giovedì 26 giugno 2014

Story Maps: un interessante strumento didattico


Nel post precedente abbiamo accennato a "Story Maps", uno strumento che può avere interessanti ricadute nella didattica.

Che cos'è una "story map"?

"Le Story Maps utilizzano la geografia come mezzo di organizzazione e presentazione delle informazioni. Raccontano la storia di un luogo, di un evento, di un problema, di una tendenza o di un modello in un contesto geografico. Esse combinano mappe interattive con altri contenuti - testi, foto, video e audio- all'interno delle esperienze dell'utilizzatore, che sono elementari e intuitive." (Fonte)


Ecco un video in cui il nuovo medium viene presentato:



Ecco alcuni esempi che potrebbero essere utilizzati o imitati a livello scolastico (NB non vengono qui segnalati tutti i tipi di applicazioni, per i quali si rinvia alla galleria del sito):

* Napoleon's March on Moskow 1812-1813 (app. Custom)


* 23 of the most beautiful squares in Europe (app. Map Tour)


* 40 Most interesting volcanoes (app. Play list)


* Ruines de Carthage Tour (app. Shortlist)


* The World in 1812 and 2013 (app. Spyglass)


mercoledì 25 giugno 2014

Mostra "Été 1914. Les derniers jours de l'ancien monde"


Dal 25 marzo al 3 agosto 2014 la Bibliothèque nationale de France organizza una mostra intitolata Été 1914. Les derniers jours de l'ancien monde.

Il sito pedagogico della BnF presenta molti materiali utili a organizzare una lezione CLIL. Tra questi, tre ci sembrano particolarmente accattivanti:

* agli insegnanti vengono fornite delle schede in formato pdf:
   - Cronologia dal luglio all'agosto 1914
   - L'opinione pubblica francese nel 1914 tra pacifismo e bellicismo
   - Cultura, divertimenti, vita quotidiana in Francia nel 1914

* per aiutare il pubblico non vedente, sono stati aggiunti dei commenti sonori, che ovviamente possono essere ascoltati proficuamente anche da studenti stranieri (Link):

(Fonte)

* per preparare la visita, la società Esri France propone delle "story maps" sulla Prima guerra mondiale (Link).

"Una story map, o racconto cartografico - si legge nella presentazione al sito appena citato - permette con l'ausilio di una mappa dinamica, di raccontare una storia, di presentare un luogo o un territorio, di confrontarli, di evidenziare un fenomeno, di catalogare degli oggetti o delle specie viventi. Le story map integrano testi, foto, documenti multimediali e funzioni interattive per rendere il contenuto vivente, accessibile, attraente ed educativo."

Ecco due esempi (tutte le mappe):

* la story map sulle 18 date chiave della Prima guerra mondiale


* la story map sull'evoluzione delle frontiere prima, durante e dopo la Grande guerra



Consultiamo i materiali dell'esposizione online.


Sfogliamo un'anticipazione del catalogo.

Guardiamo un video sulla mostra:



Guardiamo la puntata 1914: Les étincelles de la guerre della bellissima trasmissione del canale "Arte" Le Dessous des cartes:



martedì 24 giugno 2014

Mission Centenaire 14-18


Mission Centanaire 14-18 è il portale commemorativo francese dedicato al Centenario della Prima guerra mondiale (disponibile in Francese, Inglese e Tedesco).

Offre moltissimi materiali utili per organizzare delle lezioni CLIL e per approfondire il tema. Tra questi segnaliamo:

- una linea del tempo, che presenta i momenti chiave del conflitto, accompagnati da belle fotografie d'epoca, tutte accessibili tramite la biblioteca digitale Gallica.

La pagina relativa all'ingresso dell'Italia in guerra (Fonte)
- una sezione, intitolata Trésors d'archives, con materiali tratti da fondi pubblici e privati.


- una sezione dedicata alla letteratura, Petite bibliothèque di Centenaire, in cui i testi, in genere poco conosciuti, sono raggruppati in 4 sezioni: 1914-1919, 1920-1939, 1945-1979, 1980-2014.


- una sezione dedicata alla pittura, Peindre la guerre, in cui le opere artistiche sono raggruppate attorno a cinque nuclei tematici: Tradizione e avanguardia, Esplosioni, L'artiglieria, I ritratti, La Morte.




lunedì 23 giugno 2014

Un videogame sulla Prima guerra mondiale


Ubisoft Montpellier presenta in questi giorni un videogioco sulla Prima guerra mondiale, descritto in una intervista di Alessandra Contin a uno dei curatori ("La Stampa", 23 giugno 2014)

Trailer in italiano:



Trailer (diverso dal precedente) in inglese:



In questo video in inglese i creatori di Valiant Hearts illustrano le linee-guida a cui si sono attenuti:



Sul sito del prodotto vi è una linea del tempo con i principali avvenimenti della guerra.

Si legge che "Valiant Hearts: The Great War partecipa alla Mission Centenaire 14-18, il programma commemorativo francese dedicato alla Grande guerra che ha istituito la certificazione "Centenary" per i progetti più innovativi dedicati al conflitto. Tale certificazione conferma l'accuratezza storica di Valiant Hearts attraverso la collaborazione con gli storici della commissione."

domenica 22 giugno 2014

Immagini della Rivoluzione francese


In queste settimane ho lavorato a una presentazione power point da utilizzare il prossimo anno scolastico.

