileo Chini è stato uno dei protagonisti del Liberty italiano. A lui si deve un poster nel secentenario della morte di Dante:


Ecco un vaso con il profilo di Dante e Beatrice, prodotto nelle Fornaci San Lorenzo:

Fonte: Itinerario Liberty, a cura di Stefano Pelosi


mercoledì 11 settembre 2013

Adolfo De Carolis e Dante


Il pittore e incisore Adolfo De Carolis (1874-1928) ha a lungo collaborato con D'Annunzio, Pascoli e altri letterati del primo Novecento (per un approfondimento, rinviamo alla voce del Dizionario Biografico Treccani, curata da Maria Flora Giubilei).

Ha partecipato al concorso Alinari per una edizione illustrata della Divina Commedia, di cui si possono vedere alcuni bozzetti al sito Cultura Italia (così numerati: 17102 e 17112).

Ecco altre opere che hanno per soggetto l'Alighieri:

Dantes Adriacus (1921) (Fonte: mostra "Dante ti amo")


(Fonte: Casa d'aste Gonnelli)

Particolare di una xilografia (Fonte: Cultura Italia)


Bibliografia:

...e nell'idolo suo si trasmutava. La Divina Commedia novamente illustrata da artisti italiani. Concorso Alinari 1900-1902, Bologna, GAM, 1979, pp. 90-95


Ippolita Checcoli, Gli illustratori italiani tra naturalismo e simbolismo: l'edizione Alinari della Commedia, Griselda online

martedì 10 settembre 2013

Mario Di Cicco e Dante





Il secondo volume (Purgatorio) dell'edizione della Divina Commedia, pubblicata dalla Società Editrice "Il Ponte Vecchio" e curata da Andrea Brigliadori, è stato illustrato da Mario Di Cicco.









Fonte: Dante For Life


Roberto Casadio e Dante





Il primo volume (Inferno) di una serie in tre tomi della Divina Commedia, pubblicati dalla Società Editrice "Il Ponte Vecchio" e curati da Andrea Brigliadori, era illustrato dal pittore forlivese Roberto Casadio.

Nel libro, si legge in una pagina del sito del Comune di Cesena, sono presenti 51 tavole più una trentina di disegni preparatori.

Guarda il video di Alessandro Valboresi, proiettato dal 18 dicembre 2010 al 23 gennaio 2011 come installazione presso il Monte di Pietà di Forlì, proprio in occasione della mostra dei lavori di Casadio, alcuni dei quali compaiono nello stesso filmato.





Angelo Ranzi e Dante








Nell'ambito del Settembre Dantesco 2013 è prevista la presentazione del terzo volume (Paradiso) illustrato da Angelo Ranzi e pubblicato dalla Società Editrice "Il Ponte Vecchio".

lunedì 9 settembre 2013

Pippo Madé e Dante


Nell'ambito del ricchissimo programma del Settembre Dantesco 2013 figura anche la presentazione di un'edizione della Divina Commedia, disegnata da  Pippo Madé e pubblicata dall'editore palermitano Walter Farina.

Locandina della mostra (Fonte: Centro Dantesco di Ravenna)

Copertina del volume