giovedì 7 settembre 2017

mercoledì 6 settembre 2017

Segnalazione: Adelchi torna a rivivere a Pavia




«Adelchi torna a rivivere a Pavia.

Il figlio di Desiderio, l'ultimo re dei Longobardi, è protagonista all'interno del Castello Visconteo attraverso la voce e i movimenti di attori e docenti universitari.

Si tratta di quattro appuntamenti, realizzati nell'ambito di CULT CITY e organizzati dai professori Carla Riccardi, Giorgio Panizza, Gianfranca Lavezzi, Dario Mantovani dell’Università degli Studi di Pavia, in collaborazione con la Società Dante Alighieri, che prevedono letture di passi dell'Adelchi da parte dell'attore Davide Ferrari, e commenti a opera di docenti di estrazione diversa, dalla letteratura alla giurisprudenza.

Ogni incontro, della durata di 1h30' ciascuno, si concentra su un passo scelto dell'opera manzoniana, per trattare un argomento che abbia un interesse contemporaneo e non solo storico-filologico.

Il 23 settembre alle ore 16 sono protagonisti "I primi atti dell'Adelchi: i conflitti, il ripudio, la guerra.."; il 14 ottobre (ore 16) è la volta di "Né signori né servi: alle origini della nazione (Coro Atto III, «Dagli atri muscosi»", con Giorgio Panizza. Il 4 novembre (ore 16) Dario Mantovani presenta "Romani o Longobardi? Quando la storia diventa poesia". Il ciclo di appuntamenti si chiude il 25 novembre (ore 16) con "Il finale: sconfitta e morte degli eroi tragici".»

[Fonte; vedi anche il sito della mostra sui Longobardi del Comune di Pavia]

venerdì 1 settembre 2017

Un blog didattico per studenti di un corso ITI Chimica


LINK

"Anno nuovo, blog nuovo!" è il caso di dire con un pizzico di auto-ironia.

Da settembre insegnerò in un nuovo istituto, il "Torriani" di Cremona, e, in particolare, in un corso per chimici; pertanto era inevitabile pensare se valesse la pena di creare un nuovo blog didattico.  Rispetto a quelli degli anni precedenti ("Stramod" per un corso di design di moda, "Stramob" per un corso di design d'arredo e "Casa Vacchelli" per un corso CAT Costruzioni Ambiente Territorio ex Geometri), riconosco di avere minori competenze, tuttavia le ragioni che stavano alla base dei precedenti progetti non si sono esaurite: tentare, innanzi tutto, di collegare il sapere letterario e storico con quello delle discipline professionalizzanti, allargare l'orizzonte culturale dei ragazzi, mostrare che la rete si può utilizzare anche per lo studio.

Partiremo da una serie di post sullo splendido libro di Primo Levi, Il sistema periodico, che ogni studente di un corso per chimici deve conoscere.

Buona lettura a tutti gli interessati!

giovedì 31 agosto 2017

Un bilancio di un blog didattico creato all'inizio dell'anno scolastico 2016/2017


Un anno fa avevo accennato alla nascita di un nuovo blog didattico: "Casa Vacchelli", creato per studenti di un corso CAT (Costruzioni Ambiente Territorio).

Due post finali (30 e 31 agosto) delineano un bilancio della proposta.

Vorrei qui segnalare che alcuni "articoli" hanno avuto per oggetto il tema "letteratura e architettura":

* i post sulle case di Dante, Petrarca, Ariosto, Goldoni, Verga e Malaparte. L'idea iniziale di occuparsi di tutti gli autori che si studiano nel triennio non è stata conclusa, ma val la pena di ricordare la serie di documentari da cui saremmo partiti nel caso in cui l'avessimo portata a termine: "La selva delle lettere" di Luigi Boneschi.




* i post su un edificio progettato (sebbene poi non realizzato) a partire da un testo letterario: il "Danteum" di Giuseppe Terragni. Ne abbiamo parlato in tre post, di cui l'ultimo è una magnifica conferenza di Attilio Terragni.




Vi sono anche post che si occupano di didattica dell'italiano scritto e orale: come scrivere una relazione sull'esperienza di alternanza scuola-lavoro, come prepararsi al colloquio con cui si conclude l'esame di stato, spunti per le cosiddette "tesine".

domenica 6 agosto 2017

Una giornata della memoria per le vittime meridionali dell'Unità d'Italia




Il Consiglio regionale della Puglia ha recentemente approvato una mozione per istituire una "giornata della memoria per le vittime meridionali dell'Unità d'Italia".

