giovedì 31 ottobre 2013

L'impresa fiumana di D'Annunzio



Guarda il filmato in cui Lucy Hughes-Hallett, autrice di The Pike: Gabriele D'Annunzio, Poet, Seducer and Preacher of War, parla dell'impresa di Fiume:


Il volume è stato parzialmente digitalizzato da Google.

Guarda anche i filmati:

- L'impresa di Fiume (Cinecittà Luce - Senato della Repubblica)

- D'Annunzio abbandona Fiume ("TG1 Un minuto di storia"):


- D'Annunzio a Fiume. L'estetica della disobbedienza ("La Storia siamo noi"):


mercoledì 30 ottobre 2013

BBC Radio 4: "The Invention of Italy". Episode 3


Ascoltiamo il terzo episodio della serie "The Invention of Italy", andato in onda sul canale BBC Radio 4 il 28 ottobre 2013.


Descrizione:

"Misha Glenny concludes the Invention of Italy in the Alps and Trieste, ambitious targets of Italian warmongers in the First World War.

"You need to think of the fighting taking place in Flanders applied in the rocky limestone of the Alps .... the Italians at the bottom, the Austrians at the top." Mark Thompson, The White War

In 1915 Italy entered the Great War on the side of France, Britain and Russia. The aim ? To gain new territory up north to the watershed of the Alps; and also east over the Adriatic into parts of what later became Yugoslavia. The price of these ambitions - nearly three quarters of a million Italians dead in the snow and rock. They died upholding the nationalist belief this new Italian nation - barely fifty years old - needed to spill blood to prove itself, to demonstrate they were not just waiters and ice cream salesmen.

Chief among the characters who dragged Italy into war was a poet, Gabriele d'Annunzio, bald as a coot and a great seducer of Italian women, and Italian minds. In the third and final Invention of Italy, Misha Glenny travels along the frontline, from Trieste via alpine trenches to Lake Garda, where d'Annunzio's Vittoriale degli Italiani attempted to create an Italian fighting tradition by dragging a battleship up the hill and setting it among ornamental gardens.

With expert contributions from Joze Serbec of the Kobarid museum in Slovenia; Lucy Hughes-Hallet, author of The Pike, the autobiography of d'Annunzio shortlisted for the Samuel Johnson Prize; plus Simon Winder, David Gilmour, David Laven, and Mark Thompson, author The White War: Life and Death on the Italian Front. "

Link:

- Museo di Caporetto (Kobariski Muzej), Slovenia

- Lucy Hughes-Hallet, The Pike. Gabriele d’Annunzio, Poet, Seducer and Preacher of War

Dal sito dell'editore Harper Collins:

"Longlisted for the Samuel Johnson prize for non-fiction; the story of Gabriele D’Annunzio: poet, daredevil – and Fascist.

In September 1919 Gabriele D’Annunzio, successful poet and occasional politician, declared himself Commandante of the city of Fiume in modern-day Croatia. His intention – to establish a utopia based on his fascist and artistic ideals. It was the dramatic pinnacle to an outrageous career.

Lucy Hughes-Hallett charts the controversial life of D’Annunzio, the debauched artist who became a national hero. His evolution from idealist Romantic to radical right-wing revolutionary is a political parable. Through his ideological journey, culminating in the failure of the Fiume endeavour, we witness the political turbulence of early 20th-century Europe and the emergence of fascism.

In The Pike, Hughes-Hallett addresses the cult of nationalism and the origins of political extremism – and at the centre of the book stands the charismatic D’Annunzio: a figure as deplorable as he is fascinating.
"








- Mark Thompson, The White War: Life and Death on the Italian Front, 1915-1919

Dal sito dell'editore Faber and Faber:

" The first narrative history in English of the Italian front: a major forgotten conflict of the First World War.


In May 1915, Italy declared war on the Habsburg Empire, hoping to seize its ‘lost’ territories of Trieste and Tyrol. The result was one of the most hopeless and senseless modern wars - and one that inspired great cruelty and destruction. Nearly three-quarters of a million Italians - and half as many Austro-Hungarian troops - were killed. Most of the deaths occurred on the bare grey hills north of Trieste, and in the snows of the Dolomite Alps. Outsiders who witnessed these battles were awestruck by the difficulty of attacking on such terrain. General Luigi Cadorna, most ruthless of all the Great War commanders, restored the Roman practice of ‘decimation’, executing random members of units that retreated or rebelled. Italy sank into chaos and, eventually, fascism. Its liberal traditions did not recover for a quarter of a century - some would say they have never recovered.

Mark Thompson relates this nearly incredible saga with great skill and pathos. Much more than a history of terrible violence, the book tells the whole story of the war: the nationalist frenzy that led up to it, the decisions that shaped it, the poetry it inspired, its haunting landscapes and political intrigues; the personalities of its statesmen and generals; and also the experience of ordinary soldiers - among them some of modern Italy’s greatest writers.

A work of epic scale, The White War does full justice to one of the most remarkable untold stories of the First World War. "

Il libro di Thompson è stato pubblicato in Italia da Il Saggiatore.

