sabato 20 dicembre 2014

Michele Rocca: Angelica e Medoro


Oltre al dipinto di Carletto Caliari, di cui abbiamo parlato qualche tempo fa, la Galleria Nazionale di Praga (Palazzo Sternberg) possiede un altro quadro sulla vicenda di Angelica e Medoro: una piccola tela di Michele Rocca, un pittore del XVIII secolo.


Come da tradizione, la coppia è ritratta nel momento in cui incide i nomi su un tronco, tuttavia, in modo abbastanza inconvenzionale, i due amanti sembrano appena usciti da un fiume o paiono quasi librarsi nell'aria. Tutto intorno svolazzano degli amorini. Uno di questi è intento a leggere i nomi dei due amanti, precedentemente incisi su una pietra.



È incredibile quante variazioni esistano di questa piccola tela, sparse nei musei di vari Paesi e sul mercato antiquario.

Nel database della Fondazione Zeri è segnalata una copia posseduta dal The Walters Arts Museum di Baltimore (Maryland).

Fonte

Una versione con un altro amorino, munito di arco e svolazzante a fianco di Angelica, è indicata al sito dello storico dell'arte Martin Hiscsboeck.

Fonte

Una versione ancora diversa, con due putti intenti a leggere e senza compagni che svolazzano intorno all'albero, si trova invece al Wallraf-Richartz Museum di Colonia:

Fonte

Si veda anche la segnalazione della Fondazione Zeri da cui risulta una copia al Museo Civico di Prato.

Una copia era presente in un'asta di Sotheby's nel 2007:

Fonte
Infine un'altra copia è stata venduta a un'asta di Christie's nel 2014:

Fonte

venerdì 19 dicembre 2014

Segnalazione: VIVIT. Il portale dell'italiano nel mondo


Il 9 dicembre 2014 è stato presentato a Milano   VIVIT - Vivi italiano. Il portale dell'italiano nel mondo.

Si tratta di un "archivio digitale integrato di materiali didattici, testi e documentazioni iconografiche e multimediali per la conoscenza all'estero del patrimonio linguistico e storico-culturale italiano"; una risorsa molto utile e forse poco conosciuta, che vorremmo anche noi contribuire a diffondere con questa segnalazione.



Segnalazione: L'italiano in prospettiva


Una notizia del sito del Dipartimento Politiche europee, datata 18 dicembre 2014, fa il punto sulla XV Giornata della REI, Rete per l'eccellenza dell'italiano istituzionale, svoltasi all'inizio del mese a Roma e intitolata "L'italiano nel mondo globalizzato: quale presente e quale futuro? La prospettiva europea".

Segnaliamo anche che una pagina del sito della Commissione europea, riprodotta in parte nell'immagine seguente, presenta molte utili risorse sull'uso corretto dell'italiano.



giovedì 18 dicembre 2014

Booktrailer in pillole


Il Booktrailer Film Festival ha da poco aggiunto al suo canale You Tube una serie di nove video che spiegano "in pillole" come realizzare un filmato efficace su un libro. I "buc-trailer" sono realizzati da Vincenzo Beschi, con la partecipazione di Tito Baresani.

Ecco, a titolo di esempio, il video in cui Anita Guerini, studentessa del Liceo "Calini" di Brescia, spiega perché è importante fare booktrailer.



mercoledì 17 dicembre 2014

Joseph Führich e Tasso / I Nazareni e la letteratura italiana


Presso il Museo Salm di Praga si tiene una mostra su Joseph Führich.

L'artista, nato in Boemia nel 1800, trascorse due anni a Roma (dal 1827 al 1829), frequentando il gruppo di pittori tedeschi chiamati Nazareni. Führich ebbe l'opportunità di collaborare alla loro più importante commissione: la decorazione del cosiddetto Casino Massimo, la villa che Carlo Massimo aveva acquistato dai Giustiniani. Führich completò la stanza su Tasso, affidata inizialmente a Johann Friedrich Overbeck, e creò tre affreschi su motivi della Gerusalemme liberata.

In mostra vi sono due lavori del 1828, collegati al grande progetto: un acquerello per l'affresco Rinaldo e Armida nella foresta incantata (di proprietà della Galleria Nazionale di Praga)






e uno studio per l'affresco Pietro d'Amiens [Pietro l'Eremita] e Goffredo di Buglione depongono le loro armi sul Santo sepolcro a Gerusalemme (appartenente alla Galleria della Boemia occidentale di Pilsen [Západočeská Galerie v Plzni]).













