lunedì 21 marzo 2016

Fiori del giardino di Alessandro Manzoni


  








Il giardino, inaugurato il 6 ottobre 2015, fa ora parte delle Gallerie d'Italia, il polo museale milanese di Intesa Sanpaolo.

Per approfondire:



domenica 20 marzo 2016

Un busto di Vittorio Alfieri


Nell'ambito delle Giornate di Primavera organizzate dal Fai era possibile visitare il Teatro e l'Accademia dei Filodrammatici di Milano, e ammirare così un busto di Vittorio Alfieri.

Ricordiamo che la nuova sala del Teatro Patriottico, il cui progetto era stato inizialmente affidato a Giuseppe Piermarini, al quale era poi subentrato Luigi Canonica, venne inaugurata il 21 dicembre 1800, proprio con una rappresentazione del Filippo di Alfieri. Il Teatro, che nel frattempo era stato ribattezzato col nome attuale, assieme all'omonima Accademia, vide l'avvicendarsi di noti presidenti, soci, insegnanti e attori, tra cui possiamo ricordare Vincenzo Monti, Carlo Porta, Ugo Foscolo, Cesare Beccaria e Giuseppe Giacosa.




Si veda anche il seguente busto, attribuito allo scultore Pompeo Marchesi:

Fonte


Per approfondire:

Vincenzo Monti, Licenza ("Eseguitasi nel teatro de' Filodrammatici di Milano il giorno che fu inghirlandato il busto di Vittorio Alfieri alla presenza di S. A. I. il principe Eugenio, e rappresentata l'Antigone. (29 ottobre 1805)"], in Componimenti drammatici, Milano, Società Tipografica de' Classici Italiani, 1834, pp. 69-70 [Google Libri]

Paola Bigatto - Renata M. Molinari, L'Attore Civile. Una riflessione fra teatro e storia attraverso un secolo di eventi all'Accademia dei Filodrammatici di Milano, Titivillus Edizioni, 2012 [ scheda libro / un pdf con le prime pagine del volume è disponibile online]

Amerigo Sassi, Pompeo Marchesi scultore, Gavirate, Nicolini Edizioni, 2001

giovedì 17 marzo 2016

Segnalazione: la mostra "Aldo Manuzio. Il rinascimento di Venezia"


Consulta il sito della mostra.

Guarda il video:




Ascolta l'intervista a uno dei curatori della mostra, Guido Beltramini:




Leggi il comunicato stampa:

"La mostra presenterà la storia dell’uomo che ha inventato il libro moderno e il concetto stesso di editoria, facendo di Venezia la capitale internazionale della stampa.
L’esposizione, attraverso capolavori assoluti di Giorgione, Carpaccio, Giovanni Bellini, Cima da Conegliano, Tiziano, Lorenzo Lotto, Pietro Lombardo, racconterà come il progetto di Aldo e i suoi preziosi libri si intrecciarono a Venezia con un’arte nuova, nutrita dalla pubblicazione dei classici greci e latini.
Dal 19 marzo al 19 giugno 2016, alle Gallerie dell’Accademia, la mostra Aldo Manuzio. Il rinascimento di Venezia, curata da Guido Beltramini, Davide Gasparotto, Giulio Manieri Elia, ripercorre una stagione unica e irripetibile nella storia della cultura europea e occidentale, durante la quale il libro si rivelò capace di trasformare il mondo dando vita al rinascimento di Venezia, città effervescente - con oltre 150mila abitanti nel XVI secolo è una tra le più ricche e popolose città del continente - dove ogni tipo di linguaggio artistico riesce, nello spazio di pochi decenni, a trovare la sua più efficace espressione.
È nel Cinquecento che Venezia conquista e afferma definitivamente il ruolo di cerniera tra l’Oriente e l’Occidente, passando da essere semplice piattaforma per scambi di natura commerciale a luogo dove si mescolano culture, tradizioni, saperi.
Sfruttando l’imponente rete logistica della quale solo una città mercantile come Venezia poteva disporre, Manuzio riuscì a immaginare e realizzare il suo straordinario programma che per la prima volta prevedeva di rendere disponibili al pubblico degli studiosi e di letterati del suo tempo i grandi classici della cultura greca, da Omero ad Aristotele, da Sofocle a Euripide a Tucidide, per poi raccogliere i testi latini da Virgilio a Cicerone, da Orazio a Ovidio, a Catullo, a Properzio, Lucrezio, Giovenale, Marziale, e ancora ebraici e italiani della nuova letteratura in volgare.
Proprio grazie a Manuzio e alla sua collaborazione con Pietro Bembo, il volgare si affermava, accanto al latino, come la lingua della contemporaneità in tutta Europa, confermandosi tale secondo il canone che elesse Dante, Petrarca e Boccaccio come modelli.
La circolazione di questo patrimonio di testi e di idee non solo contribuì a creare una cultura comune europea, capace di integrare l’ambito classico greco-romano al mondo moderno e contemporaneo, ma favorì l’emergere di temi e motivi assolutamente nuovi anche nel campo delle arti figurative; maestri quali Giovanni Bellini, Cima da Conegliano, Jacopo de’ Barbari trassero decisa ispirazione dai testi della classicità greca e latina, ora finalmente fruibili con facilità anche da un pubblico laico.
A seguito della riscoperta della poesia greca e latina, la pittura rivolge ora un nuovo sguardo anche sulla natura: abbandonate le suggestioni medievali che dipingevano una natura ostile, dura, popolata da fiere feroci, l’arte si apre a una rappresentazione del paesaggio inteso come culla della civiltà, come paradiso terrestre nel quale l’uomo è destinato a vivere.
La mostra testimonierà questo passaggio attraverso i paesaggi di Giorgione, i disegni del giovane Tiziano, le incisioni di Giulio Campagnola, i bronzetti di Andrea Briosco.
Un’importante sezione del percorso espositivo sarà dedicata all’intenso rapporto che legò Aldo alla cultura del nord d’Europa e a Erasmo da Rotterdam. Il filosofo olandese - che per pubblicare la nuova e definitiva edizione dei suoi Adagia visse a Venezia, ospite della famiglia di Manuzio per quasi un anno - oltre ad apprezzare la cura delle edizioni aldine, riteneva che fosse di importanza fondamentale, per la circolazione trasmissione del suo pensiero in tutta Europa, che i suoi lavori fossero stampati proprio da Manuzio.
La mostra non mancherà di proporre la Hypnerotomachia Poliphili, il libro illustrato più celebre e raffinato di Aldo Manuzio con fantasiose xilografie forse approntate su disegno del miniatore Benedetto Bordon.
Aldo Manuzio. Il rinascimento di Venezia è promossa dal Comitato per il V Centenario della morte di Aldo Manuzio e dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo con le Gallerie dell’Accademia di Venezia, principale donor partner World Monuments Fund, in memoria di George e Vera Kaestlin-Bock."

(Fonte)

Per approfondire:

* Biografia a cura di Mario Infelise (Dizionario Biografico Treccani)

* Mostra virtuale di dieci aldine della Biblioteca Marciana di Venezia

domenica 6 marzo 2016

Ingres : L'Aretino e l'inviato di Carlo V


Nel seguente video, tratto dal canale del Musée des Beaux-Arts di Lione, viene illustrato un quadro di Ingres: L'Aretino e l'inviato di Carlo V.