---

Attività didattiche:

Domande:

- Quali motivazioni spinsero l'Italia a entrare in guerra dalla parte dell'Intesa?
- Tra le terre "irredente", in quali si parlava italiano e in quali no?
- Che cosa accadde a Caporetto?
- I soldati provenienti da varie regioni italiane condividevano gli obiettivi sbandierati dai nazionalisti?
- Che giudizio viene espresso nel radiodocumentario sulla disparità tra conquiste territoriali e costi umani per raggiungerle?
- Secondo D'Annunzio, che cosa dovevano dimostrare gli italiani? (*)
- Che cosa differenziava gli interventisti dai neutralisti?
- Secondo M. Thompson, quale risultato positivo fu comunque ottenuto dalle gerarchie militari italiane, a fronte dell'evidente negatività dell'ingente numero di caduti?
- In questo senso, che cosa rappresenterebbe la prima guerra mondiale per gli italiani?
- Chi è Carlo Orelli e cosa racconta della sua esperienza bellica?
- Quale significato ha assunto la parola "caporetto" nel linguaggio comune?
- Cosa accadde a Vittorio Veneto?
- Perché, al termine della guerra, si parlò di "vittoria mutilata"?
- Che cosa fece D'Annunzio a Fiume?
- Per quale motivo, nel corso dell'episodio, vengono citati Mussolini e Lenin? (**)

(*) Sulla decima musa, Energèia, e, in generale sulla posizione di D'Annunzio, si legga Per la più grande Italia: orazioni e discorsi, Milano: Treves, 1915, in particolare le pp. 117-126

(**) L'episodio di Stanko Robančič è raccontato da M. Thompson a p. 159 della traduzione italiana, parzialmente digitalizzata da Google.

martedì 29 ottobre 2013

BBC Radio 4: "The Invention of Italy". Episode 2


Ecco il secondo episodio del ciclo "The Invention of Italy", andato in onda sul canale BBC Radio 4 il 21 ottobre 2013.



Descrizione:

" Misha Glenny presents a compelling new history of Italy from 1494 to the end of the First World War.

In October 1860, on a misty road north of Naples, Giuseppe Garibaldi met the future king of Italy and handed over control of the south. This brief moment in the story of the new Italian state has been often mythologised, but it is not as straightforward as it seems. Violence, civil war, the birth of the mafia - these elements in the story are often overlooked.

Beginning with Napoleon's call to the peoples of Italy in 1796, Misha Glenny picks his way through Italian unification with clarity and care. Rome only became part of this new European country under a century and a half ago - and even then the Pope ordered his followers neither to stand in nor vote in elections for the new state. Small wonder some claim that Italy is not really unified yet.

With expert contributions from Christopher Duggan, Marco Meriggi, Leoluca Orlando, Lucy Riall, Lucy Hughes-Hallet, Filippo de Vivo, David Gilmour, Beppe Severgnini, Simon Winder, Joze Serbec and David Laven.

The presenter is Misha Glenny, who previously collaborated with producer Miles Warde on the Invention of Germany and the Invention of Spain.
"

lunedì 28 ottobre 2013

BBC Radio 4: "The Invention of Italy". Episode 1


Da un articolo di Guido Marani, pubblicato il 14 ottobre 2013 su EuNews.it:

" La BBC Radio 4 ha recentemente lanciato un nuovo ciclo di trasmissioni dal titolo “The invention of Italy” in cui studiosi inglesi e italiani esaminano il processo della costruzione nazionale italiana dal 1400 ai nostri giorni. [...]


La conclusione provvisoria della prima puntata del ciclo è che l‘Italia non l’hanno fatta, né voluta gli italiani ma le grandi potenze dell’epoca con le loro guerre di influenza e che la sua forzata unificazione ha scatenato una guerra civile di decenni.
L’avevamo mai vista in questi termini la nostra storia e la questione meridionale? Forse vale la pena di pensarci. “The invention of Italy” è la terza trasmissione di una serie che comprende anche “The invention of Germany” e “The invention of Spain”, tutte ugualmente spregiudicate nel mettere in evidenza l’artificio di ogni patria. Un ciclo con cui forse la BBC vuole sottolineare quanto tutte le nostre costruzioni nazionali siano appunto costruzioni. Ognuna di esse solo una fra le tante possibili, scaturite da giochi di forza e equilibri di potere talvolta molto lontani dai popoli interessati. "
Ascoltiamo la prima puntata, andata in onda il 14 ottobre.



Descrizione:

"Misha Glenny presents a compelling new history of Italy from 1494 to the end of the First World War

Piedmont, the Venetian Republic, Mantua, Modena, the Grand Duchy of Florence, the kingdom of Naples, the Papal States - the arrival of Italy as a unified state is a surprisingly recent affair. "We are a new nation," says Professor Marco Meriggi, and this is true - but the 150th anniversary was celebrated two years ago in quite muted style. So forget what you may know about the Roman empire, and enter a country which doesn't really feel unified yet.

"Italy is a divided country, no doubt about that. The Italian equivalent of nationalism is campanalismo, from the word for bell tower - this is the attachment of Italians to their city square." Dr Filippo de Vivo.

Beginning with the French invasion of 1494, when Charles VIII's mercenaries reached Naples and then spread syphilis to all points north of the Alps, the Invention of Italy tells a story of fragmentation, foreign occupation and nationalist false starts. The second programme looks at how unification finally occurred, and why many believe that the mafia emerged at the same time. the third programme focuses on why Italians were so eager to shed blood in the First World War.

With expert contributions from Christopher Duggan, Marco Meriggi, Leoluca Orlando, Lucy Riall, Lucy Hughes-Hallet, Filippo de Vivo, David Gilmour, Beppe Severgnini, Simon Winder, Joze Serbec and David Laven.

The presenter is Misha Glenny, who previously collaborated with producer Miles Warde on the Invention of Germany and the Invention of Spain."