In mostra non vi sono invece opere relative al terzo affresco, documentato invece sul catalogo della mostra.


---

Cenni sulla decorazione della Villa (o Casino) Giustiniani Massimo Lancellotti a Roma.

La Villa, costruita nel XVII secolo per il marchese Vincenzo Giustiniani, fu venduta inizialmente ai Massimo e successivamente ai Lancellotti. Dopo la seconda guerra mondiale l'edificio divenne la sede della Delegazione per l'Italia della  Custodia di Terra Santa.
Gli affreschi più noti della Villa sono quelli delle tre stanze del pianterreno decorate dai Nazareni e dedicate a Dante, Ariosto e Tasso. Il progetto di una quarta stanza, con temi tratti dalle opere di Petrarca, non fu mai realizzato.

La stanza di Dante, inizialmente affidata a Peter von Cornelius, venne poi affrescata da Philipp Veit e Joseph Anton Koch. Al primo si deve la decorazione del soffitto, con la rappresentazione del Paradiso; al secondo quella delle pareti, con episodi dell'Inferno e del Purgatorio.

Fonte

Fonte e descrizione

La stanza di Ariosto fu realizzata da Julius Schnorr von Carolsfeld.

Fonte

La stanza di Tasso fu iniziata da Johann Friedrich Overbeck, il quale abbandonò il progetto alla morte di Carlo Massimo. Fu completata appunto da Joseph Führich.

Video:




Bibliografia:

Monica Minati, Il Casino Giustiniani Massimo al Laterano, Edizioni Terra Santa 2014 [scheda]

lunedì 8 dicembre 2014

Segnalazione: Il rapporto sui bilanci nazionali per l'educazione


Eurydice ha appena pubblicato un rapporto sui bilanci nel settore educativo.

Descrizione (dal sito citato):

"Investment in education is a priority area in the Europe 2020 strategy. However, the lack of recent information on public investment in education in Europe makes it difficult to monitor and discuss this topic, to pinpoint the factors explaining changes to educational investments, and to analyse recent reforms undertaken by countries within their budgetary framework. Therefore, Eurydice has produced the National Sheets on Education Budgets in Europe – 2014, which provide the most recent data on planned education expenditure in European countries. National education budgets are presented by type of expenditure and level of education. The publication makes it possible to identify changes in education budgets between 2013 and 2014. Moreover, the national sheets address the reasons for changes in the budgets."

Traduzione: "Gli Investimenti nell'educazione/istruzione sono una voce prioritaria nella strategia Europa 2020. Tuttavia, la mancanza di informazioni recenti sugli investimenti pubblici nel settore dell'educazione/istruzione in Europa rende difficile monitorare e discutere questo argomento, individuare i fattori che spiegano modifiche agli investimenti formativi, e analizzare le recenti riforme intraprese dai paesi all'interno del loro quadro di bilancio. Pertanto, Eurydice ha prodotto le schede nazionali per i bilanci dell'educazione/istruzione in Europa - 2014, le quali forniscono i dati più recenti sulla spesa per l'educazione/istruzione previsti nei paesi europei. I bilanci nazionali sono presentati per tipologia di spesa e livello di istruzione. La pubblicazione consente di rilevare variazioni del bilancio dell'istruzione tra il 2013 e il 2014. Inoltre, le schede nazionali illustrano i motivi per i cambiamenti nei bilanci."

Tabella p. 4:


L'Italia p. 38:



L'Italia p. 39:



domenica 7 dicembre 2014

Angelica e Medoro di scuola toscana del XVII secolo



Fra piacer tanti, ovunque un arbor dritto
vedesse ombrare o fonte o rivo puro,
v'avea spillo o coltel subito fitto;
così, se v'era alcun sasso men duro:
et era fuori in mille luoghi scritto,
e così in casa in altritanti il muro,
Angelica e Medoro, in varii modi
legati insieme di diversi nodi.


Il catalogo online di una prossima asta della casa viennese Dorotheum presenta un quadro sul tema di Angelica e Medoro. I due amanti sono intenti a incidere i loro nomi sulla corteccia di un albero, come si narra al canto XIX del Furioso (citato sopra).

Fonte