Il testo della mozione 139 (4 luglio 2017) recita:

«IL CONSIGLIO REGIONALE

Premesso che:

- l’unità d’Italia costò la vita di almeno 20 mila meridionali, sebbene autorevoli storici annoverano finanche 100 mila vittime;

- numerosi paesi furono rasi al suolo. In particolare si ricorda la strage di Pontelandolfo e Casalduni;

- nella maggior parte dei testi scolastici e universitari le pagine più oscure della storia d’Italia sono appena annoverate;

- non esiste una giornata ufficiale della memoria dedicata ai meridionali che perirono in occasione delle procedure di annessione del Mezzogiorno,

IMPEGNA

il Presidente e la Giunta regionale:

a indicare il 13 febbraio come giornata ufficiale in cui si possano commemorare i meridionali che perirono in occasione dell’unità, nonché i relativi paesi rasi al suolo;

ad avviare, in occasione della suddetta giornata della memoria, tutte le iniziative di propria competenza al fine di promuovere convegni ed eventi atti a rammentare i fatti in oggetto, coinvolgendo anche gli istituti scolastici di ogni ordine e grado.»

Storici e intellettuali si stanno mobilitando per invocarne il ritiro.


Attività:

* Leggiamo la mozione del Consiglio regionale della Puglia.

* Leggiamo il comunicato della Società italiana per lo studio della storia contemporanea.

* Ascoltiamo la lettura di un articolo dello storico Guido Crainz all'interno della nota trasmissione di Radio 3, Prima pagina (Podcast 5 agosto 2017, minuti 19:22-26:06; l'articolo è stato pubblicato dal quotidiano "la Repubblica").

* Leggiamo l'intervento dell'editore Alessandro Laterza, Non ha senso la giornata della memoria sudista ("Corriere della Sera", 6 agosto 2017).

giovedì 8 giugno 2017

Correzioni 2016/2017


Continua la nostra serie di post di fine anno, per documentare attraverso immagini un aspetto del lavoro dei docenti di italiano, troppo spesso sottostimato.

Prove corrette e valutate a.s. 2016/2017

Relazioni alternanza scuola-lavoro a.s. 2016/2017 classe quarta 

Relazioni alternanza scuola-lavoro a.s. 2016/2017 classe terza

domenica 4 giugno 2017

In Viaggio con Dante - Regia di Lamberto Lambertini




Playlist sull'Inferno, Maratona infernale, canale YouTube "ladante.it"

Playlist sul Purgatorio, Montagna infinita, canale YouTube "ladante.it"

L'intero progetto sul sito della Dante Alighieri:

LINK



venerdì 2 giugno 2017

"Enciclopedia Infinita", il nuovo progetto editoriale della Dante Alighieri






«Martedì 30 maggio, a Palazzo Firenze (Roma), è stata celebrata la Giornata della Dante in occasione della quale il Presidente, Prof. Andrea Riccardi, ha presentato al pubblico il nuovo progetto di Enciclopedia infinita. Il lavoro, frutto di un’idea di rilancio della Dante che intende confermare la sua missione di promozione della lingua e della cultura italiane, sarà diffuso a partire dall’area italofona, dell’italsimpatia e nella rete del “mondo italiano”. Ascoltiamo il vicepresidente della Dante Paolo Peluffo e il regista Lamberto Lambertini, autore di Pillole della Dante, Poeti Italiani e In Viaggio con Dante.» [Fonte: informazioni che accompagnano il video; canale YouTube "ladante.it"]

Link

giovedì 25 maggio 2017

Segnalazione: il programma "Pirandelliana"


LINK



Su Pirandello, si vedano anche le puntate "ARCHIVIO TEATRALE Luigi Pirandello a 150 anni dalla nascita"

domenica 21 maggio 2017

Dante prima





«"Danteprima”, avvio d’emozione che anticipa le celebrazioni che nel 2021 ricorderanno Dante Alighieri nell’anniversario dei 700 anni dalla morte, è un progetto ideato da Marco Santagata e sostenuto dal Comune di Pisa, in collaborazione con Scuola Normale Superiore di Pisa, Università di Pisa, Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa, Fondazione Teatro di Pisa, Regione Toscana, Fondazione Blu, Museo della Grafica, Opera della Primaziale Pisana, Cineclub Arsenale.
Un’immersione nella vita e nella straordinaria opera del sommo poeta, che arriva dopo il successo di “Dante Posticipato”, la rassegna 2016 pensata in continuità con le celebrazioni del 750° anniversario della nascita di Dante.
Quattro giorni di incontri, mostre, installazioni, spettacoli, passeggiate e film, introdotti dalla Lectio Magistralis di Luigi Blasucci e interpretati da protagonisti indiscussi della cultura italiana, con la sorpresa del concerto diretto da Nicola Piovani nello scenario della storica Piazza dei Cavalieri, sede della prestigiosa Scuola Normale Superiore e l’attesa e spettacolare esibizione dell’attore Fabrizio Gifuni, narratore di versi del Paradiso dai gironi della torre pendente, che per la prima volta nella sua storia secolare si presta ad essere palcoscenico e scenografia di un evento teatrale. Anche così Pisa si vuol confermare città dantesca.»