Guarda la galleria di immagini collegata al programma radiofonico.

domenica 27 ottobre 2013

"The Invention of Italy", un ciclo di lezioni a Londra




Dai sito della Laterza:


THE INVENTION OF ITALY
London - October 25th 2013 - May 9th 2014
A century and a half after Unification, Italy is no longer simply a geographical expression, as Prince Metternich described it in 1847.
But how was the nation invented? And how has the idea of Italy evolved to the present day, both at home and abroad? Italy’s current identity is founded on numerous elements, ranging from food and art, to politics and religion, heroes and villains, and to events both dramatic and trivial. It is a fascinating story that will be told by some of the most distinguished Italian and British historians.
Lectures will take place on Fridays at 18.30 at the Italian Cultural Institute, 39 Belgrave Square, London S.W.1
FREE EVENT Booking on line www.icilondon.esteri.it

PROGRAMME
October 25th, 2013
CITY STATE: 1176: Federico Barbarossa and the Battle of Legnano
Alessandro Barbero
Every country has looked for one or more “strong narratives” in its own history in which to identify its origins. In Italy this role has been assigned to the heroic deeds of the medieval communes with Federico Barbarossa’s attempt to curtail their independence likened to a foreign invasion. The Lombard League’s victory over Barbarossa at Legnano in 1176 has become one of the defining moments in the history of the Italian nation and of its struggle for independence. Today, in a very different climate, it is possible to reveal the other side of this story: the emperor’s defeat and the failed attempt at state-building that could have altered the course of Italian history.
Alessandro Barbero is Professor of Medieval History at the University of Piedmont Orientale in Vercelli.

November 8th, 2013
FINANCE: 1379: Murder of a genoese merchant in Lombard Street
Amedeo Feniello
Night time. On Lombard Street lies the corpse of a man surrounded by onlookers. A merchant, by the look of him. The victim of a brawl, perhaps, taunted and murdered by some ill-intentioned fellow. But these are only rumours. Nobody is giving anything away. There is a conspiracy of silence. Months go by and the investigation drags on. There are some clues. At first it’s just a hunch. Then the murderers are identified, one accomplice and one guilty party, who repents and gives a completely different account of events. It is the account of a conspiracy for the control of wool: England’s gold, foundation of the nation’s fortune, not least because as Matthew of Westminster would proudly declare, “all the nations of the world are kept warm by English wool”. Gold then, which in the thirteenth and fourteenth centuries would prove to be the real foundation of the success of Italy’s burgeoning capitalism.
Amedeo Feniello was recently guest Director of Studies at the École des Hautes Études en Sciences Sociales in Paris.

November 22nd, 2013
RENAISSANCE: 1520: Tiziano, Alfonso d’Este, Bacchus and Ariadne
Sheila Hale
On 17 November 1520 Alfonso d’Este, Duke of Ferrara, penned a furious letter to his ambassador in Venice. Alfonso was a formidable warrior: deadly in battle he also designed and built his own weapons of mass destruction. But on that particular day he knew that his lethal arsenal would be useless because the object of his fury was an artist, a then relatively unknown Venetian painter. He ordered his ambassador in Venice to tell Titian that he was still awaiting “that canvas” which he must deliver quickly “so as not to give us cause to be saddened and angered with him”. “That canvas” was Titian’s Bacchus and Ariadne, now in the London National Gallery. The Duke continued to fume, but it would be two years before he saw it. This story takes place at the heart of the Italian Renaissance, when powerful rulers needed artists as much or more than the greatest artists needed them.
Sheila Hale is an author and journalist.

December 13th, 2013
COUNTER-REFORMATION: 1541-1549: the last frescoes of Michelangelo
Massimo Firpo
Michelangelo painted his final frescoes in the Vatican: the Last Judgement on the altar wall of the Sistine Chapel, completed in 1541, and the Conversion of St. Paul and the Crucifixion of St. Peter on the two side walls of the Paoline Chapel, completed in 1549. Both of these works, and the Last Judgement in particular, unleashed a storm of criticism and censorship which immediately after the death of the great Tuscan artist led to the interventions of the braghettoni to conceal the nudity of the bodies. In reality the masterful images of those frescoes hid other, perhaps more serious heresies, preserving to this day in the most sacred sites of the papal liturgies the traces of an age of religious experimentation, doctrinal conflict and profound internal dissent among the highest authorities of the Catholic Church, with respect to whom Michelangelo was both participant and interpreter.
Massimo Firpo teaches Modern History in the Arts and Philosophy Faculty of the University of Turin.

January 10th, 2014
LANGUAGE: Dante, Manzoni and Meneghello
Giulio Lepschy
Dante is traditionally known as the father of the Italian language, created by his drawing on his mother tongue, the speech of Florence between the Thirteenth and Fourteenth centuries. This language, codified by Pietro Bembo at the beginning of the Sixteenth century, was to become what we now call Italian. The formation of modern Italian has also been attributed to the most important Italian novelist of the Nineteenth century, the Milanese Alessandro Manzoni. This was due to the prestige both of  the final version of his novel and of  his political and linguistic writings. Luigi Meneghello, the author of Libera nos a malo, one of the most striking books produced in Italy in the Twentieth century, noted that, where he grew up, people spoke a language (i.e., a form of the Vicentino dialect) which was not written, and wrote a language which was not spoken (i.e., literary Italian). We shall examine the notion of linguistic standard, and in particular try to answer an apparently straightforward (but in fact problematic) question: how exactly did Dante, Manzoni, Meneghello pronounce their language? And how are we supposed to pronounce it when quoting them?
Giulio Leschy is Emeritus Professor at the University of Reading; Honorary Professor at University College London; Adjunct Professor at the University of Toronto. He is Fellow of the British Academy and of the Accademia della Crusca, as well as Doctor Honoris Causa of the University of Turin.

January 24th, 2014
MAFIA: 1893: the killing of Emanuele Notarbartolo
John Dickie
At sunset on 1 February 1893 the banker Emanuele Notarbartolo was stabbed to death in a train a short distance from the Sicilian capital, Palermo. The mafia was, and remains, the main suspect in the murder. However the assassins, and the man or men who are thought to have given those assassins their orders, would never be convicted. Notarbartolo was Italy’s first “eminent corpse” – its first mafia victim from among the social elite. The Notarbartolo affair lasted more than a decade, implicating politicians, entrepreneurs, the judiciary, and the police in a complicated web of corruption and cover-ups. The three protracted trials that arose from his murder, celebrated in Milan, Bologna and Florence, created a media storm that brought many Italians from outside Sicily face-to-face with the mafia issue as never before. For the first time ever, all the main consequences of the mafia’s place in Italian life were made manifest: the public’s hunger for news alternating with fatigue; its fascination and frustration with the courts system; society’s profound mistrust of politicians; and the mixture of shame and resentment which Italians felt at what foreigners would make of the whole spectacle. The Notarbartolo affair continues to hold a mirror up to contemporary Italy.
John Dickie, historian and journalist, is Associate Professor of Italian Studies at the University College of London.