In casi analoghi le immagini hanno un grande peso, in quanto veicolo di informazioni supplementari rispetto alle parole.

Era mia intenzione utilizzare immagini d'epoca.

Segnalo alcuni siti molto utili per reperire immagini sulla Rivoluzione francese:

ANRF (Archives Numériques de la Révolution française) / FRDA (French Revolution Digital Archive), una collaborazione tra le biblioteche dell'Università di Stanford e della Bibliothèque nationale de France




  

- UCL Art Museum: French Revolution Teaching Pack

Una delle pagine del sito (Fonte)
Un volume di estremo interesse è la Collection complete des Tableaux historiques de la Révolution française, un progetto editoriale la cui storia è riassunta in una scheda a cura di Claudette Hould. In sintesi: ci furono cinque edizioni tra il 1791 e il 1817. La prima aveva 48 tavole; l'ultima, in tre volumi, 144 "tableaux" e 66 ritratti. L'impresa conobbe parecchi rimaneggiamenti, corrispondenti all'evoluzione della politica francese (si pensi, ad esempio, che l'ultima edizione apparve dopo il ritorno dei Borbone). Le tavole conobbero presto una diffusione europea; vi furono edizioni in Olanda, Germania e Belgio.

Una copia dei Tableaux, esposta al Museo del libro di Žďár nad Sázavou (Rep. Ceca)
Online sono disponibili alcune stampe, tra cui la serie Lotto 6874 del sito della Library of Congress, Print & Photographs Online Catalogue.
Il volume 2 dell'edizione del 1798 è stato digitalizzato ed è sfogliabile su Gallica.

54˚ Tavola: Il ritorno di Luigi Capeto da Varennes a Parigi - 26 giugno 1791 (Fonte)
Accesso al volume in modalità "sfogliabile"

Molto interessante anche la Galerie historique, ou Tableaux des Evénemens de la Révolution française, incisa da Philippe Joseph Maillart & G. Jakowick, ed edita a Bruxelles da J. Chateigner nel 1796-1798. Ogni tavola propone circa 15 episodi in finestre circolari numerate e ne descrive il contenuto in un elenco collocato nella parte inferiore del foglio (Riproduciamo, a titolo di esempio, la prima tavola: dal n. 1 / Gennaio 1787 - 7 ottobre 1788 -Assemblée des Notables de toutes les Villes, convoqués par le Roi à Versailles- al n. 16 / 12 luglio 1789 -Le Peuple fesant fermer l'Opéra de Paris, pour la retraite de M. Necker-). 

Galerie historique, tavola 1: avvenimenti da 1 a 16


mercoledì 18 giugno 2014

Esame di stato 2014: le tracce assegnate


Sul sito del Miur sono disponibili, in formato pdf, le tracce assegnate questa mattina agli studenti dell'ultimo anno delle scuole secondarie di secondo grado.


---

Poiché alcuni organi di stampa e siti, come ogni anno, pubblicavano le tracce con largo anticipo rispetto alla scadenza della prova, mi son chiesto che cosa avesse scritto quest'anno il Gruppo di Firenze, da tempo impegnato nella denuncia di questa cattiva pratica. Ecco il post  pubblicato oggi sul blog del Gruppo, il quale rinvia a sua volta a un articolo di Flavia Amabile, apparso su "La Stampa".

sabato 14 giugno 2014

Correzioni 2013/2014


Continua l'impegno che ci siamo assunti tempo fa di aggiungere a fine anno un'immagine che renda evidente il LAVORO svolto a casa, per correggere e valutare gli scritti degli studenti.

Prove corrette e valutate nell'a.s. 2013/2014
Le ragioni della nostra "testardaggine" sono state spiegate in post precedenti:

* Correzioni 2012/2013

* Ancora sul carico di lavoro degli insegnanti: l'Italia non sa calcolare ciò che altri Paesi calcolano

Cogliamo l'occasione per aggiornare la foto dello studio dei docenti di italiano in un liceo ceco, dato che quest'anno è stato rinnovato completamente. È un segno evidente della volontà di investire concretamente nella scuola, al fine di migliorare le condizioni di lavoro dei suoi operatori.

Lo studio di quattro docenti di italiano in un liceo ceco
Lo studio da un'altra prospettiva


venerdì 6 giugno 2014

La piattaforma Educazione digitale 2.0




Educazione Digitale - si legge nella presentazione - è una "piattaforma didattica, riservata esclusivamente agli insegnanti, che offre strumenti didattici, interessanti contenuti e risorse pedagogiche da utilizzare in classe o in aula di informatica. 

Grazie alle innovative metodologie didattiche, basate sulle nuove tecnologie dell'informazione e della comunicazione (ICT), in questo spazio è possibile trovare tutto il necessario per lezioni extracurricolari dinamiche e coinvolgenti, in grado di favorire un processo di apprendimento efficace, immediato e, finalmente, personalizzabile in base alle reali esigenze degli alunni."

Tra i percorsi offerti, ve ne è uno dedicato alla Cittadinanza europea, in passato segnalato dal nostro blog, con materiali specifici per la scuole secondaria di secondo grado.


Il sito è curato dalla società CivicaMente.