[Fonte, con l'aggiunta di un link]

Approfittiamo dell'occasione per guardare un video sui legami tra Dante e Pisa:




venerdì 19 maggio 2017

Segnalazione articolo "Eccessivo fervore per la tecnologia"


[Fonte]

Il "Sole 24 Ore Scuola" pubblica oggi un interessante articolo di Pietro Bordo, che segnaliamo a tutti per la chiarezza e lucidità.

domenica 14 maggio 2017

Dante al Ravenna Festival 2017


Inferno costituisce la prima parte del progetto La Divina Commedia: 2017-2021 di Marco Martinelli e Ermanna Montanari (nel 2019 sarà la volta del Purgatorio e nel 2021 del Paradiso).

Commissionato dal Ravenna Festival e coprodotto con Teatro Alighieri e Ravenna Teatro-Teatro delle Albe, coinvolgerà l'intera città a partire dal 25 maggio e fino al 2 luglio per un totale di 34 rappresentazioni.

"Cantiere Dante" è il grande "laboratorio" rivolto ai cittadini interessati a partecipare allo spettacolo, coinvolti a vario titolo nella costruzione di scene e costumi o nella recitazione corale, nel canto, nella danza e nel movimento.

Per tutto il periodo in cui andrà in scena Inferno, ogni mattina gli spettacoli di Giovani artisti per Dante rinnoveranno l'incontro con il Poeta.

InCanti. Su l'Alileggier: «Coinvolgendo tutte le arti – dal teatro alla musica, dalla danza alla pittura – gli studenti del Liceo Artistico ["P. L. Nervi - G. Severini" di Ravenna] portano sulla scena l’incontro ideale fra Giovan Battista Marino, il poeta barocco di origine partenopea che visitò Ravenna nel 1606, e Dante Alighieri, la cui influenza si estese all’Adone del Marino: un dialogo fra poeti ma anche fra due secoli – il Trecento e il Seicento – per esplorare la storia della città attraverso le voci di Marino e di Dante» (fonte citata più avanti).

Il viaggio sonoro di Dante: «Composizione nuova per due arpe, liuto, viola, violino e musica elettronica, questo itinerario firmato dal collettivo olandese Musica al Dante accompagna il pubblico attraverso gli ambienti sonori della Commedia, dalla cacofonia dell’Inferno alla monodia del Purgatorio, fino alla polifonia paradisiaca, con il coinvolgimento dei bambini delle scuole locali per il canto del “cattivo coro de li angeli” (Inf. III) e il canto degli angeli del Paradiso» (Fonte citata più avanti).

LINK:

* Cantiere Dante

Inferno

* Il Festival per Dante

* InCanti. Su L'Alileggier

* Il viaggio sonoro di Dante





La seconda edizione del bando internazionale per spettacoli dedicati al Poeta (29 nov. 2016)


domenica 5 febbraio 2017

Segnalazione: la lettera aperta "Contro il declino dell'italiano a scuola"


Sul blog del "Gruppo di Firenze. Per la scuola del merito e della responsabilità" è stata pubblicata una lettera aperta, firmata da molti docenti universitari, in cui vengono avanzate alcune proposte per porre un argine al declino dell'italiano a scuola.

Verrebbe da esclamare «Il re è nudo; finalmente si ha il coraggio di ammetterlo e scriverlo sui giornali!», ma sarebbe una facile consolazione. Che la situazione sia, da anni, grave lo sanno tutti i docenti, a qualsiasi livello di istruzione: dalla scuola primaria all'università. È vero però che da qualche tempo gli insegnanti assistono, verrebbe da dire "impotenti", alla presenza di errori che fino a poco fa caratterizzavano solo le produzioni scritte e orali di studenti stranieri. Contemporaneamente si assiste all'incapacità di comprendere testi che fino a poco fa non creavano problemi.
Ben venga dunque ogni iniziativa come questa lettera aperta, che spinga tutti gli italiani a riflettere e che chieda a chi ha il potere di introdurre migliorie un cambio di rotta.
L'importante è unire le forze, accordarsi su ciò che davvero vogliamo. Se l'obiettivo è davvero arginare il declino dell'italiano a scuola, non è utile limitarsi a dare la colpa ai docenti di questo o quel livello oppure dare sfogo ad una comprensibile rabbia, anticipando allo stesso tempo che ormai non ci sia più nulla da fare.