February 7th, 2014
RISORGIMENTO: 1864: Garibaldi in London
Lucy Riall
One hundred and fifty years ago, in the spring of 1864, Giuseppe Garibaldi left his island home of Caprera and came to Britain. Although ostensibly a private visit, Garibaldi’s arrival on these shores gave rise to an extraordinary outburst of popular feeling. Hundreds of thousands of Londoners came out to greet him and the visit provoked huge press interest and a fashion for red shirts, as well as Garibaldi songs and Garibaldi pubs. How can British enthusiasm for this Italian hero be explained? To what extent did it reflect broader cultural and political links between Britain and Italy? And what traces of this relationship remain today? My lecture will seek to answer these questions.
Lucy Riall is professor of History at Birkbeck, University of London and holds the Chair in the Comparative History of Europe at the European University Institute in Florence.
 
February 21st, 2014
FOOD: 1891: Pellegrino Artusi and the Unification in the kitchen
Massimo Montanari
In 1891 Pellegrino Artusi published a recipe book called Science in the Kitchen and the Art of Eating Well which he would continue to work on for twenty years, with subsequent additions and amendments made with the help of his male and female readership. In part owing to the “inclusive” spirit of the work, the book was a huge publishing success in the twentieth century. For the first time ever a single recipe book contained all the typical dishes of Italian local cuisine; just a few years after the birth of the Kingdom of Italy, Artusi’s was a deliberate political project designed to favour the country’s cohesion. The social aspect of the work was also important, mixing as it did the recipes of the affluent landed and middle class with those of the working populace, and it is one of the secrets of its success. Artusi drew on the most diverse sources from throughout Italy, in a survey of that ongoing exchange of theory and practice that has always characterized the history of Italian cooking. An exchange which in part was already commonplace and which would continue in the decades that followed, making the kitchen table a strategic locus of unification and of strong national identity.
Massimo Montanari teaches Medieval History and the History of Food at the University of Bologna, where he also directs the Masters in “History and Culture of Food”.

March 7th, 2014
FASCISM: 1922: Mussolini and the March on Rome
Emilio Gentile
On 30 October 1922 the King of Italy requested that the head of a party of armed militia form the government of a parliamentary regime, the same militia that in two years had smashed working class organizations, persecuted rival parties, humiliated the State’s rule and imposed dictatorial dominions in many provinces of northern and central Italy. For the first time ever in the history of the liberal European states an armed party had come to power and publicly proclaimed its desire to suppress civil and political liberties. Never before in the history of European parliamentary governments had a thirty-nine-year-old politician been nominated prime minister, a man who had been a Member of Parliament for just sixteen months, who had absolutely no experience of public administration and who, up to a few months before taking power in a monarchical State, had professed to be a Republican. This was the conclusion of the March on Rome. An Italian anti-Fascist called it a “comic opera”. A German anti-Fascist described it as an “evil day, for Italy and for Europe.” These conflicting judgements persist among historians to this day.
Emilio Gentile is Professor Emeritus at the University of Rome La Sapienza.

March 21st, 2014
REPUBLIC: 1948: christian democrats, communists, socialists and liberals
Christopher Duggan
The elections of April 1948 were the first to be held in the Republic after the promulgation of the new Constitution in January of that year. They were held against the backdrop of the incipient Cold War, with Italy increasingly polarized between the Christian Democrats and the Church on the one hand, and the parties of the far left on the other. Through an examination of the language, imagery, programmes and electoral tactics of the main parties, this lecture will consider how the new State sought to position itself in relation both to its Fascist past and to its anticipated democratic future.
Christopher Duggan is Professor of Italian History at the University of Reading  where he directs the Centre for Modern Italian History.

April 11th  2014
LIFESTYLE: 1960: the economic miracle and  'La dolce vita'
Simona Colarizi
In just over a decade Italy had emerged from the material and moral ashes of the Second World War and a searing civil war that spelled the end of Fascism. A new democratic and republican State had been born, but the changes with respect to the past were not limited to institutions and politics. As elsewhere in Western Europe the Golden Age had also dawned in Italy, which experienced a genuine economic, social and cultural revolution. The primarily agricultural country was transformed into an industrial power, ranked seventh among the world’s greatest. A miracle – this was the exact term used to define those years of tumultuous growth in Italy, the years of Federico Fellini’s “La Dolce Vita” which captured both the highs of the economic boom but also growing nostalgia for a world of tradition and certainty that was forever past.
Simona Colarizi teaches Contemporary History at the University of Rome La Sapienza.

May 9th, 2014
FOOTBALL: 1982: Pertini and the world champions
John Foot
In 1982 Italy won the World Cup in a 3-1 victory over West Germany. The Italian President, the diminutive anti-fascist ex-partisan Sandro Pertini, celebrated in the stands. On the way back from the match an intrepid photographer captured an impromptu game of cards involving Pertini, Dino Zoff, Franco Causio and manager Enzo Bearzot. In front of them stood the World Cup trophy. Meanwhile, in Italy itself, a wild party had just got underway and would continue for days. The game itself attracted a record TV audience, never equalled before or since. Italy was united in sporting triumph. This talk will look at the links between national identity and the national team, and the ways in which that identity has been strengthened and weakened by its relationship with national sporting prowess and occasional disaster.
John Foot teaches Contemporary Italian History in the Department of Italian in the University of Bristol.

sabato 26 ottobre 2013

La struttura dei sistemi educativi europei. Diagrammi schematici


Il 24 ottobre Eurydice ha pubblicato una serie di diagrammi che permettono di comprendere facilmente la struttura dei sistemi educativi dei paesi dell'Unione Europea.

Consulta il pdf.



Ecco il link alla pagina Facebook del Network Eurydice


venerdì 25 ottobre 2013

Mostra "«I libri degli altri». Il lavoro editoriale di Italo Calvino"


"La Biblioteca Nazionale Centrale di Roma ricorda Italo Calvino nel 90° anno di nascita con una mostra, che verrà inaugurata il 25 ottobre 2013. L'iniziativa si inserisce nel progetto "In viaggio con Calvino" promossa da IXCO, Istituto Italiano per la Cooperazione o.n.g. e la Casa dell'Architettura di Roma.
Il percorso espositivo intende privilegiare, dello scrittore, che puó considerarsi uno dei maggiori e piú noti narratori italiani contemporanei, soprattutto gli aspetti che raccontano il ruolo di critico militante e mediatore culturale dell’Italia del secondo Novecento, di "lettore" curioso della giovane letteratura, di ideatore e promotore di iniziative editoriali innovative.
Attraverso l’esposizione di riviste, prime edizioni, lettere, articoli di giornali, sopraccoperte illustrate, la mostra intende ripercorrere le tappe fondamentali del suo lavoro alla casa editrice Einaudi e il suo vivace contributo sulle principali riviste dell’epoca, con la finalità di mettere in evidenza relazioni e amicizie nate con i maggiori protagonisti del Novecento letterario. Dalla direzione del «notiziario Einaudi» a quella delle collane «Piccola biblioteca scientifico-letteraria», la celebre i «Gettoni» e «Centopagine», Calvino non solo seleziona i libri da pubblicare, anche con accese discussioni sulle scelte compiute, ma anche segue da vicino l’elaborazione dei paratesti, scrivendo spesso direttamente lui le quarte di copertina. Un’attenzione particolare sarà inoltre rivolta all’esperienza della rivista «Il Menabò», da lui diretta insieme a Vittorini. L’esposizione dei documenti sarà accompagnata da un ricco percorso iconografico messo a disposizione dalla Biblioteca comunale di Castiglione della Pescaia.
" (Fonte)

I libri degli altri è il titolo di un volume pubblicato dalla Einaudi.

giovedì 24 ottobre 2013

Considerazioni a margine di un commento


Qualche giorno fa un docente ha così commentato il post con l'analisi del I canto dell'Orlando furioso:

"Un'analisi eccellente, perfetta sotto ogni punto di vista, mi ha facilitato gli studi e la spiegazione ai miei alunni :)"

Bene, mi son detto. Questo era sin dall'inizio proprio uno degli obiettivi del blog.

Guardando la schermata che evidenzia il numero di accessi, sorprende un dato: il post citato è stato visto in 4 anni da più di 32000 persone!


Poiché la media delle visualizzazioni è notevolmente inferiore, mi son chiesto se il dato vada interpretato anche come un'indicazione di cosa potrebbe interessare maggiormente al mondo della scuola.

Mi domando inoltre: Qualcuno interroga i docenti sui loro bisogni didattici concreti? Perché non esistono in Italia, come in altri Paesi, delle indagini sulle esigenze reali degli insegnanti in rapporto al numero di ore a disposizione in un anno, ai programmi da svolgere, ai libri di testo spesso mastodontici e sempre più inadeguati ai livelli di preparazione e agli interessi degli studenti? Perché mancano strutture di reale supporto, accanto ai bellissimi ma spesso dispersivi progetti, che implicano certo tanto entusiasmo, ma anche tanto lavoro in più, che si aggiunge alle faticosissime correzioni? È solo una questione di mancanza di fondi? O è una incapacità di immaginare una nuova e più moderna struttura organizzativa della scuola? Perché non pensare, ad esempio, a distaccare per qualche ora i professori più anziani al fine, ad esempio, di sostenere i colleghi più giovani (se mai ne esistano in un corpo docente sempre più anziano)?

E, come si diceva qualche giorno fa di fronte ai dati sconfortanti del nostro Paese in rapporto a quelli di altri, perché nessuna autorità competente sembra davvero interrogarsi sulle cause di questo declino e correre al più presto ai ripari con misure urgenti e tangibili?


mercoledì 23 ottobre 2013

Open Education Europa





La Commissione Europea ha avviato Open Education Europa nel settembre 2013 nell'ambito dell'iniziativa Opening Up Education per fornire un unico accesso per le Risorse Didattiche Aperte (OER) europee. Questo portale è fondato sulla base del portale elearningeuropa.info che dal 2002 sostiene la trasformazione dell'istruzione attraverso la tecnologia. Oggi, con quasi 38.000 utenti registrati e con una media di 55.000 visite mensili, è diventato un luogo privilegiato per l’analisi del cambiamento e dell'innovazione nella didattica. 

L'obiettivo principale del portale Open Education Europa è quello di collegarsi a tutti i repository delle
Risorse Didattiche Aperte Europee esistenti, in diverse lingue, per offrirli a studentiinsegnanti ricercatori.

Open Education Europa è una piattaforma dinamica costruita con le più recenti tecnologie open source che offre  strumenti per comunicare, condividere e discutere. Il portale è strutturato in tre sezioni principali:

• La sezione di ricerca presenta i MOOC, i corsi e le Risorse Didattiche Aperte dei principali enti europei. Inoltre in questa sezione ogni istituzione è menzionata a fianco dei MOOCs, i corsi e le risorse didattiche aperte che offre.

• La sezione di condivisione è lo spazio in cui gli utenti del portale (studiosi, educatori, politici, studenti e altre persone interessate) si riuniscono per condividere e discutere su questioni didattiche inviando blog, condividendo eventi e prendendo parte a discussioni tematiche.

• La sezione di approfondimento ospita gli  eLearning Papers - le riviste più visitate a livello mondiale sull’istruzione aperta e le nuove tecnologie -, offre un elenco esaustivo dei progetti finanziati dall'UE, inoltre mette in evidenza le ultime notizie sulla didattica aperta e gli articoli accademici più recenti e rilevanti.


(Fonte)

Guardiamo il video promozionale The gateway to European innovative learning:



martedì 22 ottobre 2013

Ancora sulla mostra "Boccaccio autore e copista"


Ecco tre filmati sulla mostra "Boccaccio autore e copista", di cui abbiamo parlato qualche giorno fa:

primo filmato: dal canale YouTube di Boccaccio2013:



secondo filmato: dal canale YouTube di internewtuscany:



terzo filmato: dal canale Redazione Italiasette:



lunedì 21 ottobre 2013

mercoledì 16 ottobre 2013

Il sito 16ottobre1943.it




16ottobre1943.it è un sito che presenta molti spunti per approfondimenti: testimonianze, libri, video, foto, film.

Cortometraggio ''1943-1997'' di Ettore Scola


Guarda il cortometraggio "1994-1997" di Ettore Scola, tratto dal canale YouTube della Presidenza della Repubblica:



Ad alta voce: ''16 ottobre 1943''


Nel settantesimo anniversario della deportazione degli ebrei romani, Radio3 propone la lettura di 16 ottobre 1943 di Giacomo Debenedetti, a cura di Moni Ovadia.

---

Post precedenti

domenica 13 ottobre 2013

Progetto e Concorso Articolo 9 della Costituzione 2013-2014


«La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione» (Art. 9 della Costituzione)



Per sensibilizzare i giovani alla conoscenza e salvaguardia del patrimonio storico, culturale, artistico, paesaggistico e scientifico italiano, e ai principi dell’impegno e della responsabilità personale nei confronti del “bene comune”, nell'anno scolastico 2012-2013 era stato bandito il Progetto e Concorso nazionale Articolo 9 della Costituzione. Cittadinanza attiva per la cultura, la ricerca, il paesaggio e il patrimonio storico e artistico.

L'iniziativa viene riproposta per il secondo anno. Obiettivo (e titolo) di questa seconda edizione è: valorizzare il patrimonio culturale della memoria storica, in occasione dei cento anni dalla prima guerra mondiale.

Al fine di favorire la nascita di percorsi didattici innovativi, il sito presenta un'area didattica, curata dal prof. Mario Castoldi dell'Università di Torino.

Grazie alla collaborazione con Rai Educational, è possibile trovare una serie di documentari per approfondire i temi legati al progetto.

Guardiamo il video pubblicato il 19 agosto sul canale YouTube del Ministero dei beni culturali:


Partecipa a Scuola!




Partecipa a Scuola! è "il sito di chi vuole parlare di Costituzione a scuola".

Il sito segnala iniziative, progetti e percorsi didattici innovativi, al fine di aprire le scuole al territorio e abbattere il cosiddetto "digital divide" [il divario tra chi ha accesso effettivo alle tecnologie dell'informazione e chi ne è escluso in modo parziale o totale] attraverso azioni di alfabetizzazione digitale.

L'iniziativa -si legge sul sito del Ministero per le Riforme Costituzionali- è stata inaugurata ufficialmente il 1º Ottobre presso il Liceo Classico Statale "Augusto" di Roma. Nel corso della mattinata sono stati presentati tre progetti realizzati dagli studenti di tre scuole superiori: l'Istituto Tecnico per il Turismo "Marco Polo" di Palermo, il Liceo Scientifico Statale "Alessandro Antonelli" di Novara" e del Liceo Classico Statale "Augusto" di Roma.

Per quanto riguarda i progetti didattici sulla Costituzione, il sito propone tre esempi di percorsi:
A) Progetto Multimediale
Sviluppa un video, un grafico, un fumetto, un prodotto fotografico, una performance o un gioco sulla Costituzione
B) Progetto "Storify"
Usa i social media per raccontare una storia sulla Costituzione e coinvolgere la cittadinanza online.
C) Contenuto redazionale
Crea un diario, un reportage o un giornale sul web o un blog su un tema della Costituzione, che ritieni meriti un racconto e spiega che tecniche hai utilizzato.

Per aiutare gli studenti, vengono elencati materiali da tempo disponibili online.

Il sito riporta anche una mappa con le scuole che hanno realizzato dei progetti.


Come noto, la prima e la seconda fase della Consultazione si sono concluse l'8 ottobre, ma i materiali sulla Costituzione sono sempre utili e a disposizione di docenti e studenti.

La terza fase della consultazione pubblica sulle riforme costituzionali




Si sono concluse le prime due fasi della consultazione pubblica sulle riforme costituzionali "partecipa.gov.it". Ecco quanto si legge ora sul sito:


" I questionari compilati sono sottoposti ora ad un processo di validazione, per la verifica di eventuali immissioni duplicate o non utilizzabili. Il 15 Ottobre sarà comunicato il numero dei questionari verificati che saranno oggetto di analisi.
Durante la prima settimana di Novembre sarà pubblicato su questo sito il rapporto contenente le risposte dei partecipanti alle domande dei due questionari.
Il rapporto con i risultati della Consultazione sarà consegnato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri. Il Ministro per le Riforme Costituzionali chiederà di illustrare e discutere i risultati all’interno delle commissioni competenti e/o in aula alla Camera e al Senato.
Intorno alla metà di Dicembre saranno infine pubblicate le schede analitiche con un’analisi stratificata delle risposte.
Ringraziandoti per la tua partecipazione ti ricordiamo che è attiva dal 26 Settembre al 31 ottobre la terza fase della consultazione, una Discussione Pubblica, per approfondire i temi trattati nei questionari e partecipare ai dibattiti.
E’ possibile, ad esempio, utilizzare lo strumento CIVICI per discutere le proposte della Relazione Finale della Commissione Riforme Costituzionali o proporre alternative all’interno di nove temi. "

Al termine della fase di Discussione Pubblica, la Fondazione ahref realizzerà un rapporto con i dati prodotti dalla consultazione. I dati verranno messi a disposizione di chiunque voglia analizzarli.

Vai alla pagina partecipa.civiclinks.it .

sabato 12 ottobre 2013

Qualche dato in più sulle competenze degli adulti


Ecco il link a un interessante articolo di Andrea Moro, pubblicato il 10 ottobre sul blog noiseFromAmeriKa, al cui aggiornamento contribuisce un gruppo di italiani che vivono e lavorano negli Stati Uniti d'America.

Ancora sull'indagine dell'Ocse sulle competenze degli adulti


Ecco altri materiali utili a farsi una rapida idea della gravissima situazione in cui versa l'Italia rispetto agli altri paesi dell'Ocse per quanto riguarda le competenze degli adulti nella lettura, nel calcolo e nell'uso delle ITC; si tratta di una presentazione di Andreas Schleicher, intitolata Skilled for Life - Key findings from the survey of adult skills.



venerdì 11 ottobre 2013

Un gufetto portafortuna attribuito al nostro edublog




La professoressa Simonetta Vernia, curatrice del blog "Letture senza tempo", attribuisce un "Gufetto portafortuna" a una serie di  blog giudicati interessanti e degni di segnalazione.

Il 10 ottobre è toccato anche al nostro edublog.

Grazie.

giovedì 10 ottobre 2013

OECD Skills Outlook 2013: la gravissima situazione italiana




È da poco uscito un rapporto dell'Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico sulle competenze necessarie ad un adulto per vivere e lavorare nel XXI secolo, divise in competenze di lettura, calcolo e uso delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione [OECD (2013), OECD Skills Outlook 2013: First Results from the Survey of Adult Skills, OECD Publishing - http://dx.doi.org/10.1787/9789264204256-en] (pdf).

Se ne consiglia a tutti una lettura approfondita.




Ecco i link ad alcuni articoli apparsi su organi di stampa italiani:
- lavoce.info
- Internazionale
- Repubblica.it

Diamo ora un'occhiata a cosa dicono dei livelli raggiunti in Italia alcuni organi di stampa stranieri:
- The Wall Street Journal
- Bloomberg.com

Guardiamo questo breve video, tratto dal canale YouTube dell'Ocse [ne esistono anche una versione in francese e in spagnolo]:



L'Italia è citata due volte:

- ai m. 1:35-1:41 "In Italy and Spain only one in twenty performed the highest level" - Mentre in Finlandia e in Giappone una persona su cinque raggiunge il livello più alto nella lettura e nel calcolo, in tutti i paesi che hanno partecipato all'indagine un adulto su dieci raggiunge livelli di competenza molto bassi; in Italia e in Spagna solo uno su venti raggiunge il livello più alto.


- ai m. 1:57-2:05 "Young Koreans who leave school at 18 even do better at reading and maths than Italian university graduates" - i giovani coreani che lasciano la scuola a 18 anni fanno meglio nella lettura e nel calcolo dei laureati italiani.


Non sarà forse il caso che anche la scuola si interroghi sulle cause di questa gravissima situazione e corra al più presto ai ripari?

lunedì 7 ottobre 2013

L'anno del Principe. Nove incontri sull'uomo e sulla grande politica


Dal 19 ottobre al 14 dicembre 2013, per nove sabati consecutivi, alle ore 17:30, al Teatro Niccolini di San Casciano in Val di Pesa si terrà il ciclo di incontri “L’anno del Principe”: nove lezioni dedicate a Machiavelli e alla grande politica de Il Principe in occasione del cinquecentenario della composizione della sua più celebre opera.

A fare da sfondo all'iniziativa i luoghi d'origine di Machiavelli, come il noto “Albergaccio”, che fu la sua dimora e luogo in cui fu concepito e scritto Il Principe.



Ecco il programma dei 9 incontri dal sito degli Editori Laterza:


19 ottobre - MAURIZIO VIROLI: Il significato del Principe
Niccolò Machiavelli ha scritto il Principe per disegnare, invocare, e formare un redentore politico in grado, con l'aiuto di Dio, con la forza della profezia e quella delle armi, di liberare l'Italia dal dominio straniero. Con la sua opera più famosa Machiavelli non contraddice le sue idee repubblicane: il Principe non è infatti il manifesto del realismo che inaugura la moderna scienza della politica proclamando l’autonomia della politica dall’etica; è invece un'orazione sulla redenzione dell’Italia e proprio in questo sta la sua attualità: nell'aspirazione alla grande politica che sa redimere i popoli.
 Maurizio Viroli insegna Comunicazione politica all’Università della Svizzera italiana e Government alla University of Texas at Austin.

26 ottobre - EMILIO GENTILE: Machiavelli e i tiranni
Machiavelli non amava i tiranni. “Quanto sono laudabili i fondatori d’una repubblica o d’uno regno”, affermava nei Discorsi, “tanto quelli d’una tirannide sono vituperabili.” Per il segretario fiorentino, il potere di uno solo è necessario a fondare un regno o una repubblica bene ordinata, cioè fondata sulle leggi uguali per tutti. Invece, il potere del tiranno sostituisce all’eguaglianza della legge la diseguaglianza dell’arbitrio. Tiranno è chiunque usi il potere per il proprio profitto e non per il bene comune. A dispetto di queste considerazioni, nel ventesimo secolo fu considerato il maestro dei tiranni totalitari. I quali, talvolta, si vantarono di essere suoi allievi.
Emilio Gentile ha insegnato Storia contemporanea all’Università di Roma La Sapienza.

2 novembre - ROBERTO ESPOSITO: l’Arte del Governo
Al centro dell’interesse di Machiavelli vi è il rapporto diretto tra politica e vita, come dimostra l’uso frequente di una terminologia biologica per definire lo scenario politico. La sua idea di governo è diversa sia da quella della tradizione umanistica italiana sia dal concetto che diventerà il nuovo modello  di sovranità. La sua più originale prospettiva  -ancora attualissima-  è costituita dalla relazione necessaria che istituisce tra "ordine" e "conflitto": il secondo, anziché essere elemento distruttivo del primo, ne è la sua condizione indispensabile.
Roberto Esposito insegna Filosofia teoretica all’Istituto Italiano di Scienze Umane di cui è anche vicedirettore.

9 novembre - GASTONE BRECCIA: Le armi del Principe
Le riflessioni di Machiavelli sull'arte della guerra hanno tracciato i nuovi confini di una disciplina fondata sul confronto tra il passato e il presente, tra l'esempio eroico delle legioni della repubblica romana, raccontate da Livio e Polibio, e il problema posto dall'affermazione dei mercenari svizzeri al servizio dei sovrani che si disputavano il dominio d'Europa sui campi di battaglia italiani. Per sconfiggere le truppe mercenarie Machiavelli propose il ritorno ad un esercito di cittadini, un modello organizzativo che aveva reso grande Roma: un'idea anacronistica che avrebbe dovuto però aprire la strada alla possibilità di riscossa dell’Italia.
Gastone Breccia insegna Storia bizantina all'Università di Pavia.

16 novembre - CARLO OSSOLA: Il Principe e il Cortegiano
Machiavelli e Castiglione attingono alla stessa immagine, nel Principe e nel Libro del Cortegiano, per tracciare due vie distinte di comportamento politico: per Machiavelli «gli arcieri prudenti, [...] pongono la mira assai più alta che il luogo destinato, non per aggiugnere con la loro freccia a tanta altezza, ma per potere con lo aiuto di sì alta mira pervenire al disegno loro»; per Castiglione, invece, «come di molti arcieri che tirano ad un bersaglio, quando niuno è che dia nella brocca, quello che più se le accosta senza dubbio è miglior degli altri». Ne deriva un diverso modo di pensare l'azione: mirare alla perfezione o misurare l'approssimazione; l'assoluto e il relativo si contendono il primato e la scena all’inizio del Cinquecento.
Carlo Ossola insegna Letterature moderne dell'Europa neolatina presso il Collège de France di Parigi.

23 novembre - ADRIANO PROSPERI: Machiavelli e Savonarola
Savonarola e Machiavelli sono una coppia inscindibile a cui la fortuna successiva ha affidato la funzione di grandi simboli: Medioevo e Modernità, religione disarmata e politica atea e immorale, profezia e ragione. Queste solenni e schematiche rappresentazioni hanno per reazione suggerito la possibilità di rovesciare i ruoli: Savonarola come modello di abile politico e Machiavelli come moralista e maestro di religione. Ma chi era Savonarola per Machiavelli? E che ruolo ha nella sua riflessione sul rapporto tra religione e arte dello stato?
Adriano Prosperi ha insegnato Storia moderna alla Scuola Normale Superiore di Pisa.

30 novembre - NICOLETTA MARASCHIO: Machiavelli e la lingua
Della scrittura politica di Machiavelli è la modernità che colpisce, l'eccezionale capacità argomentativa, la struttura basata sulla continua costruzione di contrapposizioni e parallelismi. Eppure le scelte miranti a rendere evidente l’organizzazione logica del ragionamento si accompagnano a una grande espressività, al frequente uso di efficacissime metafore e di forme spesso popolari e “parlate” che sottintendono una partecipazione fortemente passionale. Machiavelli scrive, insomma, in un fiorentino molto diverso dalla norma che sarà poi imposta da Pietro Bembo all’italiano.
Nicoletta Maraschio insegna Storia della lingua italiana presso l'Università di Firenze, è presidente dell'Accademia della Crusca.

7 dicembre - OTTAVIA NICCOLI: Vita privata di Machiavelli: gli amori e la famiglia
Machiavelli apparteneva ad una società che affidava alla penna le grandi idee e le esperienze fondamentali, ma anche le vicende personali e le pratiche quotidiane. Di lui, della sua vita e dei suoi aspetti più privati, conosciamo molto grazie alle consuetudini epistolari del tempo in cui è vissuto. Le sue lettere e quelle dei suoi corrispondenti permettono di entrare nel suo privato e di farci un’idea di come egli lo viveva: amori, relazioni occasionali e vita coniugale si intrecciano in un quadro che contribuisce ad aprire una finestra sulla vita sociale dell’Italia del primo Cinquecento.
Ottavia Niccoli ha insegnato Storia moderna e Storia dell’età della Riforma e della Controriforma nelle università di Bologna e di Trento.

14 dicembre -  GIULIANO AMATO: La grande politica
Machiavelli è considerato da tutti un grande maestro di politica più che un grande politico. Ma sul suo insegnamento le opinioni divergono. L’opinione più diffusa è che abbia insegnato il cinismo che giustifica ogni mezzo in vista del fine. Ma c’è un’opinione opposta, che vede nella sua politica la palestra della virtù, virtù come dedizione a una causa superiore che il politico deve perseguire con le regole morali più di chiunque altro. Nel tempo il segretario fiorentino è stato accreditato come lo scopritore dell’autonomia della politica ma anche come l’ideatore, in anticipo sui tempi, del moderno partito, il principe forgiatore della volontà collettiva.
Giuliano Amato è Presidente dell’Istituto dell’Enciclopedia Italiana Treccani e della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa.